Home / Archivio dei Tag: carne (pagina 4)

Archivio dei Tag: carne

Le diete dimagranti iperproteiche sono da sconsigliare. I chili persi sono uguali ai regimi dietetici con carboidrati, ma i rischi molti di più

Un recente studio pubblicato dall’università di Verona, ha evidenziato che i bambini tra gli 8 e i 13 anni obesi o in sovrappeso assumono una quantità di proteine maggiore rispetto ai coetanei normopeso che invece ingeriscono più carboidrati. Questa informazione contrasta l’idea secondo cui per perdere peso sia necessario seguire le diete che propongono l’eliminazione o la drastica riduzione dei …

Continua »

Grandi investitori contro l’abuso sistematico di antibiotici sugli animali. Rischi per la salute e per il portafoglio

farmaci veterinari

Un gruppo di 54 grandi società di investimento, che gestiscono risparmi e fondi pensione per un patrimonio complessivo di mille miliardi di dollari, hanno chiesto alle catene della ristorazione di porre fine all’eccessivo uso di antibiotici da parte dei loro fornitori di carne e pollame. Il timore è che l’abuso di questi farmaci importanti per l’uomo danneggi la salute e …

Continua »

L’uso degli antibiotici negli allevamenti intensivi è inevitabile? Gli scenari e le strategie per scongiurare un grave rischio

Come combattere la crescente presenza di batteri antibiotico-resistenti, dovuta all’uso eccessivo e improprio di farmaci, negli allevamenti intensivi di animali da reddito? L’idea che gli alimenti della  dieta quotidiana, in particolare il pollame, siamo pieni di batteri può farci paura, ma in realtà la presenza dei batteri su un organismo vivente (compreso l’uomo), è assolutamente normale. Anche se quando si tratta di …

Continua »

Ftalati nelle urine di chi mangia al fast food. Uno studio Usa evidenzia fino al 40% in più di queste sostanze chimiche pericolose

Uno studio condotto dalla George Washington University su quasi novemila persone, ha rilevato una presenza di ftalati nelle urine più alta, fino al 40%, tra i soggetti abituati a mangiare  nei fast-food  rispetto a coloro che mangiano a casa. Gli ftalati, composti chimici in grado di  danneggiare il sistema riproduttivo e provocare infertilità, sono comunemente utilizzati come plastificanti nelle confezioni di cartoncino …

Continua »

Etichettatura d’origine su carne e latte, si riaccende il confronto a Bruxelles. La nuova proposta in sintesi

arrosto carne maiale

Il 23 marzo la Commissione ENVI (Environment, Public Health and Food Safety) del Parlamento europeo, ha approvato una bozza di risoluzione sull’etichettatura di origine del latte, nonché di carne e latte usati come ingredienti di altri prodotti. Il regolamento (UE) 1169/2011 (vedi Ebook L’Etichetta) aveva demandato alla Commissione europea la pubblicazione di alcuni rapporti – basati su consultazioni degli stakeholders e studi d’impatto …

Continua »

Biologico: carne e latte contengono più omega 3 e meno acidi grassi saturi, più vitamine e minerali e meno iodio. Ancora da scoprire gli effetti sulla salute

La carne e il latte biologico contengono più nutrienti associati a effetti benefici sulla salute rispetto agli altri.  Anche se ciò non significa necessariamente che facciano meglio: il dato è importante e costituisce un punto di partenza per  indagini più specifiche. In particolare, i derivati biologici animali contengono più acidi grassi omega 3 e altri acidi grassi insaturi “buoni”, meno …

Continua »

Pulcini, polli e galline: ridurre le sofferenze negli allevamenti e riconoscere la carne di qualità. La posizione di Ciwf

Two young chickens

Ciwf Italia Onlus, l’associazione che si occupa della protezione e del benessere degli animali negli allevamenti, ci ha inviato una nota   in risposta alle dichiarazioni  rilasciate dal presidente di Assoavi Gian Luca Bagnara nell’articolo de Il Fatto Alimentare pubblicato lo scorso febbraio. L’argomento è sempre lo stesso la qualità della cane di pollo e il sistema di allevamento. Negli ultimi giorni si è …

Continua »

I polli al supermercato non sono tutti uguali. Come riconoscere quelli più pregiati a crescita lenta

I polli di allevamento non sono tutti uguali: la nostra indagine sulla produzione di uova – e sul destino dei pulcini maschi delle ovaiole – ci ha portato ad analizzare il mercato dei polli da carne. Questo segmento di mercato è dominato dai polli broiler a rapido accrescimento che  secondo UNA Italia – l’associazione delle aziende produttrici di carne e …

Continua »

Carrefour ritira Wurstel di pollo per possibile presenza di frammenti di alluminio. Non consumare il prodotto

Carrefour ha ritirato a titolo precauzionale, dagli scaffali dai punti vendita di tutta Italia, i Würstel di pollo con il proprio marchio prodotti dal Salumificio Fratelli Beretta S.p.A. per la possibile presenza di corpi estranei. L’avviso riguarda esclusivamente le confezioni da 100 grammi che sull’etichetta riportano il codice 8012666018468 e indicano come scadenza il 21/04/2016. C’è la possibilità che nei würstel siano finiti dei frammenti di alluminio. …

Continua »

Tutti i segreti dei polli venduti al supermercato. Macellati dopo 35 o 120 giorni? A crescita lenta o veloce? Allevati in capannoni chiusi o aperti? Cambia il prezzo e anche il sapore

polli

La nostra indagine sulla produzione di uova – e sul destino dei pulcini maschi delle ovaiole, soppressi perché considerati poco adatti a essere allevati – ci ha catapultati nel mondo degli allevamenti dei polli da carne. Una realtà complessa, fatta di animali con tempi di accrescimento molto differenziati  – da 35 a 120 giorni – e con caratteristiche diverse. Si …

Continua »

Il 54% dei prodotti trasformati non indica l’origine della carne. In Francia l’associazione dei consumatori Que Choisir chiede l’obbligatorietà a livello europeo

L’associazione dei consumatori francese Que Choisir ha condotto un’indagine sui prodotti trasformati contenenti carne, da cui risulta che oltre la metà (54%) non ne indica l’origine. L’inchiesta ha analizzato le etichette di 245 alimenti a base di carne, (tredici marchi nazionali e 7 della grande distribuzione).  L’origine non viene indicata nel 74% dei prodotti a base di pollo, nel 57% …

Continua »

L’8% degli italiani è vegetariano o vegano. I motivi della scelta sono legati ad aspetti etici, ambientali e di salute

Vegetariani panino

In Italia il 7,1% dei cittadini sono vegetariani mentre l’1% si dichiara vegano. I dati sono estrapolati dall’ultimo rapporto Eurispes che ogni anno fotografa l’evoluzione e il cambiamento degli stili di vita e di comportamento degli italiani. Sommando i due valori si può dire che l’8% delle persone che fa la spesa segue una dieta esclusivamente “cruelty free” rinunciando alla carne e …

Continua »

Pubblicate le nuove linee guida dietetiche per gli americani

Il governo statunitense ha pubblicato le nuove linee guida per l’alimentazione corretta, che vengono riviste ogni cinque anni sulla base dell’evoluzione delle conoscenze nutrizioniste e che costituiscono la base delle politiche nutrizionali degli organismi pubblici. Oltre a suggerire un maggior consumo di frutta e verdura di ogni tipo, le linee guida contengono anche alcune indicazioni quantitative per alcuni ingredienti causa …

Continua »

Troppe frodi negli allevamenti. I piani di controllo non prevedono l’uso efficace dei nuovi sistemi anti doping. Intervista a Biolatti

Arrivano dalla ricerca scientifica nuove garanzie sulla sicurezza della carne che consumiamo. È il tema dell’intervento di Bartolomeo Biolatti, docente presso la facoltà di veterinaria dell’Università di Torino, al convegno sulla Sicurezza alimentare organizzato a Roma il 5 novembre dalla Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva sulla lotta al doping in zootecnia. A Biolatti  abbiamo chiesto di anticipare, insieme alla ricercatrice Tiziana Cannizzo …

Continua »

Carni rosse: la California valuta se inserire nell’etichetta l’avvertenza sui rischi di cancerogenicità

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente della California potrebbe decidere che sull’etichetta delle carni lavorate e delle carni rosse fresche debba essere posta un’avvertenza sui possibili rischi di cancerogenicità per i consumatori, dopo che l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha classificato le prime come “cancerogene” e le seconde come “probabilmente cancerogene”. Infatti, una legge della …

Continua »