Home / Etichette & Prodotti / I dadini N.A. sono dolcissimi snack di mele, che non sostituscono la frutta

I dadini N.A. sono dolcissimi snack di mele, che non sostituscono la frutta

Le bustine di N.A!-Nature Addicts sono  presentate  al pubblico come “l’essenza della frutta in tasca” e anche la pubblicità insiste  sulla naturalità del prodotto. Sul sito internet  le presentazioni delle varianti  al Lampone, alla Fragola, alla  Pesca o al Ribes nero sono accompagnate da un tenero cinguettio…

  Di cosa si tratta?  Aprendo la confezione si scopre che i dadini sono gomme dolcissime che contengono il 79% di  zuccheri semplici (una confezione da 30 g ne ha 24 g).

Tra gli ingredienti  troviamo il 50 % di succo di mela concentrato seguito da  purea di mela concentrata, pectina e aromi naturali. Nella varietà con ribes nero si trova anche purea di ribes neri concentrata (5%), succo di bacche di sambuco concentrato e fibre della frutta. Nella varietà con pesca  troviamo purea di pesche concentrata (7%) e ugualmente fibre della frutta.
Sulla confezione si legge che  per ottenere 30 g di dadini di frutta con ribes  servono 2 mele e 7 g di ribes neri, mentre nella varietà con pesche oltre alle 2 mele servono 16 g di pesca.
Questo vuol dire che queste caramelle contengono  il 90% circa di mela o di semilavorati ottenuti dalla  lavorazione della mela. Forse sarebbe più giusto chiamare questi prodotti dadini di mela con un po’ di ribes o pesca. Il costo è di circa 60 euro al chilo?
In ogni caso risulta  inappropriato il confronto del prodotto con la frutta fresca: conoscete  un frutto che ha il 79 % di zucchero? 
Altri esempi di snack alla frutta (non venduti in Italia) sono descritti nel blog di Gunther Karl Fuchs Papille vagabonde  che arriva a questa conclusione  “prodotti con un bel packaging  ma inconsistenti …. che non aiutano a seguire comportamenti alimentari corretti” .

Gianna Ferretti (trashfood.com)

Foto: www.trashfood.com

 

Avatar

Guarda qui

Family chooses dairy products in shop

La guerra delle etichette nutrizionali: batteria contro semaforo. L’Italia in controtendenza rispetto all’Europa

Il governo italiano presenterà all’Ue un modello di etichette nutrizionali a batteria come controproposta all’etichetta …