Home / Pianeta / Interventi su alimentazione e attività fisica: cosa funziona? Un documento dell’OMS, per evitare la dispersione di risorse in azioni inutili

Interventi su alimentazione e attività fisica: cosa funziona? Un documento dell’OMS, per evitare la dispersione di risorse in azioni inutili

Girl in sportswear observes yachting regatta
Importante il coinvolgimento dei destinatari nelle fasi di progettazione

Quali sono i principali interventi che si sono dimostrati efficaci nella promozione dell’attività fisica e della corretta alimentazione? Quali azioni sono risultate valide nel ridurre il rischio delle malattie croniche correlate a stili di vita non salutari?

Per provare a rispondere a queste domande e per offrire a decisori e operatori esempi concreti, evitando la dispersione di risorse in azioni inutili, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel 2009 ha pubblicato il rapporto Interventions on diet and physical activity: what works. Il lavoro presenta i risultati di un’indagine fatta sulla base di 395 pubblicazioni scientifiche selezionate dagli autori per la correttezza scientifica tra oltre 1.700 studi esaminati (937 studi sull’alimentazione e 776 sull’attività fisica). La sintesi di questo documento, che rimane tuttora valido, è stata tradotta in italiano dal progetto Azioni per la Carta di Toronto per l’attività fisica.

merenda bambini scuola 119417656 alimentazione
Utilizzare le risorse esistenti di una comunità riduce gli ostacoli

Nelle sue conclusioni, il documento dell’Oms osserva che “gli interventi multi-componente, adattati al contesto locale, sono risultati essere quelli di maggior successo. Le azioni che hanno utilizzato risorse sociali esistenti di una comunità, come le scuole o gli incontri settimanali delle persone anziane, hanno ridotto gli ostacoli alla loro realizzazione. Gli interventi efficaci hanno invariabilmente previsto il coinvolgimento dei destinatari nelle fasi di progettazione e realizzazione, come ad esempio il coinvolgimento dei lavoratori stessi negli interventi nei luoghi di lavoro e dei leader di comunità negli interventi nelle comunità religiose e nelle comunità locali”.

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Pita, Arabic bread

Il pane più antico potrebbe avere 14 mila anni. Archeologi trovano briciole in un focolaio datato 4 mila anni prima dell’agricoltura

Gli esseri umani hanno iniziato a mangiare il pane migliaia di anni prima che l’agricoltura …

Un commento

  1. Insomma, riassumendo all’osso, sono le “sane buone vecchie abitudini” quelle che nel lungo periodo dimostrano la maggior efficacia (quindi da noi la Dieta Mediterranea, e un ragionevole esercizio fisico) e non invenzioni fantasiose come integratori e diete iperproteiche, vegetariane, dissociate, zonali, vegane, scarsdale, limonebicarbonato, paleo, pingopongo levaquestolevaquello.

    Che è quello che la comunità medico-scientifica dice da anni, a dispetto dei predicatori facebukkiani che vendono ricette e prodotti miracolosi.

    Mauro