Home / Nutrizione / Cibo spazzatura: bambini e adolescenti afro-americani tra gli obiettivi del marketing

Cibo spazzatura: bambini e adolescenti afro-americani tra gli obiettivi del marketing

cibo spazzatura
In tutte le fasce di età i bambini e gli adolescenti afro-americani vedono molta più pubblicità di cibo spazzatura rispetto ai coetanei bianchi

Negli Stati Uniti l’obesità riguarda un po’ tutti i gruppi di popolazione, anche se la patologia – dovuta al consumo eccessivo di cibo spazzatura – ha una particolare incidenza tra gli afro-americani, i cui adulti ne sono affetti quasi al 50%, e tra i bambini di cui è obeso il 20%. Uno studio, pubblicato dalla rivista Pediatric Obesity e anticipato dal Washington Post, condotto dal Rudd Center for Food Policy and Obesity dell’Università del Connecticut , ha cercato di capire come mai le catene di fast food, i produttori di bevande zuccherate e i distributori di snack cercano sempre  più di  catturare con la  pubblicità bambini e adolescenti afro-americani. I ricercatori hanno analizzato i dati Nielsen dal 2008 al 2012 sui tassi di visualizzazione delle pubblicità alimentari in tv, rilevando che tutti i bambini hanno visto più spot alimentari nel 2012, rispetto al 2008, anche se il tempo passato davanti al piccolo schermo è rimasto praticamente lo stesso.

Il dato ancor più significativo è che in tutte le fasce di età i bambini e gli adolescenti afro-americani, vedono molta più pubblicità di cibo spazzatura rispetto ai loro coetanei bianchi. Una differenza che tra gli adolescenti arriva al 50% in più. Il motivo non è dovuto al maggior tempo passato davanti alla tv, ma nella scelta di canali televisivi diversi e sul fatto che nei programmi guardati dagli afro-americani ci sono più pubblicità di alimenti insalubri. Il principale autore dello studio del Rudd Centre, Frances Fleming-Milici, non crede che si tratti di una coincidenza: «Determinare le intenzioni delle compagnie alimentari è difficile, ma noi utilizziamo gli stessi dati che le aziende analizzano per decidere dove trasmettere le pubblicità. E gli annunci sono posizionati in modo da raggiungere un certo gruppo demografico».

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Chi decide la dieta degli italiani? Un Paese allo sbando, senza rotta, senza linee guida e senza interlocutori

Nel Paese della dieta mediterranea, che secondo molti nutrizionisti è ormai un ricordo del passato, …

2 Commenti

  1. Ma perchè i produttori e i distributori di cibo spazzatura non dovrebbero rivolgersi ai bambini afroamericani come gli è permesso fare con i coetanei bianchi?

    • Lo fanno di più di quanto fanno coi bianchi, secondo me perché mediamente sanno che da parte di quelle minoranze c’è più margine prima che si arrivi a una ribellione come invece anche se lentamente si sta facendo altrove