Home / Richiami e ritiri / Auchan, Simply, Lidl, Esselunga e Carrefour richiamano tortine: possibile presenza frammenti metallici. Coinvolti numerosi lotti in tutta Italia

Auchan, Simply, Lidl, Esselunga e Carrefour richiamano tortine: possibile presenza frammenti metallici. Coinvolti numerosi lotti in tutta Italia

tortina alla ricotta stabinger

Aggiornamento del 20/02: il Ministero della salute ha pubblicato un avviso di richiamo più ampio di quanto comunicato dall’azienda, probabilmente deciso in via precauzionale, dei dolci prodotti da Stabinger, che comprende 27 tortine, torte e strudel di vari pesi e formati, per un totale di 92 lotti coinvolti. Per vedere quali sono i prodotti interessati clicca qui.

Auchan e Simply hanno richiamato due lotti della tortina alla ricotta Stabinger per la possibile presenza di frammenti metallici. I prodotti interessati sono stati venduti in confezioni da 300 g e le etichette riportano come data di scadenza 22/02/2018 e 01/03/2018.

tortine milbona lidl
La tortina della nonna e quella alle mele a marchio Milbona prodotte da Stabingere e richiamate da Lidl

Per lo stesso motivo, Lidl ha richiamato la tortina della nonna e la tortina alle mele vendute con il marchio dell’insegna Milbona in confezione da 300 g. In questo caso il lotto è caratterizzato dalla scadenza dal 24/02/2018 al 06/03/2018.

Esselunga, invece, ha richiamato la tortina alla ricotta sempre della Stabinger con le date di scadenza  22/02/2018, 24/02/2018, 27/02/2018 e 01/03/2018 e la tortina alle mele con scadenza al 27/02/2018 e 01/03/2018

 

tortine esselunga stabinger
La tortina alla ricotta e quella alla mela richiamate da Esselunga e prodotte da Stabinger

Anche Carrefour, sia sul sito internet che con avvisi nei punti vendita, ha richiamato la tortina alla ricotta Stabinger con scadenza 22/02/2018, 27/02/2018 e 01/03/2018, la tortina alle mele con scadenza 01/03/2018, il trancio alla ricotta con scadenza 27/02/2018 e 01/03/2018 e il trancio ai lamponi con scadenza 27/02/2018 e 01/03/2018.

Tutti i dolci richiamati sono prodotte da Stabinger nello stabilimento di via Anderter 11 a Sesto, in provincia di Bolzano. L’azienda fa sapere che il provvedimento è scattato in seguito alla segnalazione di un fornitore in merito alla possibile presenza di frammenti metallici in una partita di olio di palma e cocco, utilizzata nella linea di produzione.

L’azienda in un comunicato spiega che un “fornitore ha consegnato una partita di materia prima che potrebbe contenere singoli filamenti in acciaio, del diametro di 0,5 mm e lunghezza superiore ad 1 cm, risultati non visibili al Metal Detector presente sul fine linea del loro impianto di produzione. Dalle verifiche da noi immediatamente effettuate è risultato che i prodotti potenzialmente contaminati con filamenti in acciaio sono in questi lotti:”

stabinger tortina al cioccolato tabella lotti

Si raccomanda di non consumare le tortine interessate e di restituire le confezioni al punto vendita. Per quanto riguarda Auchan e Simply, i prodotti sono stati venduti  in iper, super e Franchising Piazza Nord e Regione 1-2.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Stabinger al numero 0474710352 oppure all’indirizzo email info@stabinger.it. Lidl, invece, ha messo a disposizione il numero 800480048

Dal 1° gennaio 2018 Il Fatto Alimentare ha segnalato 16 richiami, per un totale di 52 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo pubblicato in Italia che rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori interessati a ricevere l’ebook, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro in formato pdf “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

formaggio pecorino semistagionato garante richiamo listeria

Richiamato formaggio pecorino semistagionato Garante per presenza di Listeria monocytogenes

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di formaggio pecorino a …

2 Commenti

  1. Anche il Carrefour ha il cartello