Home / Allerta / Supermercati Unes: sì allo stabilimento di produzione in etichetta. Se non si modifica la norma si aiuta chi vuole delocalizzare la produzione in paesi a più basso costo

Supermercati Unes: sì allo stabilimento di produzione in etichetta. Se non si modifica la norma si aiuta chi vuole delocalizzare la produzione in paesi a più basso costo

Schermata-2014-12-19-alle-16.29.41
La catena di supermercati Unes è stata la prima azienda a comprare 3 pagine di giornale (dicembre 2014) su 3 quotidiani nazionali per ribadire la necessità di indicare in etichetta lo stabilimento di origine

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di  Mario Gasbarrino amministratore delegato della catena di supermercati Unes, sulla questione dell’indicazione  dello stabilimento di produzione.

 

Condivido ed apprezzo la campagna portata avanti anche da Il Fatto Alimentare  sulla importanza dell’indicazione dello stabilimento di produzione. Lungi da voler rivendicare primati su una materia che ci deve vedere tutti impegnati ed allineati nella difesa del Made in Italy, ricordo, solo per onestà intellettuale, che la catena di supermercati Unes è stata la prima azienda a comprare 3 pagine di giornale (dicembre 2014) su 3 quotidiani nazionali per far sentire la nostra voce.

C’è di più, da due anni a questa parte, e quindi in periodo non sospetto, a fianco a tutti i nostri prodotti a marchio mettiamo uno stopperino con la bandiera del luogo di produzione, allo scopo di valorizzare le aziende italiane che producono o confezionano in Italia, senza pero’ esimerci, per trasparenza, di indicare anche altre provenienze ove questo avvenisse. In più fra meno di un mese, abbiamo modificato il  lay out dell’etichetta prezzo a scaffale per riportare, di fianco al prezzo, alla descrizione ed altre informazioni anche il luogo di produzione dei nostri prodotti a marchio.
Tutto questo permetterà al cliente di scegliere il prodotto da acquistare in completa trasparenza, ma farà un baffo, è difficile ma doveroso ammetterlo, a tutte le multinazionali che si sono comprati prestigiosi marchi italiani e che non vedono l’ora che passi questa legge per delocalizzare la produzione in paese a più basso costo, contribuendo così alla desertificazione industriale di questo paese (che non è la Grecia, ma che rischia di avvicinarvisi molto se ciò avviene).

Supermercati U2
Da due anni Unes a fianco dei prodotti a marchio mettiamo uno stopperino con la bandiera del luogo di produzione

Il tutto nel totale disinteresse della classe politica, che non si rende conto delle conseguenze nefaste di un simile provvedimento. Il ministro dello sviluppo economico  Federica Guidi ha promesso di interessarsene, ma finora ha solo annunciato la volontà di aprire un tavolo di confronto ??!!!
Continueremo a lottare, per il bene del nostro paese più che per l’interesse di bottega (come distributore una legge che mi permette di comprare dove voglio senza dover indicare il luogo di produzione sarebbe molto meglio nel breve, ma il paese e l’economia va a rotoli, e con esso anche il futuro del commercio).

Mario Gasbarrino
ad di Unes e U2 supermercati

 

Il Fatto AlimentareGreat Italian Food Trade hanno promosso una petizione per ripristinare l’obbligo di inserire in etichetta lo stabilimento di produzione.

Per sottoscrivere la petizione clicca qui.

stabilimento produzione petizione

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Biocontaminanti in origano dalla Germania e mercurio in lombi di pesce spada dalla Spagna… Ritirati dal mercato europeo 101 prodotti

Nella settimana n°51 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …