Home / Agnese Codignola (pagina 2)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Calorie nei menu e sulle etichette: la misura non è sufficiente per diminuire l’assunzione calorica

Le indicazioni delle calorie nei menu o accanto al cibo proposto hanno un piccolo ma significativo effetto sull’assunzione di calorie, ma gli studi fatti finora sono stati mediamente di qualità scarsa, sono giunti spesso a conclusioni contraddittorie o confuse, e andrebbero quindi rifatti con altri criteri prima di poter trarre indicazioni supportate da numeri affidabili. Per questo la conclusione cui è …

Continua »

Obesità e programmi nelle scuole. I risultati sono scoraggianti: bisogna cambiare strategie

obesita sovrappeso bambini infanzia

“È tempo di guardare in altre direzioni”. Con questo lapidario commento si chiude, sul British Medical Journal, lo studio condotto dai nutrizionisti e pediatri dell’Università di Birmingham, in Gran Bretagna, sull’efficacia delle iniziative anti-obesità nelle scuole, uno dei più completi mai condotti sull’argomento: e non sembrano esserci spiragli. L’obesità infantile affligge la Gran Bretagna come e più di altri paesi …

Continua »

Latte di soia ai neonati: potrebbe causare alcune modifiche all’apparato riproduttivo. Lo dice uno studio del Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism

neonato bambini infanzia

Allattare i neonati – soprattutto se femmine – solo con il latte di soia può causare alcune modifiche nell’apparato riproduttivo, cambiamenti che sono simili a quelli evidenziati quando si viene esposti agli estrogeni. Il motivo è  da ricercare nella presenza di fitoestrogeni e, soprattutto, di genisteina, una molecola che esercita una potente azione estrogenica di cui risentono i tessuti genitali …

Continua »

Plastica “eco” da mais e fruttosio. Produrla sarà più economico e sostenibile di quella tradizionale da oli minerali

plastica bottiglie inquinamento

L’arrivo sul mercato della plastica vegetale è probabilmente più vicina, grazie agli studi condotti per dieci anni dai chimici dell’Università del Wisconsin di Madison. Ne dà notizia Science riportando in un lavoro scientifico e in un articolo che riassume le caratteristiche di un prodotto che nasce dalle pannocchie di mais e in generale dalle fonti di fruttosio. Oggi la sostanza …

Continua »

New York spreca il 40% del cibo prodotto, con 1,4 milioni di poveri. Arriva il progetto ReThink

rethink chef video

La città di New York ha 1,4 milioni di poveri, e spreca il 40% del cibo prodotto. Come fare per ridurre entrambi questi numeri? Se lo è chiesto un gruppo di giovani chef e imprenditori (16 in tutto, per ora) guidati da Matt Jozwiack, chef in un famoso ristorante ma anche responsabile della parte che si occupa di nutrizione della …

Continua »

Gran Bretagna, i supermercati vietano gli energy drink agli under 16. Insufficienti le misure prese dei produttori per scoraggiarne l’abuso

energy drink bicchiere lattine ghiaccio

Il consumo di energy drink cresce, anche in Italia, anche se continuano a essere pubblicati studi sulla pericolosità per la salute dei ragazzi, quando le bevande vengono mischiate con gli alcolici o ne fanno un uso eccessivo. I codici di autoregolamentazione delle aziende, con qualche eccezione come l’eliminazione delle lattine extra large, non sembrano funzionare granché. Anche quando sulle lattine sono …

Continua »

Si fa presto a dire sandwich: l’impatto ambientale di 40 panini studiato dall’Università di Manchester

panino sandwich prosciutto formaggio pomodoro lattuga

Quanto è dannoso per l’ambiente il tipico sandwich britannico? E, per analogia, quanto lo sono i  nostri panini? La domanda è tutt’altro che oziosa visto che in Gran Bretagna, secondo l’associazione di categoria (la British Sandwich Association), ogni anno si ne consumano più di 11,5 miliardi. Ogni panino, sia quando viene preparato in casa sia quando viene acquistato, lascia dietro …

Continua »

L’invasione dei cibi ultra-processati: uno studio svela il legame tra consumo di alimenti industriali e aumento dell’obesità

alimentazione corretta

Un’Europa divisa in due, con un nord sempre più succube di prodotti che non fanno bene alla salute, e un sud che resiste, con punte di eccellenza come l’Italia ed eccezioni come la Spagna, Malta e Cipro, che tendono ad avvicinarsi ai paesi del Nord Europa (con tassi di obesità preoccupanti). È un continente a due velocità quello che emerge …

Continua »

Insetti a tavola, anche gli esseri umani potrebbero essere capaci di digerire la chitina dell’esoscheletro. I risultati di uno studio americano sulle scimmie

Il rifiuto o comunque la riluttanza a nutrirsi di insetti può avere molte spiegazioni culturali, ma quasi sicuramente non ne ha nessuna biologica, perché gli esseri umani, al contrario di quanto molti pensano, potrebbero avere tutto ciò che serve per digerirli al meglio, così come accade a molte altre specie e ai primati in generale. A esprimersi sulla digeribilità della …

Continua »

USA: lotta senza quartiere all’obesità. Pregi e difetti delle tasse sulle bevande zuccherate come arma contro il sovrappeso. Un numero speciale di JAMA

L’ultimo numero della rivista Journal of the American Medical Association, una delle più importanti del settore, è dedicato quasi per intero all’obesità, scandagliata da ogni possibile punto di vista, per cercare di trovare rimedi  efficaci a quella che, negli Stati Uniti, viene considerata una vera e propria piaga sociale. Significativo il titolo: “Re-immaginare l’obesità nel 2018”, che pone l’enfasi proprio sulle …

Continua »

Le pubblicità spingono i ragazzi al consumo di junk food. Ormai obsoleti i divieti e le restrizioni in TV per tutelare i bambini e gli adolescenti. Lo studio di Cancer Research UK

Non ci sono dubbi: più un ragazzo è esposto alla pubblicità di junk food, e in generale di alimenti poco sani e zeppi di calorie, e maggiore sarà la sua propensione a consumarne. Lo dimostra, con uno dei più grandi studi mai condotti sull’argomento, un’indagine effettuata dai ricercatori di Cancer Research UK su oltre 3.300 ragazzi di età compresa tra …

Continua »

Cibi crudi per cani e gatti? Possono essere “bombe biologiche” pericolose anche per l’uomo. I risultati di uno studio evidenziano la presenza di E. coli, Salmonella, Listeria e altri patogeni

I cibi crudi per cani e gatti, sempre più popolari, costituiscono un’importante fonte di diffusione di infezioni alimentari. Di conseguenza, sono pericolosi tanto per gli animali quanto per i loro proprietari e, in generale, per gli esseri umani. Dal momento che, al di là delle pubblicità e delle leggende che circolano in rete, non è mai stato dimostrato alcun vantaggio …

Continua »

L’Europa e il cibo di domani: meno carne e sprechi, più bioeconomia e innovazione. Tutte le raccomandazioni per un futuro più sostenibile

Pantry full of flavor for winter

Non si può più aspettare: è il momento di intraprendere tutte le azioni necessarie a garantire l’accesso al cibo al maggior numero possibile di persone, visto che il pianeta è sempre più esausto, e la popolazione mondiale cresce. E per essere realmente incisivi è indispensabile che nel prendere provvedimenti si risponda a una visione globale: quella fornita dal rapporto appena …

Continua »

Infezioni alimentari: le segnalazioni social funzionano. Migliaia di casi individuati attraverso il monitoraggio di commenti e recensioni online. Lo studio della Columbia University

Le community e i motori di ricerca specifici – come TripAdvisor o Yelp – che prevedono commenti e recensioni dei clienti possono essere di grande aiuto nell’identificazione precoce delle infezioni alimentari, e in futuro questo tipo di strumenti con ogni probabilità acquisirà un peso sempre maggiore. Questa la conclusione di uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Informatics …

Continua »

Alcol tax, uno strumento di prevenzione da rendere più efficace. Proposte nuove misure in USA e in Scozia. E intanto i bicchieri di vino sono sempre più grandi

La tassazione statunitense sugli alcolici è ridicolmente bassa e va riconsiderata al più presto, perché potrebbe essere un valido strumento per contenere i decessi e le patologie associate all’alcol e, in generale, per scoraggiarne il consumo eccessivo. È questo l’accorato appello che conclude un’indagine pubblicata sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs condotta dagli epidemiologi e dagli economisti sanitari della …

Continua »