Home / Prezzi / In Italia il cibo costa l’11% in più della media Ue, le bevande analcoliche il 7% in meno. Pubblicati i dati Eurostat relativi al 2015

In Italia il cibo costa l’11% in più della media Ue, le bevande analcoliche il 7% in meno. Pubblicati i dati Eurostat relativi al 2015

Secondi i dati di Eurostat, i prezzi del cibo in Italia sono superiori dell’11% rispetto alla media europea

Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, ha pubblicato i dati sui prezzi dei prodotti alimentari e delle bevande analcoliche nell’Ue nel 2015, da cui emergono diverse differenze tra i vari paesi, con la Danimarca che risulta il più caro con prezzi pari al 145% della media Ue e la Polonia il meno caro, con il 63%. In Italia i prezzi sono pari al 111% per gli alimenti, mentre sono inferiori alla media europea (93) per le bevande analcoliche.

Esaminando i prezzi di pane e cereali, carne, pesce e latticini, la Danimarca è ancora la più cara, tranne per latte, formaggio e uova, dove è superata da Cipro. Rispetto alla media Ue, in Italia il prezzo dei cereali è pari al 118%, la carne 112%, il pesce 108%, uova, latte e formaggio 121%.

Guardando i prezzi di altri prodotti e considerando pari a 100 la media Ue, in Italia i prezzi di olio e grassi sono più bassi (97), mentre sono più alti (105) per frutta, verdura e patate.

Oltre ai 28 paesi Ue, l’Eurostat ne considera anche altri 10 (Islanda, Norvegia, Svizzera, Macedonia, Montenegro, Albania, Serbia, Turchia, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo). Nell’ambito di questi 38 paesi, la Svizzera è il più caro per quanto riguarda gli alimenti (178%) e la Norvegia lo è per le bevande analcoliche (181%).

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

acqua minerale bottiglia idratazione

100 euro l’anno per bere acqua minerale. Il costo può dimezzare al discount o azzerarsi con il rubinetto

La maggioranza degli italiani considera l’acqua minerale il naturale sostituto dell’acqua di rubinetto. La scelta …

2 Commenti

  1. La distribuzione in Italia è più costosa, per vari motivi, che in altri paesi, è normale che si ripercuota sui prezzi al consumo.

  2. l’estate scorsa eravamo sulla costa del baltico a nord di Berlino e i prezzi dei vegetali e frutta al discount ed ai mercatini li ricordo più alti dei nostri anche se di qualità e aspetto eccellente.
    nel nostro caso in Italia ciò che guasta sono i troppi passaggi che la merce compie dal campo alla tavola.
    nei paesi dove i prezzi dei prodotti sono più alti pure i salari sono molto superiori al nostro quindi tutto in linea