Home / Pubblicità & Bufale / La pubblicità dei vini Giordano è scorretta. L’Antitrust sanziona con 250.000 euro di multa

La pubblicità dei vini Giordano è scorretta. L’Antitrust sanziona con 250.000 euro di multa

I depliant che la società Giordano di vendite per corrispondenza ha inviato a milioni di italiani contengono frasi e proposte commerciali ingannevoli. È quanto ha stabilito l’Antitrust che ha condannato la società ad una multa di 250mila euro.

La questione assume un certo rilievo perché solo nel 2008 Giordano ha realizzato 46 campagne promozionali attraverso brochure che hanno totalizzato oltre 10 milioni di contatti, mentre l’anno successivo (quello della crisi economica) ha solo ridotto un po’ le promozioni. Alle brochure si sommano le offerte sui giornali (l’Espresso, Panorama, Oggi, Gente, Famiglia Cristiana, Specchio, Di Più TV, il Mondo, Vanity Fair e Sport Week) che nel primo semestre del 2008 hanno interessato 50 numeri di riviste di oltre venti periodici, dimezzati nel secondo semestre. Nel 2009 il numero si è un po’ ridotto.

 

I messaggi sui giornali di Giordano sono in genere inserti pubblicitari o pieghevoli  che invitano ad aderire ad una proposta di vendita composta da vini e prodotti alimentari, talvolta abbinati ad altri beni di consumo (come poltrone, fotocamere digitali, biciclette, giubbotti di pelle, trolley, servizi da cucina, stereo, ecc.) di solito presentati come oggetto principale dell’offerta.

 

Secondo l’Antitrust le offerte per l’acquisto di vino proposte della società Giordano sono ingannevoli in quanto vengono presentate sempre come “occasioni irripetibili”, con premi e vincite “riservate” abbinati a sconti vantaggiosi, senza però evidenziare adeguatamente le spese di spedizione e le modalità di recesso. Stiamo parlando di 10-20 milioni di depliant e brochure abbinate a giornali o spedite per posta, e di un numero non precisato di telefonate fatte direttamente a casa dei clienti o di vendite realizzate attraverso il web-marketing.

 

Nella sentenza di condanna si dice che i messaggi sottolineano in modo ingannevole l’eccezionalità dell’offerta, descritta come un premio o una vincita destinata ad un pubblico selezionato o frutto di vincita straordinaria. La proposta viene spesso definita come occasione irripetibile. In alcuni messaggi sulla busta sono riportate diciture come  “riservato”, “ancora un’occasione per lei ”, in altre le offerte sono presentate con caratteri di particolare ufficialità (ad esempio, “Commissione clienti speciali”, Personale – contiene una comunicazione riservata della Direzione Generale per il Cliente Speciale tra 100 clienti selezionati […]”. In alcune brochure si riporta un’immagine del “premio” accompagnata da affermazioni quali “LEI HA VINTO” o “Giordano LA PREMIA”. In altre campagne la comunicazione induce il lettore a ritenere che senza  ordine si perdono i   premi assegnati (ad esempio si chiede di rispedire un “atto ufficiale di rinuncia” “per autorizzare” ad “attribuire questi privilegi esclusivi ad altro cliente”).

 

L’Antitrust contesta a Giordano anche l’ammontare dello sconto per l’acquisto delle bottiglie di vino indicato nella pubblicità. Questa riduzione di prezzo risulta stranamente uguale nel corso delle varie annate ed è difficile da controllare. “È singolare notare – dice l’Antitrust – come la maggioranza dei vini reclamizzati, viene sistematicamente proposta ad un prezzo ribassato e anche il prezzo presentato come pieno come pure  gli sconti sono tendenzialmente omogenei nel tempo e identici nei vari cataloghi anche se i vini appartengono ad annate diverse”.

 

L’ultimo appunto molto grave riguarda la mancanza di chiarezza sulle modalità di recesso che la legge garantisce ai consumatori negli acquisti per corrispondenza. Nel corso delle offerte telefoniche e anche nel sito internet spesso non si fa riferimento alle modalità da seguire per esercitare  il recesso. Qualche problema anche sulle spese di spedizione, pari a 12,50 + IVA,  indicate solo nel buono d’ordine.

Per avere collezionato tutte queste distrazioni e altre che rimandiamo alla lettura della sentenza, Giordano dovrà pagare una multa di 250 mila euro e modificare tutti i messaggi ingannevoli.

 

Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

Foto: Giordanovini.it

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Belli dentro e belli fuori LA7 tv

Uliveto: il filmato proposto da “Belli dentro, belli fuori” è pubblicità mascherata. Quinta censura per l’acqua minerale della Cogedi

AGGIORNAMENTO del 16 aprile 2019 Il 15 aprile 2019, in risposta a una nuova richiesta …