Home / Supermercato / Risparmiare 1.000 euro al supermercato si può! La classifica della convenienza nell’inchiesta di Altroconsumo realizzata in 68 città

Risparmiare 1.000 euro al supermercato si può! La classifica della convenienza nell’inchiesta di Altroconsumo realizzata in 68 città

tab altroconsumo 2013 supermercati mappaSecondo un’indagine pubblicata questo mese sulla rivista Altroconsumo visitando 907 punti vendita situati in 68 città, la spesa annuale fatta al supermercato da una famiglia oscilla dai 6 ai 7 mila euro. L’importo varia in funzione della città in cui si vive e della catena che si sceglie. La rilevazione è stata condotta registrando i prezzi di 500 articoli di marca, alimentari e non, appartenenti a un centinaio di tipologie (biscotti, frutta, detersivi, bibite, acqua minerale oltre a prodotti freschi come frutta, verdura, carne e salumi).

 

I risultati sono abbastanza in linea con quelli registrati l’anno scorso. Pistoia è la città più conveniente (in un anno una famiglia spende mediamente circa 5.900 euro per la spesa). Le altre città che propongono prezzi interessanti sono Firenze e Pisa come pure Cuneo e Verona: qui la spesa costa circa 6.000 euro. Tra le grandi città, Napoli e Torino prevedono una spesa media intorno a 6.400 euro, cioè di poco superiore alla media, così come Milano, 6.500 euro. Anche Roma sfora la media nazionale arrivando a 6.611. Tra le più care, troviamo Ragusa, Messina, Sassari, Siracusa, Reggio Calabria e Aosta (6.800 euro l’anno). La regione più economica risulta la Toscana dove la forte concorrenza tra Coop ed Esselunga contribuisce a mantenere listini molto interessanti per i consumatori.

 

euro currencyPer la seconda volta Altroconsumo attribuisce alla catena U2 Supermercato il punteggio migliore nella classifica con l’indice 100*. Seguono a breve distanza la catena di ipermercati Iper e Interspar. Si posizionano molto bene (indice 101) anche Leclerc Conad e IperSimply. A quota 102 troviamo la catena veneta Alì e gli ipermercati Ipercoop, Bennet e Auchan. A quota 103 Panorama ed Esselunga. Despar è la catena più cara, in media il 10% in più rispetto a U2 Supermercato.

 

Il punto vendita meno caro in assoluto si trova a Verona ed è Iperfamila di via Borgobello. Scegliendo il supermercato più conveniente una famiglia in un anno può risparmiare 1.400 euro ad Arezzo, 1.300 euro a Roma, 1.200 a Venezia e Verona, 1.000 a Milano, 900 euro a Modena, Viterbo, Alessandria e Bergamo.

 

Roberto La Pira

tab altroconsumo 2013 supermercati città

tab altroconsumo 2013 supermercati catene

* L’indice 100 viene attribuito alla catena di supermercati dove la spesa costa meno.  Il valore cresce in proporzione all’incremento dei prezzi. Il valore 110 attribuito a Despar vuol dire che  a parità di prodotti acquistati il conto da pagare comporta un esborso del 10% in più.

© Riproduzione riservata

Foto e tabelle: Altroconsumo.it, Photos.com

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Limoni verdi o gialli? Gli italiani preferiscono quelli gialli che però in estate arrivano dal Sud Africa

Con una certa meraviglia ho scoperto che i limoni acquistati pochi giorni fa a Milano …