Home / Recensioni & Eventi / Come si svolgono i controlli sui cibi di origine non animale? “Sicurezza alimentare”, un libro per gli addetti ai lavori

Come si svolgono i controlli sui cibi di origine non animale? “Sicurezza alimentare”, un libro per gli addetti ai lavori

sicurezza alimentare controlliCome vengono svolti i controlli su cibi come la frutta, la verdura e i cereali? A spiegarlo ci pensa il libro “Sicurezza alimentare. I controlli sugli alimenti di origine non animale” scritto da Carlo Donati, Carlo Brera Francesca Galluccio, Veronika Jezsó e Francesco Montanari (Chirotti Editore). Il volumetto è infatti dedicato alla normativa e alle procedure di ispezione di tutti i cibi diversi da quelli di origine animale (che seguono regole ben diverse) ed è rivolto agli addetti ai lavori, in particolare agli ispettori coinvolti nei controlli.

La prima parte del libro è dedicata all’analisi della legislazione che regola la sicurezza degli alimenti di origine non animale, a partire dalle principali normative italiane ed europee di riferimento, troppo vaste per essere elencate nella loro totalità. Non può mancare anche un riferimento al Codex Alimentarius, l’insieme di linee guida e raccomandazioni riconosciute a livello internazionale nell’ambito del cibo, la produzione e la sicurezza alimentare.

analisi olio
Il libro è rivolto agli ispettori che svolgono i controlli sugli alimenti di origine non animale, come frutta, cereali e condimenti

A seguire vengono descritte le modalità con cui vengono svolti i controlli a livello nazionale (nell’ambito del piano nazionale pluriennale) e quelli alle frontiere. È a questo punto, che vengono esaminate in maniera dettagliata, con tanto di fotografie e schemi le modalità di campionamento e controllo per i diversi tipi di contaminanti che possono essere presenti negli alimenti, dalle micotossine ai pesticidi, fino alla radioattività.

Per rendere più semplice l’applicazione delle procedure nella vita di tutti i giorni, il volume si conclude con la descrizione di quattro esempi concreti di campionamento di alimenti, dalle navi cargo che trasportano migliaia di tonnellate di cereali a partite più modeste di frutta.

“Sicurezza alimentare. I controlli sugli alimenti di origine non animale” di Carlo Donati, Carlo Brera Francesca Galluccio, Veronika Jezsó e Francesco Montanari. 90 pagine. Chirotti Editore

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Stop agli animali in gabbia! Al via la petizione di iniziativa dei cittadini europei promossa da più di 100 associazioni

Stop agli allevamenti in gabbia! Questa la richiesta dell’Iniziativa dei cittadini europei lanciata oggi da …

Un commento

  1. La prima cosa che va detta relativamente ai controlli sulla sicurezza alimentare degli alimenti non di origine animale, tal quale o trasformati, è che si continua a tenere fuori dalle ASL tanto gli agronomi quanto i tecnologi alimentari. Ossia le due figure più preparate nel campo dei fitofarmaci o dei processi di produzione e trasformazione degli alimenti.