Home / Roberto La Pira (pagina 56)

Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Anche il Corriere della sera propone la bufala del pomodoro Pomì anti-invecchiamento. Ricorso all’Antitrust per bloccare i messaggi che ingannano i consumatori

“Il superpomodoro naturale che aiuta a non invecchiare” non è una barzelletta, ma il titolo usato dal Corriere della sera il 14 luglio per presentare la nuova passata di pomodoro Pomì ricca di licopene (tre volte superiore rispetto agli standard).  Margherita De Bac autore dell’articolo descrive il superpomodoro come un toccasana per le malattie cardiovascolari e il tumore alla prostata! Purtroppo …

Continua »

La bufala del superpomodoro anti-età impazza sui media. Pomì e Coldiretti inventano diciture salutistiche vietate e non documentate

Coldiretti mercoledì 13 luglio presenterà la passata di pomodoro Pomì L+ in grado di contrastare l’invecchiamento e le malattie cardiache! Il miracolo del pomodoro anti-aging si è materializzato grazie all’elevata quantità di licopene (50% in più) ottenuto da una sperimentazione condotta su pomodori italiani naturalmente ricchi di antiossidanti. Questa vicenda non è la solita bufala di internet, ma è una …

Continua »

Escherichia coli nei germogli crudi: il pericolo è molto elevato. 55 contaminazioni dal 1973. Migliaia di persone coinvolte

germogli

Se in Europa la  contaminazione  dei germogli di  soia, senape, rucola e altre piante è una novità, in Canada e negli Stati Uniti le autorità sanitarie da anni segnalano i pericoli collegati al consumo di questi germogli mangiati crudi. Sul sito del ministero della Salute canadese  sono catalogati 37 casi di contaminazione dal 1973 al 2005 registrati nei germogli  a …

Continua »

Escherichia coli salgono a 15 morti in Germania ma il cetriolo spagnolo risulta innocente. La nostra ipotesi

Come  ilfattoalimentare.it ha anticipato questa mattina le ultimissime notizie sul caso Escherichia coli O 104 in Gemania scagionano i cetrioli spagnoli. L’agenzia  Reuters tedesca ha appena comunicato che i ceppi isolati da 2 dei 4 campioni di cetrioli non sono quelli isolati dalle feci dei pazienti. Di conseguenza, il veicolo dell’epidemia potrebbe non essere il cetriolo spagnolo. La situazione sul …

Continua »

Escherichia coli: il batterio colpisce in altri Paesi, forse la responsabilità non è dei cetrioli

cetriolo

In Germania secondo l’Agenzia di stampa Reuters tedesca le vittime dell’Escherichia coli O 104 sono ormai 14 e 352 i casi di HUS. L’altra novità  è  il sicuro il coinvolgimento di altri Paesi.  Secondo le schede pubblicate e aggiornate ieri dal  Sistema di allerta rapido europeo (Rasff), che resta l’unica fonte ufficiale in grado di raccogliere le segnalazioni di tutti …

Continua »

In Germania scatta l’allerta per i cetrioli contaminati da Escherichia coli: 4 morti e 140 persone in cura

cetriolo

Le autorità sanitarie tedesche sono in allerta. In pochi giorni  a causa di alimenti contaminati da un batterio chiamato Escherichia coli O 104 ci sono stati 4 morti e oltre 140 persone colpite da disturbi intestinali, la maggior parte residenti nel nord del paese. Le autorità di controllo pensano di avere individuato la causa in  cetrioli  provenienti dalla Spagna lavati …

Continua »

Brodo Knorr e cereali Kellogg’s sono le pubblicità “nascoste” di “Un medico in famiglia”. La Rai apre al product placement

bambini televisione film Boy watching TV at night

In alcune puntate della fiction Rai “Un medico in famiglia “l’obiettivo della  telecamera si è soffermato a lungo sul cuore di brodo Knorr e sui cereali Kellogg’s. Qualcuno ha subito pensato ad un caso di pubblicità occulta, come è già successo in passato, ma non è così. L’inquadratura del prodotto è una nuova forma di pubblicità che gli addetti ai …

Continua »

Censurata la pubblicità di Ferrarelle dal Giurì. Nuovo caso di greenwashing, la bottiglia non è a impatto zero

Le bottiglie di acqua minerale Ferrarelle non sono a “impatto zero” come dice la pubblicità sull’etichetta. E’ questa in sintesi la sentenza del Giurì dell’autodisciplina pubblicitaria, che accusa la società di avere utilizzato diciture ingannevoli sull’involucro di plastica usato per avvolgere le tipiche confezioni da 6 bottiglie. Le scritte sotto accusa sono “Impatto zero”, e una seconda frase riportata in …

Continua »

Milano Ristorazione: le domande che non piacciono a Predolin: “Come mai nel 2009 i pasti nelle scuole di Milano sono aumentati dello 0,4%, e la spesa per le materie prime è diminuita di 3 milioni?”

mensa scuola

Come mai nel  2009  i pasti nelle  scuole di Milano sono aumentati dello 0,4%, e la spesa per le materie prime è diminuita di 3 milioni di euro? Abbiamo chiesto a Milano Ristorazione di rispondere a 16 domande come queste, ma non abbiamo ricevuto alcune risposta. I quesiti posti al presidente della società Roberto Predolin sono stati elaborati prendendo spunto …

Continua »

Basta frodi con l’olio extravergine di oliva: arriva la carta di identità messa a punto dal Cnr di Pisa

olio extravergine d'oliva

  L’Istituto per i processi chimico-fisici del Consiglio  nazionale delle ricerche di Pisa (Ipcf-Cnr) insieme ad alcuni produttori ha  creato un sistema rapido veloce ed economico, per definire in modo sicuro la Carta di identità per la valorizzazione dell’olio extravergine di oliva (CDI OEVO). Si tratta di una novità rilevante per tutto il settore privo di metodi analitici in grado …

Continua »

L’Efsa esamina 442 claims salutistici e ne boccia l’80%. Gli effetti benefici non sono provati.

etichetta alimenti supermercato donna

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato oggi il parere su 442 diciture salutistiche che le aziende alimentari propongono sulle etichette. Si tratta del quarto gruppo di claims esaminato dagli esperti (per un totale di 2184 diciture) e purtroppo l’esito è sempre stato disastroso, visto che nell’80% dei casi l’Autorità ha bocciato le diciture per mancanza di un …

Continua »

Campylobacter è il batterio responsabile del maggior numero di contaminazioni alimentari in Europa (il doppio della Salmonella) ma in Italia è pressoché sconosciuto

spiedini pollo salmonella

La Campylobacteriosi è la prima causa di contaminazione alimentare in Europa e  i casi  registrati sono quasi il doppio rispetto alle Salmonellosi. in Italia però il batterio risulta pressoché sconosciuto. Eppure i dati pubblicati dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) sulle epidemie di origine alimentare non …

Continua »

Altroconsumo boccia Lavazza Qualità Oro e Illy nel test sul caffè. Le perplessità della prova sensoriale

I risultati del test sul caffé pubblicato a febbraio dalla rivista Altroconsumo destano qualche perplessità. L’articolo prende in considerazione un gruppo di 20 miscele composte da chicchi di robusta e arabica, e un secondo gruppo di 18 confezioni di arabica 100%. Si tratta di un panorama rappresentativo delle marche più importanti presenti sugli scaffali dei supermercati. Le perplessità riguardano la …

Continua »

La bufala della legge europea che tutela l’olio extravergine dilaga sui giornali. È vero il contrario, l’olio deodorato è diventato legale

olio di oliva extravergine

“Stop all’olio extravergine taroccato”, così hanno titolato i giornali per commentare la legge europea che dal 1 aprile 2011 dovrebbe salvaguardare la genuinità del tipico condimento  mediterraneo.Purtroppo non è così, e siamo di fronte all’ennesima bufala mediatica che anche questa volta non ha risparmiato autorevoli testate. Per capire cosa è successo bisogna però partire dai prezzi delle bottiglie esposte sugli scaffali …

Continua »

La pubblicità di Mineracqua denigra l’acqua del rubinetto ed è stata censurata dal Giurì. Le motivazioni della sentenza

acqua minerale

La campagna pubblicitaria promossa  da Mineracqua  (associazione nazionale che riunisce i produttori di acqua minerale) è stata giudicata ingannevole  dal Giurì dell’Autodisciplina pubblicitaria il 30 novembre 2010.  La campagna caratterizzata dallo slogan “Acqua minerale. Molto più che potabile” secondo la  sentenza  è stata impostata  per “ingenerare nel pubblico   convinzioni errate e timori non giustificati  sulla sicurezza  dell’acqua potabile per la …

Continua »