Home / Agnese Codignola (pagina 24)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Sale e malattie cardiovascolari: l’attuale regime iposodico non salva la vita. Perciò va ridotto ancora di più, secondo la Cochrane, soprattutto nei prodotti confezionati

troppo sale

Per diminuire il rischio di malattie cardiovascolari il sale assunto con la dieta va diminuito probabilmente in maniera molto più drastica di quanto non sia stato consigliato finora, perché modeste riduzioni hanno un effetto quasi nullo sul sistema cardiocircolatorio e sulla mortalità. Da anni le autorità sanitarie di molti paesi hanno intrapreso campagne di educazione sanitaria per l’abbassamento della quantità …

Continua »

Escherichia coli: ritiro e distruzione immediata dei semi di fieno importati dall’Egitto dal 2009. L’Ue adotta provvedimenti drastici ma necessari

germogli

L’Unione Europea ha deciso di ritirare dal mercato e di vietare l’importazione di alcuni tipi di semi di fieno greco provenienti dall’Egitto, responsabili delle epidemie di Escherichia coli O104:H4  registrate nel nord della Germania e a Bordeaux in Francia. La decisione segue di poche ore il rapporto pubblicato oggi dall’Autorità per la sicurezza alimentare europea (di cui abbiamo già dato notizia). …

Continua »

Cibo e peso: aggiungere alla dieta abituale patatine, carne e bibite fa ingrassare di più di dolci e pane. Con più frutta e verdura, invece, si dimagrisce

obesita sovrappeso hamburger junk food 106541056

«Per mantenere il giusto peso – dicono i nutrizionisti – bisogna mangiare un po’ meno e muoversi di più». Forse però non basta. Uno studio appena pubblicato sul New England Journal of Medicine dai ricercatori della Harvard Medical School of Medicine, esaminando per vent’anni le abitudini alimentari di 120 mila americani ha elaborato una nuova teoria. Gli autori hanno controllato …

Continua »

Imballaggi in cartone riciclato. I rischi di contaminazione da inchiostro sugli alimenti in uno studio svizzero

Chi crede che la pasta nelle scatole di cartone sia più “sicura” rispetto a quella nelle confezioni trasparenti si sbaglia. A dirlo è il nuovo studio pubblicato su Packaging Technology and Science da Koni Grob, chimico dell’Official Food Control del Cantone di Zurigo. Il cartone che si usa per confezionare alimenti, infatti, di solito è riciclato e per questo può …

Continua »

Caffè amico dell’ambiente? Packaging e preparazione contano poco, attenzione invece alla varietà scelta

caffeina caffè

Qual è il caffè più ecosostenibile? In che modo deve preparare l’amata bevanda un consumatore che voglia cercare di arrecare minor danno possibile all’ambiente? Secondo molti ecologisti il metodo peggiore sarebbe quello che impiega capsule di plastica, e il migliore quello basato su polvere solubile o sulla caffettiera moka, ma un sorprendente studio condotto dai ricercatori dell’EMPA, ente di ricerca …

Continua »

McDonald’s contro i nutrizionisti americani. L’obesità infantile non preoccupa il colosso del fast food, che si difende: nei nostri menu ci sono sempre alternative salutari

L’assemblea degli azionisti di McDonald’s si è conclusa con un secco niet alla lettera-appello firmata da 550 tra i più influenti nutrizionisti statunitensi, che chiedevano maggiore attenzione all’alimentazione dei più piccoli e, in primo luogo, l’addio al popolarissimo pagliaccio Ronald McDonald’s e la rinuncia ai gadget in omaggio, che accompagnano e pubblicizzano i pasti per i più piccoli. Per sostenere …

Continua »

Sprechi alimentari: troppo cibo si perde lungo il percorso dal campo alla tavola lo dicono Segre e Falasconi nel nuovo libro. Accuse un pò approssimative ai consumatori

Si prenda tutto il cibo necessario a sfamare quasi tutta l’Italia per un anno (per un costo di 12 miliardi di euro) o quello che occorre per nutrire 44 milioni di persone. E lo si getti direttamente nella spazzatura, lo si lasci a marcire nei campi, lo si scarti prima della distribuzione perché imperfetto, ammaccato, in eccesso, lo si tolga …

Continua »

Pubblicità destinata ai bambini americani: linee guida severe per le aziende alimentari valide per tv, internet, giornali, packaging, scuole e sport

bambini tv televisione pubblicità media

Su richiesta del Congresso, Federal Trade Commission, Centers for Disease Control, Food and Drug Administration e Agricultural Department hanno stilato nuove, severe linee guida sulla pubblicità dei prodotti alimentari rivolta ai bambini tra 2 e 17 anni, che le aziende sono caldamente invitate a seguire. Per ora è solo una moral suasion, ma non è detto che lo resti a …

Continua »

La falsa etichetta condiziona l’acquisto e il gusto: basta la parola “sano” o “bio” per spendere e mangiare di più

etichette

Gli anglosassoni lo chiamano effetto “halo”, cioè effetto aura, e sostengono che tutti ne sono influenzati quando scelgono una merce e, in modo particolare, un alimento. È il condizionamento che deriva dall’etichettatura e dal packaging. Può avere anche effetti negativi, per esempio quando è sfruttato dai produttori di cibo spazzatura per proporre prodotti che danno l’impressione di essere in qualche …

Continua »

Land-grabbing in Africa occidentale: la Liberia fa gola ai produttori asiatici olio di palma

olio di palma Palm Oil Plantation.

I cittadini della Liberia – nazione già tristemente nota per l’impiego dei soldati-bambino nella guerra fratricida degli anni ’80-’90 – stanno protestando contro la società malese Sime Darby che, dopo aver negoziato un accordo con il governo locale per sfruttare le loro terre, impone ai lavoratori condizioni di lavoro disumane. Il governo della Liberia e la Sime Darby company hanno …

Continua »

Per evitare sprechi si può “andare oltre” la data di scadenza? L’esercizio è possibile…..ma solo per gli esperti

Sulla base di dati esagerati e privi di un supporto statistico, molti giornali invitano i consumatori a sprecare di meno. Si ripete che ogni famiglia durante le feste getta nella spazzatura l’equivalente di 60-70 euro di cibo, e che gli sprechi sono un’abitudine difficile da sostenere in un periodo di crisi. Per  questo motivo si invita ad evitare gli avanzi …

Continua »

Lotta all’agro-pirateria: siglato l’accordo Acta, che però non protegge le nostre Dop e Igp

Mentre i politici e alcune Confederazioni agricole nazionali si accaniscono su una legge per l’indicazione in etichetta dell’origine delle materie prime che non potrà mai trovare applicazione, si è appena persa una grande opportunità di contrasto ai fenomeni di agro-pirateria che colpiscono il “Made in Italy”. Il 15 novembre 2010 è stata pubblicata la versione consolidata dell’Accordo commerciale per la …

Continua »

Programmato a Cremona in maggio il primo allarme alimentare

attenzione-pericolo-allerta

Il 13 maggio a Cremona si terrà la prima simulazione di un “allarme alimentare” per verificare il funzionamento dell’Unità Nazionale di Crisi diretta dal Ministero della Salute. L’idea è interessante, perché in Italia la gestione degli allerta sugli alimenti è un po’ confusa e poco trasparente. Il progetto è pensato per fronteggiare anche un eventuale attacco terroristico in grado di …

Continua »

Usa: obbligo di etichetta nutrizionale per i fast-food. In Italia McDonald’s lo fa già ma non basta!

La nuova legge sanitaria approvata dal Senato americano prevede che le catene di ristoranti con più di 20 locali dovranno informare i consumatori sul contenuto di calorie e nutrienti dei prodotti. Lo schema verrà redatto al più presto dalla Food and Drug Administration e sarà esteso a tutti gli Stati. Il provvedimento interessa più o meno 200 mila fast-food. Molte …

Continua »