Home / Packaging / Trovata una pellicola commestibile farcita con origano e rosmarino da usare per ridurre la carica batterica della carne

Trovata una pellicola commestibile farcita con origano e rosmarino da usare per ridurre la carica batterica della carne

pellicola commestibile carne cruda carica batterica
Una pellicola commestibile potrebbe ridurre la carica batterica della carne

Ridurre la carica batterica della carne confezionadola in una pellicola commestibile per alimenti, è questa l’interessante proposta messa a punto dalla PennState University. Naturalmente la pellicola è particolare perchè contiene oli essenziali di origano e rosmarino, oltre che nanoparticelle di argento o di ossido di zinco per inibire significativamente la carica batterica nelle carni fresche o trasformate e nei prodotti avicoli. Lo studio è stato pubblicato dal Journal of Food Science

 

La pellicola è fatta di pullulano, un polisaccaride estratto dalle cellule di Aureobasidium pullulans, un fungo ubiquitario tipo il lievito. Il risultato è una sostanza completamente biodegradabile, incolore, insapore, trasparente e commestibile con il vantaggio di avere un’elevata resistenza ai grassi e di costituisce una buona barriera ai gas. Catherine Cutter, professoressa di Scienze dell’alimentazione coinvolta nello studio, conta di riuscire ad applicare presto queste nuove pellicole antimicrobiche commestibili alla carne e al pollame.

 

Attualmente, queste pellicole non sono impermeabili all’ossigeno, come lo è invece la plastica usata per le vaschette della carne, e quindi non sono in grado di sostituirla. L’obiettivo dei prossimi anni sarà quello di arrivare a una pellicola di polietilene con proprietà antimicrobiche.

 

 Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il packaging del prodotto guida le nostre scelte al supermercato: l’esperimento sul cioccolato degli psicologi australiani

Il packaging di un prodotto è davvero fondamentale: a seconda di come viene realizzato può …