Home / Expo2015 / Studenti, andate a mangiare da McDonald’s! Censurato dall’Antitrust l’assurdo invito alle scuole dell’assessore Aprea della Regione Lombardia di frequentare il tempio del cibo spazzatura a Expo 2015

Studenti, andate a mangiare da McDonald’s! Censurato dall’Antitrust l’assurdo invito alle scuole dell’assessore Aprea della Regione Lombardia di frequentare il tempio del cibo spazzatura a Expo 2015

mcdonald
L’immagine pubblicata sul sito del Movimento 5 Stelle che denuncia la censura dell’Antitrust nei confronti della Regione Lombardia

Nell’aprile scorso, l’Assessore Valentina Aprea aveva inviato una circolare  agli studenti lombardi invitandoli a visitare Expo e ricordando loro che per il pranzo potevano usufruire di una speciale agevolazione presso McDonald’s: “Per il solo mese di Maggio – scriveva  l’assessore  – McDonald’s offrirà una soluzione ristorativa scontata. Per i più piccini che tipicamente mangiano l’Happy Meal, sarà offerto gratuitamente il gelato (o equivalente). Per i più grandi, il menu sarà scontato del 50%.” Di fronte a questo gesto spudorato promosso da un assessore “ingenuo”, forse sollecitato dalla catena di fast food che ha pagato una somma esagerata per allestire un padiglione all’interno di Expo 2015 , il Movimento 5 Stelle della Lombardia ha inviato una segnalazione all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che dopo avere esaminato il caso ha censurato il comportamento di Valentina Aprea. L’AGCM scrive nella lettera inviata al Presidente della Lombardia Roberto Maroni e all’Assessore all’Istruzione Valentina Aprea: “Sottolineata l’esigenza di non adottare nuove iniziative, quale quella esaminata nel caso di specie, che, favorendo un operatore a discapito degli operatori concorrenti, appaiono avere portata discriminatoria e anticoncorrenziale“.

A Expo sono presenti multinazionali del junk food  che hanno scopi divergenti da quelli dell’esposizione

Silvana Carcano, consigliere del Movimento 5 Stelle Lombardia, ha commentato: “Al di là del grave invito agli studenti lombardi a nutrirsi di junk food, che non è certo educazione alimentare utile a prevenire malattie in età evolutiva, dimostra che i partiti usano Expo solo per fini strumentali. Maroni lo fa come il Pd che in Expo organizza le sue assemblee nazionali. Ai lombardi evidentemente mancava una Giunta regionale che fa pubblicità alle multinazionali alterando il mercato e favorendo la concorrenza sleale.”

È questo l’ennesimo grave episodio che vede le grandi imprese del cibo spazzatura sgradite protagoniste di un’esposizione universale che si pone obiettivi e scopi opposti a quello di Expo. C’è da chiedersi se il prossimo settembre, in occasione dell’apertura delle scuole, l’assessore Valentina Aprea voglia ripetere l’impresa invitando i  plessi ad ospitare distributori di merendine e bibite dolci e snack (vendute a prezzo scontato, naturalmente) firmate dalle aziende che hanno partecipato da protagoniste a Expo.

© Riproduzione riservata

 

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Expo 2015, il successo di Israele ed Emirati Arabi e il flop degli Stati Uniti. Continua il tour tra i padiglioni di Beniamino Bonardi

Il prossimo Expo si terrà nel 2020 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, che nell’area espositiva …

2 Commenti

  1. Con amministratori così “ingenui”, potevamo sperare di salvarci dal TTIP? Io proporrei di far gestire la ristorazione del consiglio regionale a Mcdonald, tanto per vedere in quanti ci andrebbero a mangiare.

  2. Alla cattiva politica interessano gli affari e non la salute delle persone , i più spesso l’ ignoranza di taluni soggetti fa il resto ! Forse la tizia in questione.. Assessore mi sembra troppo… Pensa che i piselli nascano nelle scatole …..