Home / Prezzi / In Italia il cibo costa l’11% in più della media Ue, le bevande analcoliche il 7% in meno. Pubblicati i dati Eurostat relativi al 2015

In Italia il cibo costa l’11% in più della media Ue, le bevande analcoliche il 7% in meno. Pubblicati i dati Eurostat relativi al 2015

Secondi i dati di Eurostat, i prezzi del cibo in Italia sono superiori dell’11% rispetto alla media europea

Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, ha pubblicato i dati sui prezzi dei prodotti alimentari e delle bevande analcoliche nell’Ue nel 2015, da cui emergono diverse differenze tra i vari paesi, con la Danimarca che risulta il più caro con prezzi pari al 145% della media Ue e la Polonia il meno caro, con il 63%. In Italia i prezzi sono pari al 111% per gli alimenti, mentre sono inferiori alla media europea (93) per le bevande analcoliche.

Esaminando i prezzi di pane e cereali, carne, pesce e latticini, la Danimarca è ancora la più cara, tranne per latte, formaggio e uova, dove è superata da Cipro. Rispetto alla media Ue, in Italia il prezzo dei cereali è pari al 118%, la carne 112%, il pesce 108%, uova, latte e formaggio 121%.

Guardando i prezzi di altri prodotti e considerando pari a 100 la media Ue, in Italia i prezzi di olio e grassi sono più bassi (97), mentre sono più alti (105) per frutta, verdura e patate.

Oltre ai 28 paesi Ue, l’Eurostat ne considera anche altri 10 (Islanda, Norvegia, Svizzera, Macedonia, Montenegro, Albania, Serbia, Turchia, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo). Nell’ambito di questi 38 paesi, la Svizzera è il più caro per quanto riguarda gli alimenti (178%) e la Norvegia lo è per le bevande analcoliche (181%).

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Poultry farm business for the purpose of farming meat or eggs for food from, White chicken Farming feed in indoor housing

Polli da carne: quanto costerebbe a produttori e consumatori allevare solo razze a crescita lenta?

Negli Stai Uniti la produzione totale di pollame e uova è aumentata di oltre il …

2 Commenti

  1. La distribuzione in Italia è più costosa, per vari motivi, che in altri paesi, è normale che si ripercuota sui prezzi al consumo.

  2. l’estate scorsa eravamo sulla costa del baltico a nord di Berlino e i prezzi dei vegetali e frutta al discount ed ai mercatini li ricordo più alti dei nostri anche se di qualità e aspetto eccellente.
    nel nostro caso in Italia ciò che guasta sono i troppi passaggi che la merce compie dal campo alla tavola.
    nei paesi dove i prezzi dei prodotti sono più alti pure i salari sono molto superiori al nostro quindi tutto in linea