Home / Archivio dei Tag: SICUREZZA ALIMENTARE (pagina 2)

Archivio dei Tag: SICUREZZA ALIMENTARE

Come si svolgono i controlli sui cibi di origine non animale? “Sicurezza alimentare”, un libro per gli addetti ai lavori

sicurezza alimentare libro controlli copertina

Come vengono svolti i controlli su cibi come la frutta, la verdura e i cereali? A spiegarlo ci pensa il libro “Sicurezza alimentare. I controlli sugli alimenti di origine non animale” scritto da Carlo Donati, Carlo Brera Francesca Galluccio, Veronika Jezsó e Francesco Montanari (Chirotti Editore). Il volumetto è infatti dedicato alla normativa e alle procedure di ispezione di tutti …

Continua »

Quasi metà dei tedeschi cerca di evitare il contatto dei cibi con l’alluminio. Indagine dell’Istituto BfR sulla percezione del rischio da parte dei consumatori

linguine gamberi frutti di mare cartoccio alluminio

Dopo la plastica, l’alluminio è la sostanza che solleva le maggiori preoccupazioni sulla sua possibile migrazione da imballaggi o contenitori negli alimenti. Questo almeno in Germania, dove l’istituto di valutazione del rischio (BfR) ha condotto un’indagine telefonica tra mille consumatori dai 14 anni in su. Quasi la metà degli interpellati ritiene che l’alluminio a contatto con gli alimenti rappresenti un rischio …

Continua »

Le pentole in alluminio sono pericolose? L’esperto Luca Foltran risponde alla domanda di una lettrice

cucinare pentole pasta

In seguito all’articolo “Vaschette e fogli di alluminio: attenti alle istruzioni. Fondamentale seguire le indicazioni riportate sulle confezioni. No a cibi acidi e salati”, una lettrice domanda: “Ma allora i pentoloni e tutti gli utensili di alluminio che dalle mie parti vengono venduti espressamente per preparare la conserva di pomodoro sono pericolosi?” Alla domanda della lettrice risponde Luca Foltran, esperto …

Continua »

Da marzo in Svizzera vietato bollire aragoste e astici vivi e trasportarli nel ghiaccio. In Italia situazione confusa lasciata alla discrezionalità dei tribunali

Dal 1° marzo in Svizzera sarà vietato cuocere aragoste e astici immergendoli vivi nell’acqua bollente, senza averli prima storditi, mediante shock elettrico o la “distruzione meccanica” del cervello. Inoltre, i crostacei prima della vendita dovranno essere tenuti nell’acqua e sarà vietato trasportarli nel ghiaccio. Queste norme valgono per tutti decapodi, cioè i crostacei di maggiori dimensioni, e sono state stabilite …

Continua »

Listeria: dove si trova, quali sono gli alimenti a rischio e come ridurre il rischio di infezione. Lo spiega un video di Efsa

La listeriosi è un’infezione alimentare causata dal batterio Listeria monocyotgenes. Si tratta di una malattia che nella maggior parte dei casi richiede il ricovero delle persone colpite (nel 2016 il 97% delle persone affette) e può causare gravi conseguenze, anche fatali, alle persone più a rischio: neonati, donne in stato di gravidanza, anziani e persone con sistema immunitario compromesso. Efsa, …

Continua »

Cosa è successo l’anno scorso nel campo dei rischi per la salute pubblica dovuti ad alimenti,mangimi o materiali. Rapporto annuale 2016 sul Rasff

avviso-allerta-ritiro-attenzione-rischio-Fotolia_74898699_Subscription_Monthly_M-1024x683

La Commissione Europea ha pubblicato il Rapporto annuale 2016 sul Rasff (Rapid Alert System for Food and Feed), il Sistema di allerta rapido europeo per la notificazione di un rischio diretto o indiretto per la salute pubblica dovuto ad alimenti, mangimi o materiali che si utilizzano a contatto con i cibi (MOCA). Complessivamente, nel 2016 si sono avute 2.993 notifiche …

Continua »

Video. Data di scadenza: va sempre rispettata? Un vademecum per capire quando è meglio consumare i prodotti freschi

Consumare o no il cibo dopo la data di scadenza? La domanda è frequente, ma la risposta non è semplice perché ogni prodotto ha le sue regole. A parer nostro ci vuole una certa flessibilità che permette di ridurre gli sprechi. Prima di redigere questo vademecum ci siamo consultati con esperti del settore che lo hanno condiviso. Vediamo insieme alcuni esempi …

Continua »

Sicurezza alimentare e comunicazione del rischio: il Ministero della salute vuole fare di meglio. Obiettivi e impegni destinati a rimanere sulla carta?

peperoni rischio allerta ogm

Capita di frequente che il rischio percepito dai consumatori nell’ambito alimentare non corrisponda al rischio sanitario reale. Questa percezione sbagliata genera sfiducia e porta anche a sottovalutare i rischi reali legati alla sicurezza alimentare. La maggioranza delle persone ad esempio si preoccupa dei contaminanti chimici presenti nel cibo come la diossina, ma tende a sottovalutare i rischi microbiologici causati da …

Continua »

Amazon ha venduto per sei mesi del burro di soia richiamato. Quale attenzione dell’e-commerce verso la sicurezza alimentare?

Amazon.com ha continuato a vendere un prodotto alimentare ritirato dagli scaffali dei supermercati americani per sei mesi dopo la data del provvedimento. La notizia è riportata da Food Safety News. Al centro delle polemiche c’è il burro di soia, un sostituto del burro di arachidi, a marchio I.M. Healthy prodotto da Dixie Dew Products Inc. I Centers for Disease Control …

Continua »

La Svizzera mette la sicurezza alimentare nella Costituzione. Quattro cittadini su cinque dicono sì al refendum. Attenzione alle risorse, agli sprechi e ai produttori locali

pesticidi

In Svizzera la sicurezza alimentare entra nella Costituzione. Lo hanno deciso i cittadini elvetici con un referendum, tenutosi il 24 settembre 2017, che con il 78,7% di sì e una maggioranza schiacciante in tutti i Cantoni ha dato il via libera al nuovo articolo 104 della Costituzione. La modifica costituzionale ha ricevuto un sostegno quasi unanime anche dalla politica e dalle …

Continua »

Malattie di origine alimentare: in Francia, ogni anno, sono tra 1,28 e 2,23 milioni. Fortemente diminuite le ispezioni nell’ultimo quinquennio

La rivista Emerging Infectious Diseases ha pubblicato uno studio sulle cause delle malattie di origine alimentare in Francia, prendendo in considerazione il periodo 2008-2013 ed esaminando i principali patogeni alimentari: dieci batteri, tre virus e due parassiti. La stima dei ricercatori è che, in Francia, questi patogeni causino tra 1,28 e 2,23 milioni di casi di malattia, tra 16.500 e …

Continua »

Food Brexit: cosa succederà al “sistema-cibo” del Regno Unito dopo l’uscita dall’Unione europea? Le perplessità in un rapporto

Un ballo sul Titanic. Così viene descritto l’approccio o, meglio, il non-approccio delle autorità britanniche a quella che probabilmente è la questione più importante relativa all’uscita dall’Unione europea, e cioè le conseguenze sul sistema-cibo, da tre tra i massimi esperti del settore. Si tratta di Erik Millstone, dell’Università del Sussex, Tim Lang di quella di Londra e Terry Marsden di …

Continua »

“La redazione del Food Safety Plan”: il manuale per le aziende alimentari che vogliono esportare negli Stati Uniti. Le nuove norme sulla sicurezza alimentare presto in vigore

FSMA, PCQI, HARCP. Per le aziende alimentari che vogliono esportare prodotti italiani negli Stati Uniti le cose possono essere molto complicate e confuse, soprattutto con l’entrata in vigore il prossimo 17 settembre 2017 di nuove norme a cui le imprese straniere dovranno adeguarsi per continuare a commerciare oltreoceano. Per questo è in libreria il volumetto “La redazione del Food Safety …

Continua »

Controlli: più di mille tonnellate di prodotti falsi sequestrati nel 2016. Bene i residui negli alimenti: contaminato solo lo 0,12%. La relazione del Piano nazionale integrato per la sicurezza alimentare

controlli alimenti latte laboratorio

Come ogni anno, il Ministero della salute fa il punto sui controlli e le analisi svolti sugli alimenti nel nostro paese. Nei giorni sorsi è stato pubblicato il rapporto 2016 del Piano nazionale integrato (PNI) per la sicurezza alimentare, uno strumento nato per tutelare e garantire la salute dei consumatori. La relazione (qui in forma integrale) è stata realizzata con …

Continua »

Anisakis: il rischio nascosto nel pesce crudo di sushi, sashimi e piatti marinati. Il Centro di referenza nazionale di Palermo spiega cosa fare per evitare incidenti in cucina e mangiare serenamente

donna pesce

Mano a mano che si afferma l’abitudine di mangiare sushi, sashimi e altri piatti a base di pesce crudo o poco cotto, aumentano anche i rischi associati alla presenza del parassita Anisakis. Per questo motivo, il Centro di referenza nazionale per le anisakiasi (Crena) dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia ha pubblicato un documento su come affrontare il problema in cucina …

Continua »