Home / Archivio dei Tag: SUPERMERCATI (pagina 4)

Archivio dei Tag: SUPERMERCATI

Ritirati wurstel vegani a marchio Topas venduti nei supermercati NaturaSì per possibile presenza pezzetti di plastica

La catena di supermercati NaturaSì ha ritirato dai propri punti vendita le confezioni di  mini wurstel vegani Topas prodotti dall’azienda bavarese . Il motivo è da ricercare nella possibile presenza di pezzetti di plastica eventualmente finiti nel prodotto durante la fase di confezionamento. Il lotto di wurstel vegani ritirato  si riconosce perché reca sulla confezione la data di scadenza  30 …

Continua »

Barilla ritira Ragù Contadino da tutti i supermercati per un errore sull’etichetta che non indica la presenza di sedano e di latte. Problema solo per allergici. Coop, Auchan e Carrefour annunciano ritiro

Barilla ritira Ragù Contadino con vino rosso (vedi foto a lato) nella confezione da 400 g. Il motivo del richiamo è l’assenza sull’elenco degli ingredienti in etichetta di sedano e latte considerati cibi allergenici da indicare in evidenza sulla confezione. Il lotto richiamato è il numero 666136704 e il termine minimo di conservazione riportato sul tappo è 18/06/2016. Il problema …

Continua »

Stop alla vendita di dolci e cioccolato alle casse dei supermercati proclama Tesco in Inghilterra. L’industria degli snack critica. Il silenzio delle catene italiane

Come preannunciato, dal 1° gennaio la principale catena di supermercati della Gran Bretagna, Tesco, ha eliminato dolci e cioccolato dagli espositori presso le casse di tutti i suoi punti vendita, compresi i circa duemila piccoli supermercati Metro ed Express.   Per la scelta dei prodotti da esporre in prossimità delle casse, Tesco ha deciso regole stringenti. In quella zona ci …

Continua »

Auchan, Simply e Coop ritirano dagli scaffali un lotto di salame di culatello per sospetta contaminazione da salmonella

Le catena di supermercati Auchan, Simply e Coop  hanno annunciato il ritiro dagli scaffali a titolo precauzionale del salame di culatello STROLGHINO, prodotto dal Prosciuttificio San Michele di Lesignano dè Bagni (Parma). La motivazione del provvedimento è la supposta presenza di Salmonella riscontrata dalle autorità sanitarie.   L’azienda appena avuta notizia ha provveduto all’immediato ritiro dagli scaffali dei supermercati e …

Continua »

Le ragioni per dire no all’olio di palma: perché 36 grammi al giorno sono troppi; per rispettare le arterie e contrastare la deforestazione

Oil palm fruit and cooking oil

La campagna contro l’invasione dell’olio di palma è stata un grande successo perché abbiamo superato le 74 mila firme (leggi testo della petizione). L’iniziativa ha suscitato diverse reazioni sia da parte degli addetti ai lavori, sia da parte di alcuni nutrizionisti e anche di numerosi lettori.   L’olio di palma a dispetto del nome è una materia grassa commercializzata soprattutto …

Continua »

In Irlanda, decolla la banca virtuale del cibo. FoodCloud mette in collegamento i supermercati con le agenzie che distribuiscono pasti ai poveri

In Irlanda ogni giorno finisce nei rifiuti un milione di tonnellate di cibo ancora commestibile. Su un altro fronte, il 10% degli irlandesi è in condizioni economiche di povertà tali da rendere difficile l’acquisto quotidiano del cibo necessario. Due giovani irlandesi, Iseult Ward e Aoibheann O’Brien, laureate rispettivamente in economia e in scienze ambientali, hanno deciso di mettere in collegamento …

Continua »

Esselunga toglie le casse veloci dal supermercato e scatta la protesta delle persone anziane. Si tratta di innovazione risponde l’azienda

Le scrivo in merito ai cambiamenti avvenuti nel supermercato Esselunga di via Giorgio Washington a Milano alle le casse veloci, quelle usate sopratutto dalle persone anziane che fanno la loro piccola spesa quotidianamente . Queste persone non usano il carrello grande, ma preferiscono i cesti gialli con le ruote. Per questi clienti di una certa età  il cesto con le …

Continua »

Coop lavora per ridurre la presenza di olio di palma nei prodotti a marchio e non esclude l’eliminazione nel 2015. Salgono a 5 la catene di supermercati che dicono no a questo grasso

assunzioni-coop-2014

Sono passati poco più di due settimane da quando Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade  hanno lanciato la campagna per  limitare la presenza dell’olio di palma in biscotti, merendine, cracker, snack salati e dolci, prodotti impanati ecc. In questo periodo abbiamo raccolto oltre 70 mila firme con una petizione su Change.org e ieri è arrivata un’altra buona notizia. Coop, …

Continua »

Stop olio di palma: 67 mila persone hanno firmato la petizione lanciata due settimane fa da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade su Change.org. I primi risultati

olio di palma latte artificiale

Sono 67 mila  le persone che hanno aderito alla petizione lanciata una settimana fa da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade su Change.org per dire stop all’invasione dell’olio di palma presente nel 95% dei prodotti da forno. Ringraziamo tutte queste persone e le invitiamo a rilanciare l’appello sulle pagine dei loro social network per aumentare il numero dei …

Continua »

L’olio di palma arriva in Parlamento: la petizione contro il grasso tropicale tradotta in risoluzione parlamentare

Stitched Panorama

Il dibattito sulla vicenda dell’olio di palma approda in Parlamento. L’idea è venuta a Matteo Mantero, deputato del Movimento 5 Stelle, che dopo aver letto e sottoscritto la petizione che Il Fatto Alimentare e Great Italian Food stanno portando avanti su Change.org contro l’uso di questo grasso negli alimenti, ha tradotto il testo in un’atto parlamentare. Il documento di Mantero è stato subito sottoscritto da altri nove …

Continua »

Olio di palma: l’ingrediente misterioso abilmente nascosto sulle etichette adesso diventa grasso eccellente! La vera storia che nessuno vuole raccontare

Barilla e Ferrero rientrano nel gruppo italiano dei grandi utilizzatori di olio di palma e da qualche tempo descrivono sui loro siti le qualità di questo grasso, la cui presenza sulle etichette è stata per anni furbescamente occultata dietro la frase “oli vegetali”. Dal prossimo 13 dicembre una legge europea obbliga a indicare in modo chiaro la presenza del palma …

Continua »

Eurospin ritira dai punti vendita le confezioni di farina di mais per impanatura Albatros destinata ai celiaci

La catena di supermercati Eurospin ritira dagli scaffali dei punti vendita le confezione di FARINA DI MAIS TOSTATO PER IMPANATURA nella scatola da  375 g (vedi foto). Il prodotto riporta sulla confezione il marchio Albatros del produttore Molino Nicoli. Il motivo del ritiro è da collegare alla presenza di “prodotti inquinanti”.   La farina di mais per impanatura  è un …

Continua »

Olio di palma: 130 mila firme. Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade lanciano una petizione su Change.org per dire stop all’invasione di questo grasso in migliaia alimenti

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione online su Change.org per fermare l’invasione dell’olio di palma nei prodotti alimentari che il 5 maggio 2015 ha superato le 130 mila firme. Per sottoscriverla clicca qui   Dal prossimo 13 dicembre milioni di consumatori italiani ed europei scopriranno la presenza di un nuovo ingrediente in migliaia di prodotti …

Continua »

Snack alle casse: in Svizzera la Lidl crea una “corsia alternativa” per chi non vuole farsi tentare mentre è in fila

La Lidl ha introdotto in tutti i suoi punti vendita in Svizzera la “cassa alternativa”. L’idea è di bandire dagli scaffali prossimi alle casse, dolci, snack grassi o salati. Invece di barrette di cioccolato, caramelle e dolci, l’azienda ora propone noci, frutta secca e acqua minerale in prossimità della cassa principale o dove ci sono più clienti, e sarà facilmente …

Continua »

Sconti, offerte speciali e sottocosto: tutti i segreti dei supermercati per attirare clienti e fargli credere di spendere meno. Il prezzo netto pulito

Quando compriamo un chilo di pasta con “il 30% di sconto” o “sottocosto” siamo sicuri di fare un affare? Chi si accolla l’onere della promozione?  Le spese da sostenere per supportare tutte queste iniziative sono a carico delle aziende. I produttori infatti per ogni pacco di pasta venduto nella settimana del sottocosto e/o ogni volta che il prodotto viene fotografato sul …

Continua »