Home / Sicurezza Alimentare / Coloranti e additivi di dimensione nanometrica sono già presenti nel cibo, anche se nessuno certifica la sicurezza

Coloranti e additivi di dimensione nanometrica sono già presenti nel cibo, anche se nessuno certifica la sicurezza

dolceLe nanoparticelle cominciano ad essere  molto diffuse nel settore alimentare soprattutto come additivi, anche se  raramente  vengono dichiarate in etichetta. Una cosa è però sicura, nessuno sa con certezza se  queste nanoparticelle possano o meno costituire un pericolo per la salute. La maggior parte delle aziende le utilizza perché le dimensioni nano (un miliardesimo di metro), conferiscono a coloranti, addensanti e additivi caratteristiche positive dal punto di vista organolettico, ma quasi nessuna azienda lo ammette o lo scrive sulla confezione, visto che per ora  non esiste un obbligo. È quindi molto difficile conoscere la situazione reale.

 

Per avere qualche elemento utile, l’associazione no profit As You Sow, che lavora per favorire un comportamento etico da parte delle grandi aziende, ha chiesto a 2.500 società americane ( molte delle quali multinazionali  come Pepsi Cola, Whole Foods, Taco Bell e Pizza Hut…), di fornire delucidazioni in merito. La prima  sgradita sorpresa è che  hanno risposto soltanto 26 aziende. Di queste, solo 14 hanno affermato di non utilizzare nanoparticelle e soltanto due di avere specifiche regole aziendali sul loro impiego. Quasi tutte hanno detto di essere interessate alle nanoparticelle  perché  possono rendere i colori più brillanti, far diventare le creme più soffici e migliorare la conservabilità di alcuni cibi, senza però rivelare i loro progetti futuri.

 

caramelleTanta reticenza è probabilmente dovuta al fatto che i nanomateriali negli alimenti non godono di buona fama. Numerosi studi pongono l’accento sui pericolo di un possibile accumulo in tessuti come quelli dell’apparato respiratorio e, soprattutto,  sottolineano come il comportamento in ambiente biologico sia diverso da quello degli stessi prodotti che hanno dimensioni più grandi.

 

Per questi motivi, la stragrande maggioranza di questi studi invita alla prudenza e all’applicazione del principio di precauzione. Principio che al momento, vista la crescita esponenziale dei nanomateriali, non sembra essere il filo conduttore di normative ancora molto lacunose e disomogenee. Secondo alcune rilevazioni, nel mondo ci sarebbero già più di 800 prodotti commercializzati in versione nano da 400 aziende in 21 paesi, in genere le sostanze di dimensioni nano sono utilizzate  non solo nei cibi ma anche nel packaging, nei cosmetici e in molti altri prodotti.

 

zuppaDal  questa indagine emerge la necessità di regolamentare al più presto la materia. L’Europa, ancora una volta, sembra essere più avanti, perché il Parlamento già definito i nanomateriali dal punto di vista giuridico e ha affermato che “Ogni ingrediente in forma di un nanomateriale deve essere chiaramente indicato nella lista degli ingredienti. Il nome di questo ingrediente è seguita dalla parola “nano” tra parentesi”. Per ora non si tratta ancora di un obbligo esecutivo, ma la norma ad hoc è attesa per i prossimi mesi. L’EFSA, dal canto suo, ha emanato le linee guida per verificare la presenza di nanoparticelle (vedi articolo) e lavora da tempo su questo argomento.

 

Nello scorso mese di aprile anche la FDA ha preso posizione, dichiarando di non avere abbastanza elementi per esprimersi in maniera netta sulla sicurezza, mentre la Environmental Protection Agency sta conducendo molte analisi.

In attesa che gli studi possa dire una parola chiara su eventuali rischi, sarebbe bene che i consumatori potessero almeno sapere se nel prodotto che stanno acquistando ci sono questi materiali in versione nano, per scegliere liberamente se acquistarli o meno.

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

pret a manger esterno

Due morti per shock anafilattico, Pret a Manger sotto accusa: allergeni non dichiarati sui prodotti preincartati in vendita

Pret a Manger è al centro delle polemiche nel Regno Unito per la seconda morte …

Un commento

  1. Basta chiedere al dott. STEFANO MONTANARI