Home / Nutrizione / L’Oms raccomanda: le calorie da grassi saturi devono essere meno del 10%. Consultazione pubblica sulle nuove linee guida per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari

L’Oms raccomanda: le calorie da grassi saturi devono essere meno del 10%. Consultazione pubblica sulle nuove linee guida per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari

olio di palma Oil palm fruit and cooking oil grassi saturiPer ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, le calorie provenienti da grassi saturi non devono superare il 10% di quelle assunte complessivamente ogni giorno, sia dagli adulti che dai bambini. La raccomandazione è contenuta nelle prime linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sugli acidi grassi, che fanno seguito a quelle sull’assunzione di sodio, potassio e zuccheri. Sulle nuove linee guida è stata avviata una consultazione pubblica sino al 1° giugno e la pubblicazione dovrebbe avvenire entro l’anno.

Gli acidi grassi saturi si trovano in alimenti di origine animale come burro, latte, carne, salmone e tuorli d’uovo e in alcuni prodotti di origine vegetale come cioccolato e burro di cacao, olio di palma e olio di palmisti. L’Oms raccomanda anche di sostituire i grassi saturi con quelli polinsaturi, più salutari, come quelli contenuti nell’olio di oliva.

Le nuove linee guida sono finalizzate a ridurre le malattie non trasmissibili, che nel 2016 hanno causato 54,7 milioni di morti in tutto il mondo, il 72% delle quali, cioè 39,5 milioni, sono dovute a malattie cardiovascolari, in molti casi prima dei 70 anni.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

ginnastica dieta nutrizione

Ortoressia: da dove deriva l’ossessione per il cibo sano? Una fissazione che ha alcune caratteristiche sempre presenti

Si chiama, in linguaggio tecnico, ortoressia, ed è l’ossessione per il cibo sano, privo di …

9 Commenti

  1. “Gli acidi grassi saturi si trovano in alimenti di origine animale come burro, latte, carne, salmone e tuorli d’uovo”.
    Che stanchezza…nulla di nuovo, l’ennesima riconferma che una dieta sana deve essere fatta con un sacco di frutta, verdura e legumi ogni giorno, e ogni tanto ci si mangia carne (di qualità), pesce (di qualità, non certo i salmoni di allevamento) e latticini.
    Se ci fate caso tutti questi studi arrivano a questo. Che è poi quello che l’uomo ha involontariamente fatto fino a una sessantina di anni fa, più o meno.

    • Fino a una sessantina di anni fa quando la lunghezza vita media era molto più corta di oggi. Il corpo umano ha fabbisogni di grassi carboidrati e proteine ben definiti…… qualsiasi dieta a base di frutta e verdura non ti permetterà nemmeno di alzarti dal letto se ne usufruirai per un lungo periodo!

    • Infatti non mi sembra di avere escluso carne e pesce, e nemmeno il pane….ho solo scritto di variare la dieta e seguire le stagioni.
      Poi, prima la vita era più corta innanzitutto perchè la medicina era meno avanzata e pochi se la potevano permettere. E le condizioni di lavoro erano diverse.

  2. Aggiungo una nota di dubbio sulle qualità di alcuni saturi, come quello del salmone e del cocco oggi in rapida crescita d’utilizzo in sostituzione del palma in molte formulazioni.
    Spesso il mondo “scientifico” si divide e non sa decidere in modo univoco su molte questioni discordanti.
    Se non teniamo conto del contesto d’uso tradizionale di molti alimenti in discussione (i salmoni nel nord freddo, il cocco ed il palma non raffinato nel sud caldo), queste controversie rimarranno irrisolte ancora per molto tempo.

  3. Domanda a FTV:” qualsiasi dieta a base di frutta e verdura non ti permetterà nemmeno di alzarti dal letto se ne usufruirai per un lungo periodo!” ha degli esempi di questa affermazione? perchè allora i campioni vegani mondiali di vari sport, tutte le persone vegane da anni, io stessa vegana da 10 anni, come stiamo facendo a vivere ?
    Carla

    • Fammi il nome di un vegano dalla nascita che ha raggiunto la pensione…… guarda che anche il latte materno è cibo di derivazione animale!

    • Perchè si dopano(primo)e integrano ciò che gli servirebbe dalla carne con integratori alimentari sintetici,esempio? la creatina e altri BCAA normalmente presenti in uova e latte
      te lo dice uno sportivo(non vegan) ma che conosce parecchi atleti vegan.

  4. Ma io non conosco tutti gli esseri viventi apparsi sulla terra dal primo uomo ad ora!
    La mamma di ogni spece animale produce latte per soddisfare le esigenze nutrizionali dei suoi neonatii fino a quando sono in grado di nutrirsi da soli, dopodiche non si nutrono più con il latte.