Home / Pubblicità & Bufale / Un chilo di Nutella a colazione: arriva il formato gigante, ma ce n’era bisogno?

Un chilo di Nutella a colazione: arriva il formato gigante, ma ce n’era bisogno?

nutella+grande+formato
A Milano Ferrero invade la città con  manifesti che invitano a comprare barattololni di Nutella da 1 kg

Mentre a New York il sindaco cerca in tutti i modi di vietare la vendita delle maxi porzioni nei fast food,  a Milano Ferrero invade  la città con maxi manifesti che invitano a fare la scorta di Nutella comprando barattoli da 630 g,  825 g o da 1 kg.  Di fronte a queste campagne pubblicitarie risultano pressochè  inutili le iniziative per convincere i giovani a nutrirsi correttamente evitando snack dolci, salati e bibite zuccherate.

Purtroppo i barattoloni di Nutella in formato familiare, che  richiamano alla mente il bicchierone gigante di crema al cioccolato del  film di Nanni Moretti, avranno un buon successo.
L’aspetto assurdo della  vicenda è che Ferrero fino a pochi mesi fa proponeva  alle famiglie  spot con Tata Lucia che dispensava consigli per una colazione intelligente ed equilibrata. La formula era molto semplice: una fetta di pane ricoperta da 15 g di crema alle nocciole  (una porzione), un bicchiere di latte e frutta.
 Dopo la saggezza di Tata Lucia arrivano ora  i barattoloni da 1 chilo per tutta la famiglia, che non sono certo un invito alla moderazione e all’equilibrio.
nutella-tata-lucia
Pochi mesi fa Tata Lucia dispensava consigli per una colazione equilibrata, adesso Ferrero propone barattolini da 1 kg.

Günther Karl Fuchs  il brillante blogger di Papille Vagabonde  in un post  si chiede:

“….quanti dobbiamo essere in famiglia per consumare  1 kg di nutella a colazione? …… Da una parte  Ferrero sostiene le  piccole porzioni dall’altro propone formati da 1 kg…..Se fossimo negli anni ’50 sarebbe “addescamento nutelloso”.
  Il testo conclude con una riflessione Cercate di capire io ho 4 figli adolescenti se metto in tavola 1 kg di nutella, come posso spiegare a loro il significato della parola porzione? I barattoloni sono un invito implicito a consumare più Nutella, ma allora a che serve scrivere sull’etichetta la porzione ?”.
La tendenza ad esagerare con le dimensioni non è una novità per le aziende alimentari.  Coca Cola  propone con successo la bottiglia da 1,5 e da 2 litri, McDonald’s  raddoppia la grandezza  del panino e le calorie agli avventori disposti a spendere un euro in più, i  produttori di patatine hanno creato buste gigantesche  per non parlare dei bicchieroni stratosferici di pop corn serviti nei cinema.
Adesso anche Ferrero ha capito che la moderazione non è proprio la virtù delle aziende del cibo supercalorico e propone per la famiglia vasetti con 65 porzioni. Complimenti.
Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

Foto: Papille Vagabonde

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Falsi miti e bufale: l’Istituto superiore di sanità sfata alcune leggende diffuse in ambito alimentare

Miti, bufale, leggende: in ambito alimentare, sono ancora tante le convinzioni in voga pur senza …

41 Commenti

  1. ROBERTO ANGILERI

    RISPARMIO O MAGGIOR CONSUMO ?
    Fate un po’ la prova.
    Una famiglia ha in dispensa un barattolo da 500 gr.
    Un’altra famiglia ha in dispensa un barattolo da 1 kg.
    La seconda famiglia non consumerà mai nel doppio dei giorni della prima famiglia, ma molto prima.
    Quindi, effetto iniziale, RISPARMIO in proporzione al peso, effetto finale MAGGIOR CONSUMO e maggiore spesa.
    Spero di trovarVi d’accordo.