Home / Nutrizione / L’obesità infantile è un problema da risolvere. Eliminare gli spot e tassare il cibo spazzatura. Il parere di Francesco Branca OMS

L’obesità infantile è un problema da risolvere. Eliminare gli spot e tassare il cibo spazzatura. Il parere di Francesco Branca OMS

obesità infantile alimentazione OMS educazione alimentare
L’obesità infantile è un problema da affrontare con tutti gli strumenti a disposizione

Il problema della obesità infantile esiste per più di otto famiglie su dieci e va affrontato in maniera decisa. Il primo passo da compiere, secondo i tre quarti dei genitori inglesi, è rappresentato dal divieto degli spot che promuovono il consumo di alimenti poco salutari prima delle nove di mattina. Ovvero nella fascia in cui i bambini sono seduti a tavola per la colazione, prima di andare a scuola. Sono chiare le conclusioni di un’indagine condotta dalla più grande charity al mondo in ambito oncologico, la Cancer Research Uk, in cui sono stati coinvolti poco più di 1700 genitori. Il 74% s’è dichiarato favorevole al giro di vite sugli spot che promuovono il consumo di alimenti poco salutari, come peraltro è raccomandato in tutti i paesi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (ma la successiva applicazione della restrizione è demandata ai singoli Stati). Poco più della metà degli intervistati ha inoltre espresso la volontà di vedere tassate le bevande zuccherate, come già richiesto da alcuni parlamentari britannici sul modello di quanto fatto in Messico.

«Il cibo spazzatura è ormai ovunque e gli spot invitano al consumo grazie all’abbinamento con colori vivaci e personaggi dei cartoni animati – ha dichiarato Alison Cox, direttore dell’area di prevenzione oncologica del Cancer Research UK -. I prezzi, inoltre, sono molto competitivi». Non c’è altro tempo da sprecare. «In un momento come questo, occorre un’azione forte che impedisca ai bambini di scegliere questi alimenti». I dati raccolti nel sondaggio testimoniano la presa di coscienza del problema del sovrappeso e dell’obesità infantile. Come documentato in una ricerca pubblicata su The Lancet Oncology, chi ha troppi chili in eccesso convive con un rischio più alto di sviluppare diversi tumori. Principalmente al seno e all’endometrio nelle donne, con una maggiore incidenza dopo la menopausa. Nell’uomo la complicanza più frequente riguarda il tumore al colon. Ma anche fegato, pancreas, esofago, colecisti e ovaie non sono al riparo dai chili in eccesso. Sempre nello stessa ricerca sono state stimate circa 481mila nuove diagnosi annue di tumore (pari al 3-6 per cento delle diagnosi nel mondo) dovute all’obesità. L’onere risulta più alto nei paesi sviluppati, dove il 64 per cento delle neoplasie è correlato all’obesità. La principale responsabilità di questo trend, secondo gli specialisti, è da ascrivere all’aumento dell’indice di massa corporea – equivalente al rapporto tra il peso e l’altezza al quadrato – rilevato dal 1982 a oggi.

bambino sovrappeso
Sarebbero auspicabili alimenti con pochi grassi e zuccheri, ma anche meno sale

Le conclusioni dell’indagine della Cancer Research UK vanno di pari passo con quelle tratte da un altro sondaggio, condotto dalla Diabetes UK, secondo cui i tre quarti degli intervistati vorrebbero che le aziende riducessero il contenuto di sale, zuccheri e grassi saturi dagli alimenti confezionati. Più che di junk food, infatti, è corretto parlare di «alimenti ad alto contenuto di energia, grassi, zuccheri liberi e sale», dichiara Francesco Branca,  direttore del dipartimento della nutrizione per la salute e lo sviluppo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. «L’Agenzia inglese per la Sanità Pubblica conduce ogni anno studi sui consumi alimentari di bambini e adulti. I dati raccolti tra il 2008 e il 2012 mostrano che l’intera popolazione consuma troppi grassi saturi, zuccheri aggiunti e sale e non abbastanza frutta, verdura, fibra alimentare e pesce. Nei bambini tra quattro e dieci anni e negli adolescenti tra 11 e 18 anni i consumi di zuccheri aggiunti sono ben al di sopra della raccomandazione dell’Agenzia». Il momento è considerato cruciale Oltremanica, dove quasi un bambino su tre risulta in sovrappeso o obeso prima di iniziare le scuole elementari. C’è attesa per capire se il governo cederà alle pressioni che giungono dai consumatori relativamente all’ipotesi di tassazione degli alimenti meno salutari, visto che entro marzo dovrebbe essere diffuso il manifesto di lotta all’obesità infantile.

obesità infanzia bambini junk food
Una dieta insalubre inizia fin da bambini

Il messaggio risuona come un monito anche per la popolazione infantile italiana. Come riportato in uno studio pubblicato sull’International Journal of Food Science and Nutrition, i bambini (in media) traggono oltre il 40% dell’energia quotidiana dai grassi e consumano una quantità di frutta e verdura più bassa rispetto a quanto raccomandato dalle Linee guida. Come ricorda anche Branca, «la dieta poco sana comincia già nei primi anni di vita, con un eccesso di proteine, carboidrati semplici, grassi saturi e sodio, e un basso consumo di ferro e fibra alimentare. Se si compara la prevalenza del sovrappeso tra i bambini di sette anni in 17 Paesi Europei, l’Italia, assieme alla Grecia e alla Spagna, ha i valori più alti».

 

  Fabio Di Todaro

Fabio Di Todaro
Giornalista free lance. Twitter: @fabioditodaro

Guarda qui

Gluten free bread for people that got special diet.

La sensibilità al glutine non celiaca: una nuova ed enigmatica reazione avversa al grano. Ancora tanti i dubbi

Da alcuni anni, i medici hanno a che fare con un crescente numero di enigmatici …

9 Commenti

  1. L’obesità infantile è un problema grave ma anche l’obesità in genere lo è e programmi come “Presa diretta” di ieri sera non aiutano di certo.

    • “Presa Diretta” non aiuta a comprendere il problema dell’obesità e di un’alimentazione sbagliata? non capisco cosa voglia dire. a me è sembrata una trasmissione illuminante e ricca di spunti interessanti.

  2. Intanto si potrebbero eliminare da ospedali e edifici pubblici in genere tutti i distributori di merendine e spazzature varie. Il ridicolo è che ci sono bambini ricoverati per diarrea che poi si abboffano di patatine e snack vari che prendono dal distributore che sta nell’atrio del reparto …

  3. Che dire dei distributori di bevande e merendine all’interno di edifici scolastici ? Quando ho sollevato questa obiezione mi e’ stato detto che erano lì a disposizione del personale scolastico ( nella suddetta scuola gravitano 8/10 insegnanati 2 bidelli e 2 segretarie… e 60 bambini ! ) .

  4. sono mamma di una bimba di cinque anni che frequenta la scuola dell’ infanzia (statale).
    nonostante sia tassativamente vietato portare a scuola alimenti, non sono ammesse le torte di compleanno ad esempio, le maestre hanno l’abitudine di premiare tutti i giorni i bambini che si comportano bene con caramelle e cioccolatini.
    l’anno scorso ho parlato alle maestre chiedendo spiegazioni, mi hanno detto che i bambini hanno bisogno di essere gratificati.
    per un po hanno smesso, ma quest’ anno siamo daccapo.
    pare sia una cosa molto diffusa tra l’altro.
    cosa ne pensate??

    • Roberto La Pira

      Ci sono caramelle al latte senza zuccheri aggiunti, ci sono prodotti poco dolci e senza palma gallette e altri senza palma.In ogni caso la regola è niente fuori dai pasti. Caramelle, patatine fritte e creme alla nocciola forse solo alle feste di compleanno se non sono troppe.

    • Certo è importante gratificare i bambini, ma perchè non farlo con la frutta?

  5. Non far vedere ai bambini la pubblicità no eh? Spegnere la tv ogni tanto no? Saper dire loro ogni tanto un ” no questo fa male, l’hai già mangiato, non si mangia tutti i giorni” no eh, deleghiamo sempre agli altri l’educazione dei nostri figli!
    Comuque sarebbe un’ottima idea quella di far togliere i distibutori di schifezze, e al loro posto si potrebbe far vendere del cibo vero

  6. Per mia esperienza da genitori obesi, disattenti e insensibili alla buona alimentazione, escono bambini con gli stessi problemi. Ho amici che comprano ogni sorta di porcheria ai propri figli e vanno spesso nei fast food ove mangiano solo cose improponibili. Al supermercato riempiono il carrello di roba prefritta, bibite gasate e zuccherate, merendine e dolci industriali senza nemmeno guardare alle etichette. Purtroppo è una realtà che vediamo ogni giorno e le conseguenze sono sotto agli occhi di tutti.