Home / Pianeta / Basta plastica monouso, in un video le conseguenze sull’ambiente. La petizione si avvicina al traguardo delle 300 mila firme

Basta plastica monouso, in un video le conseguenze sull’ambiente. La petizione si avvicina al traguardo delle 300 mila firme

Manca pochissimo al traguardo delle 300 mila firme per la petizione #bastaplastica (ne avevamo già parlato in questo articolo), lanciata per chiedere uno stop alla produzione di imballaggi e oggetti in plastica monouso e di sostituirla con altri materiali meno impattanti e plastiche biodegradabili.

Ora i promotori della petizione pubblicano una video-raccolta di decine e decine di fotografie inviate dai sostenitori dell’iniziativa, che testimoniano le conseguenze ambientali dell’abuso di plastica usa e getta: bottiglie, flaconi, sacchetti e cannucce che hanno invaso mari, fiumi, boschi e campi di tutto il mondo.

L’obiettivo della petizione – ambizioso e ancora ben lontano – è di raccogliere un milione di firme. Questa interessante iniziativa interessante, così come quella analoga lanciata da poco da Greenpeace, è in sintonia con il piano annunciato dall’Unione europea per combattere l’abuso di plastica nel continente, ridurre i materiali plastici circolante e favorirne riciclo e riuso entro il 2030.

Per firmare la petizione #bastaplastica clicca qui

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

carne pollo industria trasformazione lavorazione

Poveri polli: soffocati, bolliti vivi o morti congelati! Negli Usa non ci sono adeguate normative per il benessere del pollame

Negli Stati Uniti i polli continuano a essere tenuti in scarsissima considerazione, quanto a benessere, …

Un commento

  1. C’è bisogno di una petizione che raggiunga 1 milione di firme per sensibilizzare i nostri governanti ad adottare politiche ragionevoli in materia di produzione industriale e rispetto del territorio?

    Altrimenti senza quorum non vieni presi nemmeno in considerazione…

    Dopo si può inizare a parlarne, e poi con comodo eventualmente prendere provvedimenti.