Home / Pianeta / Le importazioni italiane di olio di palma sono aumentate del 26% in un anno. L’Indonesia è il principale paese fornitore

Le importazioni italiane di olio di palma sono aumentate del 26% in un anno. L’Indonesia è il principale paese fornitore

olio di palma
L’importazione di olio di palma in Italia è aumentata del 25%

Nel 2014, le importazioni italiane di olio di palma sono aumentate del 26% rispetto all’anno precedente, passando da 1,39 miliardi di chili a 1,75. L’esborso è aumentato del 17%, passando da 996 milioni di euro a 1,16 miliardi. Questi dati forniti dall’Istat indicano una tendenza quasi irreversibile  verso la maggior penetrazione di quest’olio economico ma di bassa qualità nei prodotti alimentari trasformati industrialmente. Uno dei Paesi da cui importiamo maggiormente l’olio di palma è l’Indonesia, il cui viceministro agli Affari economici, con delega alle foreste, Prabianto Mukti Wibowo, è intervenuto a una conferenza della Banca Mondiale su terre e povertà. Il viceministro ha sostenuto  che la distruzione delle foreste, per far posto alle coltivazioni di palma da olio, è una questione tecnica, che non dovrebbe entrare nelle discussioni commerciali e non dovrebbe costituire un ostacolo agli scambi.

 

olio di palma
Secondo il viceministro indonesiano, l’olio di palma è importante per lo sviluppo del suo Paese, perché riduce la povertà

Come riferisce l’agenzia Reuters, per il rappresentante del governo indonesiano la distruzione delle foreste è una preoccupazione tipica dei Paesi ricchi, mentre gli acquirenti asiatici di olio di palma non sono preoccupati. India, Cina e Pakistan acquistano infatti il 55% dell’olio esportato dall’Indonesia, mentre l’Europa solo l’8%. Nonostante la quota ridotta, l’Europa fa forti pressioni sull’Indonesia, perché non abbatta e bruci le foreste, per far posto alle piantagioni. Secondo il viceministro indonesiano, l’olio di palma è importante per lo sviluppo del suo Paese, perché riduce la povertà, portando strade, scuole e altre infrastrutture per le comunità rurali, generando cinque milioni di posti di lavoro, di cui beneficiano quindici milioni di persone.

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pita, Arabic bread

Il pane più antico potrebbe avere 14 mila anni. Archeologi trovano briciole in un focolaio datato 4 mila anni prima dell’agricoltura

Gli esseri umani hanno iniziato a mangiare il pane migliaia di anni prima che l’agricoltura …

4 Commenti

  1. Da questo link ho notato come tante aziende italiane si siano “certificate” solo di recente! http://www.rspo.org/members?keywords=&member_type=&member_category=&member_country=Italy O sbaglio?

  2. Se leggiamo bene le etichette e le industrie sono oneste (?) possiamo scegliere ed eliminare l’olio di palma dal ns. consumo.

    • Hai ragione basta leggere ! Purtroppo però devi perdere un ora per trovare dei biscotti ad es che non lo contengono … Nel 95% c’è ! Dovrebbero sensibilizzarsi anche i responsabili acquisti dei supermercati !!!

    • addirittura ora le aziende che non utilizzano una materia prima presente sul mercato mondiale possono essere definite oneste….. assurdo