Home / Archivio dei Tag: impatto ambientale

Archivio dei Tag: impatto ambientale

L’impatto ambientale del cibo? Cambia in funzione della località, anche se i consumatori possono fare la loro parte

Che cos’è, esattamente, l’impatto ambientale degli alimenti che mangiamo? Come si calcola? Quali sono i cibi peggiori, da questo punto di vista? Lo stesso alimento ha il medesimo impatto a tutte le latitudini?  Secondo quanto scoperto dai ricercatori dell’Università di Oxford, la risposta a queste domande è meno scontata del previsto e riserva non poche sorprese. Gli scienziati, insieme a …

Continua »

Gamberi: l’impatto ambientale dei crostacei che finiscono sulle nostre tavole è esagerato

frittura di gamberi

Gamberi, gamberetti e crostacei sono sempre più presenti sulle tavole dei consumatori, ma la gente non sa che sono anche in cima alla classifica delle emissioni di anidride carbonica, quando si misura la quantità relativa alla pesca in mare aperto. Il loro consumo andrebbe considerato anche da questo punto di vista. Uno studio pubblicato su Nature Climate Change esamina l’impatto  …

Continua »

Si fa presto a dire sandwich: l’impatto ambientale di 40 panini studiato dall’Università di Manchester

panino sandwich prosciutto formaggio pomodoro lattuga

Quanto è dannoso per l’ambiente il tipico sandwich britannico? E, per analogia, quanto lo sono i  nostri panini? La domanda è tutt’altro che oziosa visto che in Gran Bretagna, secondo l’associazione di categoria (la British Sandwich Association), ogni anno si ne consumano più di 11,5 miliardi. Ogni panino, sia quando viene preparato in casa sia quando viene acquistato, lascia dietro …

Continua »

Cani e gatti : il consumo di carne degli animali domestici americani equivale a quello della la quinta nazione al mondo. Come ridurre l’impatto dei pets sul pianeta?

Sono sempre di più, e la loro presenza è associata a significativi effetti benefici sulla salute degli umani. Ma cani e gatti, i più comuni animali domestici, mangiano anche un quantitativo di carne che probabilmente nessuno immagina, contribuendo non poco al consumo di risorse legato agli allevamenti intensivi. Per questo Gregory Okin, ricercatore dell’Università della California di Los Angeles, ha …

Continua »

Da una ricerca finlandese arrivano le proteine prodotte utilizzando elettricità e CO2. Aggiungendo acqua e fosforo, si ottiene cibo e mangime producibile ovunque senza impatti ambientali

In Finlandia, un team di ricercatori ha prodotto un gruppo di proteine, utilizzando elettricità e anidride carbonica. La proteina prodotta in questo modo potrà essere ulteriormente sviluppata, per essere utilizzata come cibo o mangime per animali, liberando la produzione alimentare dalle restrizioni legate all’ambiente. Infatti, questa proteina può essere prodotta ovunque è disponibile una fonte di energia rinnovabile, come il …

Continua »

Foodora, Just eat, Deliveroo… L’enorme l’impatto ambientale della consegna a domicilio. Le soluzioni sono ancora lontane

Ricevere il cibo a domicilio è comodissimo: basta una telefonata, e un ragazzo parte sfrecciando in bicicletta per consegnare sushi o pizza, ma anche piatti gourmet. Ovviamente confezionati in contenitori usa e getta e corredati di posate e tovaglioli, materiale in gran parte destinato a finire nei rifiuti. Con quale impatto per l’ambiente?  Il fenomeno è ancora piuttosto nuovo, ma …

Continua »

Le lobby della carne e delle bibite zuccherate contro le proposte di nuove linee dietetiche per gli americani

Raw fresh meat Ribeye Steak and seasoning on dark background

Sono state pubblicate le proposte della Commissione consultiva di nutrizionisti istituita dal governo di Washington all’inizio del 2014, incaricata di fornire pareri scientifici sulle nuove linee guida per la dieta degli americani. La raccomandazione di consumare meno carne rossa e lavorata industrialmente, per una migliore salute e minori impatti ambientali, ha suscitato l’immediata reazione del North American Meat Institute, che …

Continua »

In Inghilterra apre il primo ristorante a rifiuti zero dello chef Douglas McMaster: cibi di stagione e niente additivi

In settembre, a Brighton, in Inghilterra, aprirà “Silo”, il primo ristorante a rifiuti zero, che non produrrà alcuno scarto e servirà solo prodotti locali e di stagione. Promotore dell’iniziativa è Douglas McMaster, un giovane chef rientrato in patria dopo aver lavorato dodici anni in ristoranti di alto livello in varie parti del mondo, tra cui il noto ristorante “Noma” di …

Continua »

Arrivano le capsule per caffè biodegradabili: gli amanti dell’espresso “fatto come al bar” potranno scegliere l’opzione eco e ridurre gli sprechi

Dopo le polemiche sull’impatto ambientale delle capsule per macchina da caffè, diffuse in tutto il mondo grazie e Nespresso, arrivano i nuovi contenitori biodegradabili, da buttare nella frazione umida della spazzatura. Se l’ipotesi della capsula eco prendesse piede, si ottimizzerebbe il successo dell’espresso “fatto come al bar”, preparato con cartucce già pronte inserite in una macchinetta, pratica e veloce. Ma …

Continua »

Frutta e verdura “Orto qui”: il nuovo marchio della Coop per i prodotti locali e di stagione solo in Piemonte, Liguria e Lombardia

frutta verdura ortaggi

Coop Consorzio Nord Ovest dal primo giugno introduce nei punti di vendita di Piemonte, Liguria e Lombardia, ortaggi e frutta con un marchio del tutto nuovo, Orto Qui. Si tratta di prodotti locali, coltivati sui territori delle tre regioni del Consorzio. Sono circa 60 referenze che ruotano nell’arco dell’anno anche se la massima presenza sui bancali dei supermercati si riscontra …

Continua »

L’impronta ecologica della carne e quella della frutta: il confronto va fatto ma non con le calorie

Chi vuole mantenersi in salute mangia molta frutta e verdura fresche. Secondo i nutrizionisti con almeno 5 porzioni di vegetali al giorno si abbatte il rischio di sviluppare tumori, malattie cardiovascolari, diabete e altro. Ma non sempre, o non necessariamente, una dieta ricca di vegetali corrisponde un basso impatto ambientale. Anche il ciclo dei vegetali produce gas serra, che comportano …

Continua »

Carne bio: quanto è sicura e migliore? Qual è l`impatto ambientale? Gli aspetti positivi e i limiti di un prodotto ancora poco diffuso

La gente compra bio perché non vuole trovare nel piatto una quantità esagerata di residui chimici, perché si preoccupa giustamente dell’impatto ambientale.  In realtà sulle effettive caratteristiche nutrizionali, ambientali e sulla sicurezza delle carni biologiche si sa ancora poco. Ma ora un libro scritto a più mani da vari esperti del settore cerca di fare il punto della situazione della …

Continua »

Dossier Conai: 42 marchi modificano le confezioni e gli imballaggi per rendere i materiali più ecocompatibili

La maggiore sensibilità nei confronti dell’ambiente ha visto crescere l’impegno delle aziende nella gestione degli imballaggi. Il dossier CONAI 2010 propone 72 casi, riferiti a 42 aziende – grandi nomi del made in Italy – che hanno modificato la produzione per ridurre l’impatto ambientale. Tra i sette segmenti di mercato presentati nel dossier, il packaging alimentare è suddiviso in prodotti …

Continua »

Pomodoro Mutti e Wwf: un barattolo di polpa ?vale? 223 litri d`acqua (ma un hamburger 2500). L`azienda emiliana promette di ridurre l`impatto ambientale

Quanta acqua e quanta CO2 consuma la nostra spesa? E come ridurre l’impatto ambientale di quello che mangiamo? Possiamo saperne di più grazie a una collaborazione tra il WWF e Mutti, l’azienda emiliana produttrice di conserve di pomodoro. Che per prima in Italia, grazie al contributo dell’organizzazione ambientalista e dell’Università della Tuscia, ha scelto di calcolare i consumi di acqua …

Continua »

Mangiare ?verde? fa bene alla salute e al pianeta. Bene la dieta mediterranea

Mangiare più frutta e verdura fa bene alla salute. Non solo alla nostra: anche a quella del pianeta. Lo afferma un recente studio del’International Panel for Sustainable Resource Management (organismo che fa parte del Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite), secondo il quale un ripensamento della quantità di risorse agricole destinate all’allevamento del bestiame e una dieta più vegetariana dovrebbero …

Continua »