; Ristorante, come aerosol e aria condizionata diffondono il virus
Home / Coronavirus / Ristoranti e Covid-19: una simulazione rivela come l’aerosol e l’aria condizionata diffondono il virus

Ristoranti e Covid-19: una simulazione rivela come l’aerosol e l’aria condizionata diffondono il virus

Tra il 26 gennaio e il 10 febbraio del 2020 dieci persone di tre nuclei familiari, che avevano tutte mangiato in un ristorante di Guangzhou, in Cina, si sono ammalate di Covid-19. La vicenda – una delle prime a essere documentata con tutti i particolari, e già oggetto di alcuni studi – è tornata al centro dell’interesse di un gruppo di ricercatori dell’Università del Minnesota, negli Stati Uniti, che hanno approfondito le modalità di trasmissione del coronavirus via aerosol (goccioline più piccole delle droplets, che proprio perché leggerissime restano sospese in aria molto più a lungo) in uno studio appena pubblicato su Physics of Fluids. 

In base a quanto riscontrato, è piuttosto evidente che una grande responsabilità nel contagio avvenuto in quel ristorante, come in tutti gli ambienti chiusi con caratteristiche simili, ce l’ha avuta il sistema di condizionamento dell’aria, insieme alla mancata adozione di opportune misure preventive.

Per definire meglio la situazione, i ricercatori americani hanno introdotto nelle simulazioni un gran numero di variabili relative alla circolazione dell’aria forzata data dai condizionatori. Gli autori hanno sovrapposto i movimenti d’aria con quello degli aerosol emessi dalle persone (infette e non), includendo i parametri relativi alla turbolenza, al movimento dell’aerosol nei flussi d’aria, agli effetti termici e al sistema di filtraggio.

Il risultato è un video abbastanza impressionante, che illustra molto bene cosa è successo ma, soprattutto, fa capire perché i luoghi chiusi con più persone restano quelli più a rischio di contagio, e quanto sia difficile evitare di entrare in contatto con gli aerosol, se è presente un individuo che li emette (anche asintomatico, ovviamente).

Happy waiter wearing protective face mask while serving food to guests in a restaurant.
Una simulazione ricostruisce come l’aria condizionata diffonde in un ristorante l’aerosol che trasporta il coronavirus

Le simulazioni hanno mostrato l’estensione delle interazioni tra l’aria condizionata, gli aerosol e i clienti, e hanno anche fatto emergere due tipi di diffusione a cui spesso non si pensa: quello dal basso, sotto i tavoli, attraverso il quale le goccioline tendono a salire per differenze di temperatura dal pavimento verso l’alto, depositandosi su mani e gambe del cliente, e quello che arriva dall’interno dei condizionatori, che incamerano aria e aerosol e poi la rispediscono fuori.

Ciò che può fare la differenza, scrivono gli autori, è un sistema di protezione delle zone basse dei tavoli, che impedisca alle goccioline di risalire, e naturalmente un condizionamento che tenga presente del flusso dell’aria, in base alle caratteristiche del ristorante. Bisognerebbe, cioè, che l’impianto fosse progettato e realizzato solo dopo aver studiato attentamente il comportamento dell’aria e degli aerosol in ogni specifico ambiente, oltre, naturalmente, che il suo funzionamento e la sua efficienza di filtrazione fossero tenuti costantemente sotto controllo.

Non stupisce, quindi, che in tutto il mondo le autorità sanitarie siano estremamente restie a concedere all’apertura dei ristoranti con i tavoli all’interno.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Mascherine FFP2 secondo la rivista francese Que choisir sono riutilizzabili dopo il lavaggio in lavatrice

I consumatori  adottano sempre più maschere FFP2 per la protezione dal Sars- Cov-2 quando sono giro o …

2 Commenti

  1. Avatar

    Basta non usare condizionatori dell’aria e passa la paura… strano però che nessuno parli delle spore fungine che sono molto più tossiche del virus del raffreddore. Ricordo che la legionella venne rinvenuta nel 1972 negli usa proprio all’interno dei condizionatori presenti negli ospedali.

  2. Avatar
    Laura Ferretti

    In Italia abbiamo l’usanza e la fortuna di poter mangiare all’aperto per la gran parte dell’anno, tra tavoli esterni, chiostri e tavoli sui marciapiedi … basterebbe quindi agevolare e consentire solo i tavoli all’aperto. Nel 2020, almeno nella città di Roma dove vivo, sono state rilasciate licenze per l’approntamento di “piattaforme” fuori dai bar e ristoranti per consentire il posizionamento di tavoli e tavolini. Ma, nonostante questo e nonostante la spesa sopportata dai ristoratori, si è comunque chiuso tutto indiscriminatamente. Riguardo ai condizionatori, basta manutenerli bene (cosa che bisognerebbe fare sempre …), accenderli solo quando necessario ed indirizzare il flusso d’aria verso il basso, onde evitare risalite…