Home / Allerta / Mercurio in tonno in olio d’oliva e glutine non dichiarato in polvere proteica Bio Planete… Ritirati dal mercato europeo 70 prodotti

Mercurio in tonno in olio d’oliva e glutine non dichiarato in polvere proteica Bio Planete… Ritirati dal mercato europeo 70 prodotti

BIO PLANeTE proteine semi di lino glutineNella settimana n°12 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 70 (sette quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende sette casi: conteggio elevato di Escherichia coli in cozze vive dalla Spagna, purificate in Italia; Listeria monocytogenes in formaggio brie a latte crudo proveniente dalla Francia; mercurio in tonno (Thunnus alalunga) in olio d’oliva in barattoli di vetro dall’Italia; aflatossine (B1) in dolce con pistacchi (halva) dalla Turchia; frammenti di plastica in vari tipi di pasta ripiena vegana e bio, dall’Austria; presenza di glutine in proteine da farina di semi di lino (marca: BIO PLANÈTE; confezione da 250 g; EAN: 4-260355-582408; Termine minimo di conservazione: febbraio e marzio 2019; lotti: 09770047, 09770050, 10450050, 10450060) e in polvere proteica (marca: BIO PLANÈTE; confezione da 300 g; EAN: 4-260355-582385; Termine minimo di conservazione: da dicembre 2018 a febbraio 2019; lotti: 060390347) entrambe “gluten-free”, proveniente dalla Germania; aflatossine (B1) in mangimi complementari per vacche da latte dall’Italia, con materie prime dall’Austria, via Ungheria.

Mercurio
Mercurio in tonno (Thunnus alalunga) in olio d’oliva in barattoli di vetro dall’Italia

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: presenza di Salmonella in cibi a base di carne per animali domestici dalla Spagna; infestazione da parassiti (Anisakis) in sgombri refrigerati (Scomber scombrus) dalla Spagna.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: aflatossine (B1) in nocciole sgusciate dall’Azerbaijan; sostanza non autorizzata (clorfenapir)in peperoncini verdi freschi dal Pakistan; certificati sanitari impropri per i ricci di mare congelati dalla Turchia.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, l’Ungheria segnala un odore anomalo di acqua minerale in bottiglia.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

quaglie carne barbecue griglia

Salmonella in quaglie dall’Italia e piombo in salame di camoscio fresco… Ritirati dal mercato europeo 72 prodotti

Nella settimana n°42 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

5 Commenti

  1. Paolo Imarisio

    Come si fa a sapere le marche coinvolte ?

    • Valeria Nardi

      Il Rasff “Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi” è una struttura coordinata a livello europeo. Molti Stati pubblicano i nomi delle marche i cui lotti sono oggetto di ritiro, richiamo o allerta. Ma questo non accade sempre. Purtroppo in alcuni casi neanche a noi è dato sapere di che prodotti si tratta.

  2. Per piacere recall no! Salviamo l’italiano!!!

  3. paolo andreoli

    Non è possibile esplicitare i nomi delle catene di distribuzione al dettaglio in cui è stata rilevata la presenza di alimenti contaminati?
    Grazie

    • Valeria Nardi

      Il Rasff “Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi” è una struttura coordinata a livello europeo. Molti Stati pubblicano i nomi delle marche i cui lotti sono oggetto di ritiro, richiamo o allerta. Ma questo non accade sempre. Purtroppo in alcuni casi neanche a noi è dato sapere di che prodotti si tratta. Abbiamo chiesto al Ministero della Salute se si potevano avere i dettagli del richiamo del tonno. Siamo in attesa.