Home / Pianeta / Allarme obesità infantile in Scozia. Più di 500 bambini tra i due e i quattro anni visitati da specialisti negli ultimi tre anni

Allarme obesità infantile in Scozia. Più di 500 bambini tra i due e i quattro anni visitati da specialisti negli ultimi tre anni

bambino obesità sovrappesoTra il 2014 e il 2016, in Scozia più di 5 mila bambini e adolescenti fino ai 18 anni d’età sono stati indirizzati a medici specialisti del Servizio sanitario nazionale a causa delle preoccupazioni suscitate dalle loro condizioni di peso. Oltre 500 di questi sono compresi tra i due e i quattro anni di età. Poiché ad alcune schede mancano alcuni dati, è probabile che le cifre effettive dell’obesità infantile siano superiori.

È quanto emerge dai dati ufficiali ottenuti dal Partito Conservatore scozzese, che ne aveva fatto richiesta in base alle leggi sul diritto di accesso alle informazioni e che sottolinea quanto sia cruciale affrontare con decisione il fenomeno dell’obesità, intesa come una delle grandi sfide odierne per la salute pubblica e per la sostenibilità della spesa sanitaria. Infatti, ai 5.129 minorenni visitati da specialisti si aggiungono 61.916 adulti nel triennio.

In aprile, nel Regno Unito entrerà in vigore una soda tax sulle bevande zuccherate, a cui il governo scozzese vuole aggiungere altre disposizioni, contenute in una strategia nazionale su cui si è appena conclusa la consultazione pubblica. Le due priorità indicate sono la limitazione del marketing di cibi ricchi di grassi, sale e zucchero, e un maggior supporto alle persone colpite da diabete di tipo 2 affinché riescano a perdere peso, prevedendo un stanziamento di 42 milioni di sterline nei prossimi cinque anni.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

plastica bottiglie riciclo raccolta differenziata vuoto a rendere

Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

La plastica è uno dei principali responsabili del riscaldamento globale, anche se questa sua caratteristica …