Home / Archivio dei Tag: ETICHETTA (pagina 2)

Archivio dei Tag: ETICHETTA

Preparato per torta margherita e muffins Koilia richiamato: soia non dichiarata in etichetta. Pedon richiama dieci lotti

Koilia preparato per torta margherita

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di preparato per torta margherita e muffins senza glutine a marchio Koilia per la presenza dell’allergene soia non dichiarato in etichetta. Il prodotto interessato è venduto in confezioni da 400 g e fa parte del lotto con data di scadenza 28/12/2019. Il preparato interessato è prodotto da Pedon Spa …

Continua »

Richiamato un lotto di pasta di sesamo al cacao halva Baskaya per arachidi non segnalate in etichetta

halva pasta di sesamo al cacao

Aggiornamento del 23/02/2018: il Ministero della salute ha pubblicato un secondo richiamo per la pasta di sesamo halva a marchio Baskaya, sempre per la presenza di allergeni non dichiarati in etichetta. Sono interessate le confezioni ai gusti cacao, pistacchio e vaniglia che fanno parte di tutti i lotti di produzione precedenti al 31/12/2017. Il Ministero della salute ha diffuso il richiamo …

Continua »

Alcol in gravidanza: un logo in etichetta segnala i rischi per le donne incinte. Regole diverse per ogni Paese: Roberto Pinton spiega come funzionano

Pubblichiamo di seguito il quesito di un lettore sulle indicazioni in etichetta per donne in gravidanza presente su alcuni alcolici . Nelle bevande alcoliche spesso si trova il logo barrato della donna gravida che beve. Questo logo è in qualche modo normato o obbligatorio? Per rispondere a questa Risponde Roberto Pinton, esperto di normativa in ambito agroalimentare, in particolare nell’ambito dell’etichettatura. …

Continua »

Indicazione di origine, l’avvocato Dario Dongo spiega il pasticcio del nuovo regolamento europeo sulle etichette

Italian Flag

La Commissione europea ha finalmente pubblicato lo schema di regolamento di attuazione del “Food Information Regulation” che riguarda l’indicazione in etichetta dell’origine o provenienza dell’ingrediente primario (>50%), laddove diversa dal “Made in …” dichiarato. (1) Proviamo a fare un po’ di chiarezza. Il regolamento UE 1169/11 (vedi l’ebook “L’etichetta“) ha introdotto l’obbligo di indicare l’origine o provenienza dell’ingrediente primario, quando …

Continua »

Sogegross richiama un lotto di rane intere surgelate. Irraggiamento non indicato in etichetta

Sogegross ha diffuso il richiamo di un lotto di rane intere 40-60 surgelate commercializzate da Global Gel Srl per la mancanza dell’indicazione in etichetta del trattamento di irraggiamento. Il lotto coinvolto è identificato dal numero 290617 con scadenza al 16/02/2019. Le rane surgelate richiamate sono state prodotte dall’azienda Lumacheria Italiana Cherasco nello stabilimento di corso Einaudi 40 a Cherasco, in …

Continua »

Lidl richiama le merendine Jaffa Cake a marchio Sondey per l’assenza dell’etichettatura in italiano. Interessati alcuni punti vendita di Lombardia ed Emilia Romagna

Lidl ha richiamato le merendine Jaffa Cake Sondey, prodotte da Bisquiva, perché prive di diciture obbligatorie in lingua italiana, tra cui gli allergeni. Il provvedimento riguarda solo le confezioni da 300g di tortine al gusto prugna (EAN 20706791), arancia (EAN 20005573) e ciliegia (EAN 20005566) senza etichettatura in lingua italiana. La catena di discount precisa che i prodotti richiamati sono …

Continua »

Etichetta italiana incompleta: richiamata pancetta affumicata proveniente dalla Romania. Errata anche l’indicazione degli allergeni dichiarati

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di pancetta affumicata prodotta in Romania dall’azienda Lazar & Sohne, per la presenza di indicazioni incomplete in lingua italiana degli ingredienti e della dichiarazione nutrizionale. Inoltre l’indicazione degli allergeni è errata: nell’etichetta italiana si afferma che “il prodotto non contiene allergeni”, mentre nella versione in lingua rumena è indicato …

Continua »

Simply richiama yogurt cremoso ai cereali Emozione Pittalis per glutine non dichiarato in etichetta. Rischio per celiaci e intolleranti

Simply ha pubblicato il richiamo di alcuni lotti di yogurt cremoso ai cereali “Emozione” a marchio Pittalis per etichettatura non conforme: nella lista degli ingredienti i cereali non sono correttamente evidenziati e la presenza del glutine nel prodotto non viene segnalata in alcun modo, mettendo a rischio i soggetti celiaci e intolleranti al glutine. Il richiamo è stato segnalato anche …

Continua »

Allergeni non dichiarati: richiamate palline di farina speziate “Punjabi Wadi”. Rischio per i consumatori allergici a soia e glutine

Il Ministero della salute ha diffuso il richiamo di un lotto di palline di farina speziate Punjabi Wadi per la presenza di allergeni (soia e glutine) non dichiarati in etichetta. Il prodotto colpito dal provvedimento è confezionato nel Regno Unito dall’azienda Heera P&B Foods e commercializzato in Italia da Nord WSA Srl, con sede legale ad Aprilia (LT). Il prodotto …

Continua »

Esselunga richiama un lotto di treccia di mozzarella di bufala campana La Marchesa per un errore di etichettatura: la data di scadenza è sbagliata

Esselunga ha diffuso il richiamo di un lotto di treccia di mozzarella di bufala campana a marchio La Marchesa per un errore di etichettatura. Sulle buste ritirate è stata, infatti, stampata la data di scadenza sbagliando l’anno : 07/08/2018 invece di 07/08/2017. Oggetto del provvedimento sono le confezioni di treccia di mozzarella di bufala campana da 250 grammi (peso sgocciolato), …

Continua »

Grissini “no palm oil” con olio di palma! È un errore dell’etichetta? Risponde l’azienda produttrice

Qualche giorno fa mia moglie ha acquistato dei grissini che credo non abbiamo l’etichetta in regola. C’è un logo ben visibile con scritto “no Palm oil” e come secondo ingrediente compare “oli e grassi vegetali (palma)”. È possibile avere il parere dell’azienda produttrice? Non è un bollino bensì è stampato sull’etichetta. Massimiliano Ecco la risposta del produttore Mago Merlini S.r.l. -la nostra …

Continua »

Se la verdura viene presentata con un nome accattivante, più persone la consumano e aumentano le porzioni

Se la verdura viene presentata con un nome accattivante e goloso il consumo aumenta. Uno studio della Stanford University, negli Stati Uniti, ha dimostrato che l’etichettatura dei vegetali può modificare la scelta dei consumatori. La sorpresa sta nel fatto che le persone prediligono gli ortaggi quando vengono presentati con informazioni focalizzate su aspetti emozionali, invitanti che puntano sul gusto, piuttosto …

Continua »

Un’etichetta che cambia colore indica la freschezza dopo l’apertura. In Gran Bretagna, la catena di supermercati Sainsbury’s la sperimenta contro lo spreco alimentare

spreco alimentare

In Gran Bretagna, la catena di supermercati Sainsbury’s sta per iniziare la sperimentazione di un nuovo dispositivo sul packaging dei prodotti alimentari, per aiutare le famiglie a ridurre lo spreco di prodotti che finiscono in pattumiera, pur essendo ancora commestibili. Si tratta di un’etichetta, posta sulla parte frontale della confezione, che cambia gradualmente colore dal giallo al viola, sulla base …

Continua »

Sede dello stabilimento in etichetta, l’avvocato Dario Dongo illustra lo schema di decreto approvato il 17 marzo dal Consiglio dei ministri

Il 17 marzo 2017 il Consiglio dei ministri ha finalmente approvato lo schema di decreto legislativo che prevede l’obbligo di indicare sulle etichette dei prodotti alimentari la sede dello stabilimento. La dicitura obbligatoria riguarda l’indirizzo di produzione o, “se diverso”, quello di confezionamento. Una precisazione sotto certi aspetti infelice, poiché il consumatore potrebbe essere confuso sull’effettiva origine di alimenti realizzati all’estero …

Continua »

Salsiccia e salsiccia fresca sono due prodotti diversi? Il CeIRSA spiega come distinguerle

Che differenza c’è tra salsiccia e salsiccia fresca? Come spiega il CeIRSA – Centro interdipartimentale per la ricerca sulla sicurezza alimentare della Regione Piemonte – la confusione nasce dall’utilizzo del termine “salsiccia fresca” per indicare, appunto, la freschezza del prodotto venduto sfuso o confezionato per distinguerla dalle salsicce stagionate, riferendosi solo al suo aspetto. In realtà, contrariamente a quanto si …

Continua »