Home / Pubblicità & Bufale / Bioscalin e Revidox: multa da 250 mila euro per gli integratori alimentari che non fanno ricrescere i capelli e non ringiovaniscono

Bioscalin e Revidox: multa da 250 mila euro per gli integratori alimentari che non fanno ricrescere i capelli e non ringiovaniscono

Lo spot e la pubblicità dell’integratore alimentare Bioscalin CronoBiogenina che promettono di ridurre la caduta dei capelli o di favorirne la ricrescita sono ingannevoli. Lo ha stabilito l’Autorità Antitrust che ha intimato alla società Giuliani di pagare una  multa di 100 mila euro. La massiccia campagna è andata avanti per un anno, ha occupato centinaia di pagine sui giornali e ha spaziato su molte tv con una spesa complessiva di 1,5 milioni di euro.

I messaggi promettevano con molta enfasi una riduzione della caduta di capelli del 79,9%, una ricrescita del 29% e un aumento del diametro del bulbo del 57,8%.  La pubblicità non diceva in modo chiaro che questi dati si riferiscono a forme lievi di alopecia, di carattere temporaneo e reversibili ( persone che perdono in modo occasionale capelli). Siamo di fronte a percentuali entusiasmanti che però riguardano soggetti non afflitti da  seri problemi di caduta. Si tratta di una vera e propria bufala e non di un errore casuale.

La società Giuliani proprietaria del marchio Bioscalin è già stata condannata a pagare una multa di 150 mila euro nel 2009, per motivi del tutto simili. La lezione non è servita, forse perché le bugie fanno vendere molto e i guadagni sono molto interessanti. Bioscalin è infatti un integratore alimentare venduto in farmacia a carissimo prezzo.

Il secondo integratore censurato dall’Antitrust per pubblicità ingannevole è Revidox, venduto in farmacia in confezione da 30 capsule all’esagerato prezzo di 45 euro circa. Anche in  questo caso le promesse pubblicitarie sono mirabolanti e fantasiose.  Gli slogan assicurano il rallentamento dell’invecchiamento cellulare, il miglioramento del  sistema immunitario e della circolazione cardiovascolare. Tutto ciò dovrebbe essere possibile grazie alla presenza di resveratrolo, un antiossidante ricavato dagli acini dell’uva che, secondo la società Paladin Pharma S.p.A proprietaria del marchio, è una sorta di elisir.

La verità è un po’ meno entusiasmante. Il resveratrolo è veramente un antiossidante, ma nessuno ha dimostrato le proprietà salutistiche vantate nella pubblicità. Per questo motivo spendere 45 euro per una manciata di capsule che non fanno miracoli è forse troppo. Per questi motivi la multa decisa dall’Antitrust è stata di 150 mila euro e prevede anche l’obbligo di pubblicare la sentenza attraverso inserzioni a pagamento su  due settimanali (Gioia e D-La repubblica delle donne) e due quotidiani(il Corriere della sera e Il giornale).

Foto: Photos.com

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Adriano Panrizoni

Panzironi non rispetta la sentenza dell’Antitrust, probabile l’arrivo di altre pesanti sanzioni

Adriano Panzironi rischia una seconda pesante sanzione dall’Antitrust dopo quella di 476 mila euro del …