Home / Archivio dei Tag: PUBBLICITA INGANNEVOLE (pagina 12)

Archivio dei Tag: PUBBLICITA INGANNEVOLE

Kinder Ferrero cambia pubblicità: adesso non "aiuta più a crescere"

  Ferrero ha modificato la pubblicità  del cioccolato Kinder. Prima sulla confezione si diceva con una certa enfasi che la barretta  “aiuta  a crescere”, adesso i toni sono cambiati e, abbandonate  le promesse altisonanti, la pubblicità  si limita a scrivere una frase meno ricca di promesse  “Il gusto di diventare grandi”. Questo nuovo claims non è frutto delle alchimie pubblicitarie …

Continua »

L’Antitrust censura Pool Pharma: 200 mila € di multa per le bugie di Kilocal. I media ignorano la notizia

kilocal cellulite 2010

“Non rinunciare al piacere della tavola! Kilocal, preso dopo un pasto abbondante, riduce le calorie e sgonfia la pancia”. Questo messaggio pubblicitario è stato ritenuto ingannevole dall’Antitrust che ha condannato la società Pool Pharma a pagare una multa di 200 mila euro. L’aspetto paradossale della storia è che per due anni milioni di italiani hanno visto spot e ascoltato messaggi …

Continua »

Antitrust condanna Bracco: ingannevoli informazioni sugli integratori

Gli opuscoli  diffusi in farmacia dalla società Bracco per pubblicizzare gli integratori alimentari Cogiton e Stenovit  sono ingannevoli, per questo e la società dovrà pagare 150 mila € di multa. La decisione dell’Antitrust prevede  anche i ritiro degli opuscoli che presentavano i due integratori come prodotti “miracolosi nella prevenzione e trattamento dell’invecchiamento cerebrale e delle patologie correlate alla neurodegenerazione cellulare …

Continua »

L`Antitrust studia modifiche alla moral suasion, più trasparenza alla pubblicità ingannevole

L’Autorità Antitrust sta studiando  una nuova classificazione delle sentenze per rendere accessibili le decisioni sulle controversie risolte con la procedura “amichevole “  meglio conosciuta come  moral suasion. La modifica del regolamento è necessaria perché attualmente le decisioni dell’Autorità che si concludono con il ricorso alla moral suasion  non vengono rese note al pubblico (nel 2009 sono state 75).   Adesso …

Continua »

La pubblicità dei vini Giordano è scorretta. L’Antitrust sanziona con 250.000 euro di multa

giordano

I depliant che la società Giordano di vendite per corrispondenza ha inviato a milioni di italiani contengono frasi e proposte commerciali ingannevoli. È quanto ha stabilito l’Antitrust che ha condannato la società ad una multa di 250mila euro. La questione assume un certo rilievo perché solo nel 2008 Giordano ha realizzato 46 campagne promozionali attraverso brochure che hanno totalizzato oltre …

Continua »

Ingannevole la pubblicità degli integratori Agent M, Nytric EFX, Nitrix e True Mass. Multa di 44 mila euro

  La pubblicità degli integratori Agent M, Nytric EFX, Nitrix e True Mass è stata ritenuta ingannevole  dall’Antitrust e la società 4Body Distribution S.r.l che li commercializza dovrà pagare una multa di 44 mila euro.  Si tratta di integratori alimentari a base di aminoacidi come: leucina, isoleucina, citrullina, valina e argininina e altri ingredienti che secondo i messaggi pubblicitari dovrebbero …

Continua »

Le pericolose promesse delle bibite anti-alcol

Estate è sinonimo di tormentoni. Tra quelli di quest’anno ci sono le bevande anti-sbornia. Pozioni più o meno «magiche» – almeno nelle promesse – che sarebbero in grado di far passare rapidamente i postumi di una sbronza, come nausea e cefalea, o, addirittura, di abbassare il tasso alcolico nel sangue. È il caso di Outox, Rebootizer, Security Feel Better. Anche …

Continua »

Usa: chewing-gum Eclipse non elimina alitosi, 6 milioni di multa alla società che perde una causa portava avanti dai consumatori (class-action)

Negli Stati Uniti la Wrigley, azienda leader produttrice delle  gomme da masticare Eclipse, dovrà pagare una multa di 6 milioni di dollari per  avere perso una causa  portata avanti da un gruppo di cittadini (class action) che contestavano la validità delle  promesse pubblicitarie.Tutto nasce dalle scritte presenti sulle confezioni del chewing gum e proposte anche nei messaggi pubblicitari, che attribuivano …

Continua »

In Francia ricompare la bibita amica di chi alza il gomito

Una bibita a base di fruttosio, acido ascorbico e aromi promette di “accelerare la caduta del tasso alcolico nel sangue”.  L’azienda francese produttrice  prevede il lancio della bevanda (Outox)  il 18 giugno, ma secondo il giornale Le Point (www.lepoint.fr), la Direzione generale della concorrenza, dei consumi e della repressioni delle frodi (Dgccrf) d’Oltralpe, che controlla la documentazione dei prodotti con …

Continua »

Troppe mele nella pubblicità dei cracker Vitasnella

La fotografia scelta per la pubblicità dei cracker Vitasnella Fruit  mostra una ragazza con una borsa fatta di mele sulle spalle. Lo slogan  a fianco dice  “tutto il buono della frutta sempre con te”. Altroconsumo ha voluto capire meglio quante mele ci sono in questi nuovi cracker. Leggendo l’etichetta  si evince che la farcitura rappresenta il 38% del prodotto,  ma …

Continua »

Il Giurì censura la pubblicità del te Winston deteinato

te

Il Giurì dell’Autodisciplina pubblicitaria ha censurato la frase del tè deteinato Sir Winston Tea apparsa sui giornali e riportata sulle confezioni dove si dichiara che il prodotto è: “Deteinato senza solventi – Il deteinato che nasce naturale e resta naturale”. La richiesta di censura è stata promossa dalla società concorrente Bonomelli. Il tè è una bevanda estratta a caldo da …

Continua »

Usa: Kellogg`s censurata per pubblicità ingannevole

Per la seconda volta in pochi mesi la Federal Trade Commission (Ftc) americana ha censurato Kellogg’s per pubblicità ingannevole. L’accusa si riferisce  alle frasi proposte con risalto sulle confezioni di cereali per la prima colazione Rice  Krispies.  Nel testo si dice che il prodotto  “aiuta le capacità di immunità del bambino grazie al 25% in più di antiossidanti, nutrienti e …

Continua »

Antitrust: anonime le 75 aziende che nel 2009 hanno adottato la moral suasion

L’anno scorso l’Autorità garante della concorrenza e del mercato  ha archiviato 75 casi di pubblicità che presentavano buoni presupposti di scorrettezza o un elevato grado di ambiguità, utilizzando il sistema della moral suasion. Utilizzare questa procedura  vuol dire che i funzionari dell’Antitrust hanno chiesto alle aziende di modificare lo spot, il messaggio e le aziende hanno accettato. Si tratta di …

Continua »

Le galline di Coccodì scorazzano veramente sui prati come mostrano le immagini sull`etichetta?

Guardando la confezione di uova Coccodì Free e leggendo la scritta sull’etichetta “uova fresche allevate all’aperto” si ha la sensazione di un gruppo di animali felici, liberi di scorazzare in prati sempreverdi, che depongono uova tra un inseguimento e l’altro. Non è proprio così. Negli allevamenti “all’aperto”, le galline vivono in grandi capannoni e possono uscire quando lo desiderano. La …

Continua »