Home / Luca Foltran (pagina 4)

Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

La carta da forno è sicura. Sì, basta rispettare le istruzioni e non usarla a più di 220°C

Utilizzare la carta da forno può fare male alla salute? Navigando in rete capita di trovare  blog e siti che riportano notizie e informazioni contrastanti, poco chiare o ancor meno attendibili. A oggi non esistono evidenze scientifiche per  sostenere questa tesi e l’unica cosa sensata è rispettare le indicazioni riportate sull’etichetta, per evitare inconvenienti. Dal punto di vista legislativo non esiste …

Continua »

Nel 2050 nei mari ci sarà più plastica che pesci. Nasce la plastisfera un’area dove vivono indisturbati super batteri pericolosi

microplastiche

I materiali polimerici, più comunemente conosciuti come plastiche, grazie alle loro  proprietà funzionali e al basso costo sono utilizzate in ogni campo. Il loro impiego è aumentato  di venti volte negli ultimi 50 anni e si prevede il raddoppio nei prossimi 20. Uno studio durato tre anni firmato  dalla Ellen MacArthur Foundation,  evidenzia i molti vantaggi della plastica ma anche …

Continua »

Plastica biodegradabile: cosa significa? È veramente meglio di quella tradizionale per l’ambiente?

sacchetti plastica inquinamento

Gentile redazione, ho letto l’ articolo sul problema dei rifiuti di materiale plastico e vorrei esprimere un parere da “chimico”. I vari materiali bio compatibili saranno senza dubbio migliori, poiché non provocano inquinamento “visivo”, ma se rilasciati nell’ambiente, non si conoscono bene le modalità  di decomposizione… si frammentano in oligopolimeri che, seppur di origine vegetale sonoe dannosi per l’ambiente che …

Continua »

Gli imballaggi del futuro. Così il packaging diventa sostenibile, utile e all’avanguardia. La classifica delle migliori proposte

Anche nel mondo del packaging è interessante valutare i cambiamenti e le novità in arrivo, grazie alle tecnologie innovative che permettono di   semplificare e rendere quasi banali alcune azioni quotidiane.  Premesso che l’imballaggio dovrebbe avere sempre tre caratteristiche: essere economico, ecologico e pratico, la ricerca lavora sempre più verso il concept packaging. Molte innovazioni riguardano infatti il design, la forma, …

Continua »

La doppia vita dei fondi di caffè: Lavazza e Novamont insieme per convertire il rifiuto in un ottimo compost da cui nascono funghi

Dopo il progetto “capsule green” (capsule per il caffè compostabili) realizzato a inizio anno, Lavazza e Novamont hanno presenziato alla COP21, la Conferenza Internazionale sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite in programma a Parigi conclusasi, con la presenza di 195 paesi e oltre 50.000 persone tra delegati dei paesi membri, osservatori, ONG, media e rappresentanti della società civile. Le due …

Continua »

Packaging alimentare: molti ignorano il principio di mutuo riconoscimento. La sicurezza va stabilita una volta sola

frutta packaging

Il principio di mutuo riconoscimento è poco noto. Secondo quanto previsto dagli accordi UE quando un prodotto è riconosciuto sicuro e commercializzato in un Paese membro, non sono necessari nuovi studi per esportarlo e venderlo negli altri Paesi. Nel settore dei materiali per alimenti, questo principio è spesso poco conosciuto e quindi disatteso. Secondo una relazione della Commissione Europea    …

Continua »

Quasi tutti gli uccelli marini del mondo mangiano plastica. Il problema è legato a una scorretta gestione della plastica nella forma “rifiuto”. Occorre ridurre gli imballaggi in ambito alimentare e non solo

Pochi sanno che la dieta di tutti gli uccelli marini comprende per quasi tutti pezzetti di plastica. Il problema è destinato ad aumentare visto che secondo alcune stime entro il 2026, la produzione globale raddoppierà. Mentre la discussione sull’uso di questo materiale come particolarmente adeguato per la realizzazione di imballaggi alimentari è argomento di attualità, nuovi studi mostrano come la …

Continua »

Oli minerali negli alimenti: le confezioni in cartone utilizzate per i cibi possono essere contaminate da idrocarburi pericolosi per la salute

cardboard pizza boxes

Alimenti di largo consumo quali riso, couscous, lenticchie, fiocchi di mais, cacao in polvere o paste, confezionati in cartone possono essere contaminati da oli minerali, idrocarburi pericolosi per la salute. Questo l’allarme lanciato da Foodwatch.org, organizzazione no profit indipendente fondata nel 2002 in Germania dall’ex direttore di Greenpeace Thilo Bode, che analizza le pratiche dell’industria alimentare a tutela dei consumatori. I …

Continua »

Tazze con beccuccio per bambini: 2.300 incidenti l’anno. Limitarne l’uso oltre l’anno di età ed eliminarle dopo i 2 anni. I consigli dei pediatri

Pensateci bene prima di lasciare tra le mani di vostro figlio una tazza con il beccuccio (sippy cup in inglese). I problemi possono insorgere soprattutto se il piccolo ha già  compiuto 2 anni. È questa l’allerta lanciata dall’Accademia americana dei pediatri (American Academy of Pediatrics – AAP) che invita ad abbandonare l’uso di queste tazze nel periodo compreso tra i …

Continua »

Sacchetti di plastica: in Francia vietati anche quelli per frutta e verdura nei supermercati. Dal 2017 saranno tutti biodegradabili e compostabili

Il Parlamento francese ha approvato lo scorso 22 Luglio una serie di misure tra cui il divieto di commercializzazione, a partire dal primo gennaio 2016, di sacchetti monouso in plastica per asporto merci. Secondo la legge, saranno vietati anche i sacchetti monouso leggeri in plastica per il confezionamento di frutta e verdura ma per questi il provvedimento avrà effetto a partire …

Continua »

Borse e shopper riutilizzabili per la spesa: sono sicure? Le indicazioni per scongiurare i rischi di germi e batteri

La rivoluzione partita in Italia che ha portato al bando dei sacchetti di plastica in favore delle bio-shopper si sta allargando a macchia d’olio nel resto dell’Europa e nel mondo. I consumatori conoscono ormai le problematiche collegate allo smaltimento di questo materiale: danni all’ambiente e alla fauna, ma anche difficioltà di gestione nelle discariche (si stima che per la decomposizione …

Continua »

La plastica tradizionale sarà presto sostituita dalla bioplastica, un materiale reperibile in grandi quantità e con numerosi vantaggi per l’ambiente

bioplastiche

Quasi quotidianamente sentiamo parlare di bioplastica e di ricerche per la realizzazione di questo materiale più ecologico, e del suoi possibili impieghi per l’uso nell’alimentazione e non solo. Capsule per il caffè, shopping bag, stoviglie monouso; ormai sono molteplici i settori alimentari interessati a questo cambiamento e i polimeri a base bio stanno cominciando a sfidare concretamente le plastiche tradizionali. Diversi studi …

Continua »

La carta etica del packaging e l’elogio sfrenato dell’imballaggio: una storia d’amore disinteressato? Secondo alcuni la plastica può nutrire il pianeta

riciclo plastica

È stata presentata il 22 maggio nel corso della fiera Ipack-Ima, la “Carta etica del Packaging – Principi condivisi per progettare, produrre, utilizzare gli imballaggi in modo consapevole”. Il documento articolata in 10 punti punta a essere “una dichiarazione di principi, una forma di richiamo all’impegno collettivo, per rilanciare l’imballaggio secondo una visione che lo proietti in una prospettiva futura” …

Continua »

Warka water: una torre per raccogliere acqua potabile sfruttando la condensazione. Un progetto italiano per l’Etiopia.

In tutto il mondo, oltre 750 milioni di persone non hanno accesso ad acqua sicura, e ogni giorno 1.400 bambini di età inferiore ai cinque anni muoiono a causa di malattie legate alla qualità dell’acqua. Il progetto italiano Warka Water, realizzato dal designer Arturo Vittori, cerca di porre rimedio a questo problema, per ora solo in Etiopia, grazie a quelle …

Continua »

Plastica con additivi: sarà vero che diventa più biodegradabile di quella tradizionale?

Bottle in water bottiglia plastica spiaggia

Le plastiche con additivi utilizzate per bottiglie e sacchetti potrebbero non essere più biodegradibili di quelle tradizionali, come vorrebbe chi le produce. È il risultato di una ricerca che ha analizzato appunto le differenze tra i classici sacchetti, borse, bottiglie in materiale plastico “tradizionale” e quelle con additivi. Al fine di aiutarne e velocizzarne la disintegrazione, in queste plastiche denominate …

Continua »