Home / Beniamino Bonardi (pagina 5)

Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Acqua in bottiglia, un affare da 10 miliardi l’anno per pochi, a discapito di tutti. Dossier di Legambiente e Altreconomia

bottiglie di plastica

Il settore dell’acqua in bottiglia in Italia non conosce crisi: un giro d’affari stimato intorno ai 10 miliardi di euro all’anno, con un fatturato per le sole aziende imbottigliatrici che i rapporti di settore stimano in 2,8 miliardi di euro, di cui solo lo 0,6% arriva nelle casse dello Stato. Le aziende infatti pagano canoni che raggiungono al massimo i 2 …

Continua »

In Gran Bretagna il consumo di bevande zuccherate tra bambini e adolescenti è diminuito di un terzo. Ma il governo avverte: ancora troppo elevato

Cute children with soft drinks

Negli ultimi otto anni, il consumo di bevande zuccherate da parte dei bambini britannici tra i 4 e i 10 anni d’età è diminuito di un terzo, passando da 130 a 83 grammi al giorno, ma rimane ancora troppo elevato. La quantità giornaliera di bibite raddoppia quando si entra nell’adolescenza (191 grammi), anche se il consumo è diminuito del 30% pure …

Continua »

Le Ong possono chiedere il riesame delle autorizzazioni agli OGM, perché ambiente e salute sono connessi. Il Tribunale dell’Ue dà torto alla Commissione

ogm

Il Tribunale dell’Ue ha annullato la decisione con la quale la Commissione europea aveva respinto la richiesta di un’organizzazione non governativa, la TestBioTech, volta ad ottenere il riesame dell’autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti contenenti soia geneticamente modificata. La richiesta dell’Ong era stata avanzata sulla base di un regolamento dell’Unione che consente alle organizzazioni non governative di partecipare ai processi decisionali …

Continua »

Olio di palma: secondo Greenpeace nessuna azienda può garantire la non distruzione delle foreste. Poca trasparenza sulla provenienza

Oil palm fruit

Si chiama Il momento della verità il rapporto di Greenpeace, che a gennaio ha chiesto a sedici grandi marchi di indicare da dove viene l’olio di palma. Scopo dell’indagine è capire a che punto è l’impegno assunto nel 2010, di eliminare entro il 2020 dalla catena di approvvigionamento l’olio tropicale frutto di deforestazione, distruzione delle torbiere e violazione dei diritti …

Continua »

Quasi metà dei tedeschi cerca di evitare il contatto dei cibi con l’alluminio. Indagine dell’Istituto BfR sulla percezione del rischio da parte dei consumatori

linguine gamberi frutti di mare cartoccio alluminio

Dopo la plastica, l’alluminio è la sostanza che solleva le maggiori preoccupazioni sulla sua possibile migrazione da imballaggi o contenitori negli alimenti. Questo almeno in Germania, dove l’istituto di valutazione del rischio (BfR) ha condotto un’indagine telefonica tra mille consumatori dai 14 anni in su. Quasi la metà degli interpellati ritiene che l’alluminio a contatto con gli alimenti rappresenti un rischio …

Continua »

Al via il Centro di conoscenze Ue sulle frodi alimentari e la qualità degli alimenti. Fornirà sostegno ai responsabili politici europei e alle autorità nazionali

sicurezza alimentare allerta 156854740

La Commissione europea ha inaugurato il Centro di conoscenze per promuovere la qualità degli alimenti e inasprire la lotta alle frodi alimentari, che sarà gestito dal Centro comune di ricerca. Si tratta di una rete formata da esperti reclutati all’interno e all’esterno della Commissione Ue, che avrà il compito di fornire sostegno ai responsabili politici e alle autorità nazionali dell’Ue, …

Continua »

Pesticidi negli alimenti: pubblicati i risultati delle analisi ufficiali del 2016. In diminuzione le irregolarità nei prodotti ortofrutticoli

frutta verdura cassetta

Il Ministero della salute ha pubblicato i risultati dei controlli ufficiali condotti nel 2016 sui residui di pesticidi negli alimenti, osservando che “complessivamente, come per gli scorsi anni, continuano ad essere in linea con quelli rilevati negli altri Paesi dell’Unione europea e indicano un elevato livello di protezione del consumatore”. In totale, sono stati analizzati 11.263 campioni di frutta, ortaggi, cereali, olio, vino, baby …

Continua »

“La mafia si siede a tavola” non può essere un marchio europeo della ristorazione. Il Tribunale dell’Ue dà ragione all’Italia: è contrario all’ordine pubblico

la mafia ristorante spagna

L’Italia ha ottenuto dal Tribunale dell’Unione europea l’annullamento del marchio La Mafia se sienta a la mesa (La Mafia si siede a tavola) come marchio dell’Ue riconosciuto dall’ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo). Secondo il Tribunale dell’Ue, il marchio “rinvia ad un’organizzazione criminale, trasmette un’immagine complessivamente positiva di tale organizzazione e banalizza i gravi attacchi sferrati da detta …

Continua »

Al via il marchio “Prodotto di Montagna”. Presentato dal ministero delle Politiche agricole

Mucca al pascolo in montagna

Il Ministero delle politiche agricole ha presentato il marchio identificativo del regime di qualità “prodotto di montagna”, un logo verde con una montagna stilizzata da utilizzare sui prodotti previsti dal decreto ministeriale del 26 luglio 2017, che attua i regolamenti europei sulle condizioni di utilizzo dell’indicazione facoltativa “prodotto di montagna”. Il logo può essere utilizzato per le materie prime che provengono …

Continua »

Pollo contaminato dalla salmonella, produttore condannato a risarcire 1,95 milioni di dollari a un bambino statunitense. Una sentenza destinata a fare giurisprudenza

pollo crudo tagliere macellaio

Una Corte federale dell’Arizona ha condannato un produttore di pollame a risarcire 1,95 milioni di dollari a un bambino di 5 anni e mezzo che nel 2013 aveva subito danni al cervello dopo aver mangiato del pollo contaminato dal batterio Salmonella. Si tratta di una sentenza importante, destinata a fare giurisprudenza, perché stabilisce che i produttori possono essere ritenuti responsabili della …

Continua »

La prima bevanda alcolica di Coca-Cola è arrivata in Giappone. Un mercato dove la sperimentazione è un rito quotidiano

Per la prima volta nei suoi 130 anni di storia, Coca-Cola produrrà una bevanda alcolica gassata e lo farà in Giappone, dove il settore di queste bibite, chiamate Chu-Hi, è particolarmente apprezzato. Si tratta di bevande composte da un distillato chiamato shōchū, acqua frizzante e alcuni aromi. Lo shōchū è un distillato di riso, orzo, patate dolci, grano saraceno e …

Continua »

Vino in polvere spacciato per Chianti e false etichette: in sei mesi 56.000 violazioni sul web

vino rosso bicchiere alcolici

Una frode alimentare di portata mondiale, con un giro d’affari di 200 milioni di euro, e 2.000 venditori online che spacciano Chianti contraffatto per autentico. È questo il risultato del monitoraggio commissionato dal Consorzio Vino Chianti all’azienda Griffeshield, specializzata in tecnologie informatiche. In sei mesi sono state rilevate 56.075 utilizzi impropri del marchio Chianti, di cui il 78% è stato …

Continua »

Il Parlamento europeo per la protezione delle api e la lotta al miele contraffatto. Una risoluzione per difendere e sostenere il settore

apicoltore api favo apicoltura miele

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che chiede alla Commissione Ue e agli Stati membri più azioni per proteggere e sostenere il settore dell’apicoltura. La risoluzione ricorda l’importanza  per l’agricoltura dell’apicoltura e auspica l’aumento dei fondi per l’apicoltura e  il miglioramento della salute delle api e il divieto dell’uso di pesticidi nocivi la protezione delle popolazioni di insetti locali. …

Continua »

Tra bambini e adolescenti statunitensi continuano a crescere sovrappeso e obesità. Contraddetti precedenti studi che avevano indicato una diminuzione

obesita infantile sovrappeso bilancia

Nonostante alcuni rapporti di quattro anni fa indicavano una diminuzione dei tassi di obesità di bambini e adolescenti negli Stati Uniti, la realtà è che il fenomeno è in crescita nella fascia di età compresa tra i 2 e i 19 anni. Lo rileva una ricerca condotta dalla Duke University e pubblicata dalla rivista Pediatrics, che indica nel 35,1% il …

Continua »

Origine del pomodoro in etichetta anche per i derivati. Approvato un provvedimento che rischia di essere solo di facciata

passata di pomodoro

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto dei ministri delle Politiche agricole e dello Sviluppo economico che introduce in via sperimentale l’obbligo di indicazione in etichetta dell’origine dei derivati del pomodoro. Sono interessati conserve e concentrati, oltre a sughi e salse che siano composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro, così come già avviene per i prodotti …

Continua »