Home / Archivio dei Tag: sale

Archivio dei Tag: sale

La bufala dell’OMS contro il Made in Italy colpa di titoli allarmistici e reazioni inconsulte. Il parere del nutrizionista Marcello Ticca

mozzarelline mozzarella pomodorini

Nei giorni scorsi sono fioccate le polemiche per la bufala della presunta “guerra al Parmigiano” che, secondo quanto affermato da un articolo pubblicato in prima pagina da Il Sole 24 Ore, sarebbe stata dichiarata dall’Oms. In merito a questa paradossale vicenda, ci scrive Marcello Ticca, medico esperto di nutrizione e vicepresidente della Società italiana di scienze dell’alimentazione. Il clamore mediatico dei giorni scorsi sulla …

Continua »

Microplastiche in cozze, gamberi e sale. Contaminati 70 campioni su 102 analizzati. Indagine di Altroconsumo e altre associazioni

Da un’indagine condotta da Altroconsumo insieme alle associazioni di consumatori di Austria, Belgio, Danimarca e Spagna, più di due terzi dei campioni di cozze, gamberi e sale analizzati sono risultati contaminati dalle microplastiche. Le analisi di laboratorio hanno riguardato 102 campioni: 38 di sale marino, 35 di cozze e 29 di gamberi. Di questi, ben 70 contenevano microplastiche, anche di …

Continua »

L’Europa? Un’alimentazione sana per tutti è ancora lontana, rivela un rapporto dell’Oms. L’articolo di OggiScienza di Cristina Da Rold

sicurezza alimentare allerta 477116113

Cosa sta facendo di concreto l’Europa per combattere le piaghe dell’obesità e del diabete che dilagano nella popolazione e per migliorare l’alimentazione dei cittadini? Ancora non abbastanza. Lo rivela un rapporto dell’Oms, analizzato in un articolo di Cristina Da Rold pubblicato da OggiScienza, che ripubblichiamo con piacere. La prevalenza di persone in sovrappeso e obese in Europa è aumentata costantemente …

Continua »

Sale speciale colorato o sale da cucina iodato? Nessuna virtù nutrizionale per un prezzo esagerato! Attenzione alle microplastiche. Ne parla la trasmissione svizzera Patti Chiari

sali speciali sale colorato

Decantati per le loro presunte virtù nutrizionali, vari tipi di sale hanno invaso gli scaffali dei supermercati e le cucine di tanti consumatori. Ma questi prodotti valgono davvero il prezzo di vendita molto salato? Se lo sono chiesto i giornalisti della trasmissione svizzera Patti Chiari, che hanno confrontato le caratteristiche di 10 tipi di sale provenienti da tutto il mondo, …

Continua »

Barilla, i nuovi cracker Gran Pavesi hanno il 30% di grassi in meno: l’etichetta è corretta, ma non sono più salutari

gran pavesi cracker pomodoro grassi

Eccoli, sono arrivati i nuovi cracker Gran Pavesi al pomodoro, alle olive e al rosmarino tutti col il 30% di grassi in meno. Lo dice la pubblicità e lo ribadisce la frase sul frontespizio della confezione “-30% di grassi – senza olio di palma”. Il calcolo è stato fatto considerando il contenuto di grassi presente nei cracker più venduti (dal …

Continua »

Cibo spazzatura: le tasse e altre misure sugli alimenti poco salutari possono funzionare. Due studi ne valutano l’efficacia

close up of fast food snacks and drink on table

Le tasse su cibo spazzatura e bevande poco salutari funzionano, ma solo quando sono pensate in modo da essere percepite dai consumatori, anche se probabilmente ci sono ancora margini per migliorare i risultati. Lo conferma uno studio appena pubblicato sul Journal of Preventive Medicine dai ricercatori della Dornsife School of Public Health di Filadelfia, che hanno verificato l’efficacia della tassa locale …

Continua »

Grissini, è Grissin Bon a produrre per Coop, Esselunga, Despar e altre catene: ricette identiche, ma prezzi diversi. Attenzione anche a sale e calorie

grissini carboidrati snack pane iStock_000051379768_Small

I grissini sono sostituti del pane comodi e gustosi, presenti in molte dispense. La croccantezza e la friabilità di questi prodotti cambiano in base agli ingredienti e alla lavorazione: si va dai torinesi, più sottili, ai rustici, un po’ più grossi e simili al pane. Ma si trovano anche quelli preparati con farina integrale, di Kamut® o di farro, oppure …

Continua »

Pesto: troppo sale in quei vasetti. Confronto di ingredienti tra: Tigullio, Barilla, Coop, Saclà, Pesto di Prà…

pesto salsa sugo

In Gran Bretagna il Consensus action on salt and health (Cash) – associazione scientifica che controlla il consumo di sale – pochi mesi fa ha segnalato che la quantità di sale presente nel pesto industriale è aumentata negli ultimi anni, nonostante l’invito rivolto alle aziende di prestare particolare attenzione. In particolare, l’analisi concentrava l’attenzione su alcune marche molto diffuse oltre …

Continua »

5 suggerimenti per ridurre il sale. Inizia la Settimana mondiale di sensibilizzazione per la diminuzione

È iniziata oggi Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale, promossa dalla World Action on Salt & Health (WASH) in associazione con numerosi partner in 100 Paesi. Lo slogan è “5 ways to 5 grams” per indicare i cinque  comportamenti virtuosi da adottare per ridurre il consumo di sale e arrivare al valore massimo raccomandato …

Continua »

Lituania: accordo governo-industrie per riformulare i prodotti ed evitare la sugar tax

In Lituania, il governo ha rinunciato al proposito di introdurre una tassa sulle bevande zuccherate, dopo aver raggiunto un accordo con undici industrie alimentari, nazionali e internazionali, per una riformulazione dei prodotti e una riduzione volontaria del contenuto di sale, zuccheri e grassi. Tra i sottoscrittori dell’accordo figurano Coca-Cola, Nestlé, Mars e Orkla. Secondo i dati del governo, la popolazione …

Continua »

Sale negli alimenti trasformati: in Canada fallisce il progetto di riduzione volontaria. L’industria non rispetta le linee guida

Nonostante le linee guida volontarie adottate dall’industria alimentare, la riduzione del sale negli alimenti processati è “molto inferiore” a quanto previsto e la lista dei prodotti che non hanno fatto progressi in questa direzione è lunga. Lo afferma un rapporto di Health Canada, il dipartimento per la salute pubblica del governo canadese, da cui emerge che il 48% delle categorie …

Continua »

Tutti i dati su snack e merendine in un archivio del Piemonte. Cresce l’uso di fruttosio e dolcificanti non sempre dichiarati in etichetta

Gli snack dolci e salati, come pure succhi di frutta e bibite, hanno un ruolo importante nell’alimentazione dei bambini, difficile da quantificare con precisione, perché mancano dati significativi sia sui consumi che sulla composizione nutrizionale delle diverse tipologie presenti sul mercato. Le abitudini alimentari dei bambini sono monitorate dal progetto OKkio alla salute, da cui emerge una graduale tendenza al miglioramento: …

Continua »

Gran Bretagna, gli esperti sollecitano il governo a incoraggiare la sostituzione del sodio con il potassio. Si ridurrebbe il rischio di ictus e attacchi cardiaci

Il governo britannico dovrebbe spingere i produttori alimentari a valutare la possibilità di sostituire parzialmente il sodio con alternative a base di potassio, perché questo avrebbe un impatto positivo sulla salute pubblica. Lo afferma un documento congiunto di due comitati consultivi di esperti britannici, il Scientific Advisory Committee on Nutrition (SACN) e il Committee on Toxicity of Chemicals in Food, …

Continua »

Sale: quali alimenti ne contengono troppo. In Italia il consumo è quasi il doppio di quello raccomandato. Attenzione a salumi e formaggi

Il sale è un alimento prezioso e nell’antichità era usato come moneta di scambio. Oggi però ne consumiamo troppo, anche se sappiamo che l’eccesso favorisce l’ipertensione e fa aumentare il rischio di malattie cardio- e cerebrovascolari, oltre che patologie renali, osteoporosi e alcuni tipi di tumori. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda per gli adulti una quota giornaliera di sale …

Continua »

Portogallo, il governo propone tassa su alimenti con troppo sale. Se approvata la legge, entrate pari a 30 milioni di euro

Il governo portoghese ha presentato la proposta di bilancio per il 2018, inserendo una tassa sul sale in alcuni alimenti, come snack salati, patatine fritte, corn flakes, crackers e biscotti. La proposta prevede un’imposta di 0,80 euro al chilo per i prodotti che contengono più di un grammo di sale ogni 100 grammi. La tassa proposta, che dovrebbe entrare in vigore dal …

Continua »