Home / Agnese Codignola (pagina 10)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

McDonald’s dice no alle uova da galline allevate in gabbia, ma ci vorranno dieci anni prima del cambiamento

Ci vorranno ancora dieci anni, ma McDonald’s, stando a quanto annunciato nei giorni scorsi, passerà alle uova di galline non allevate in gabbia, almeno per quanto riguarda il mercato statunitense e canadese (in totale oltre 16.000 punti vendita). L’iniziativa si inserisce nel solco dei cambiamenti imposti alle grandi multinazionali da un’opinione pubblica sempre più sensibile sia alla qualità nutrizionale degli …

Continua »

Calo degli spot di dolci e junk food? Le promesse sono state disattese e i bambini hanno visto ancora più pubblicità di prima

I solenni impegni assunti dalle aziende americane per limitare e via via ridurre ì le pubblicità di dolci e junk food rivolte ai bambini sui canali specializzati sono miseramente falliti. Si tratta di un risultato  andato oltre le più pessimistiche previsioni, che dovrebbe spingere  le parti in causa a un ripensamento globale del problema. Di più: le pubblicità, dal 2007, …

Continua »

Acidi grassi trans e PHO: eliminarli da tutti i prodotti in Usa? C’è il rovescio della medaglia

carne impanata

Nelle scorse settimane la Food and Drug Administration (Fda) ha deciso che, entro il 2018, le aziende alimentari dovranno eliminare del tutto dalle loro ricette i cosiddetti PHO, cioè gli oli parzialmente idrogenati, principale fonte dei famigerati acidi grassi trans (vedi articolo). La decisione è l’evoluzione di un provvedimento adottato nel 2006, secondo il quale l’aggiunta di PHO deve essere indicata …

Continua »

Ostriche e norovirus: non andrebbero mai consumate crude. Il mollusco è considerato un veicolo naturale del virus.

Le ostriche (e probabilmente anche gli altri molluschi marini)  sono il veicolo di trasmissione del temibile norovirus e anche un serbatoio naturale. Per questo motivo non andrebbero mai consumate crude anche se questo comportamento stride con molte abitudini e tradizioni culinarie. È il severo monito di uno studio pubblicato su Applied and Environmental Microbiology dai ricercatori dell’Università Oceanografica di Shangai, in …

Continua »

Le bibite dolci nel mondo. Una mappa geografica e anagrafica delle tendenze in fatto di bevande

bevande zuccherate bibite senza zucchero gassate cola bevanda 181397947

Quante bevande dolci assumono ogni giorno i cittadini del mondo, e quali sono le tendenze principali? La domanda, lungi dall’essere un mero esercizio statistico, è molto importante per individuare i consumi, metterli in relazione con le politiche sanitarie e di marketing dei diversi paesi e per capire che cosa c’è da correggere, e dove. Nessuno, finora, aveva fornito una risposta …

Continua »

Bibite zuccherate: consumare ogni giorno un drink dolce fa male alla salute e fa aumentare il rischio di diabete

Mentre continua, sulle pagine del British Medical Journal, la discussione sull’efficacia della tassa del 20% sulle bevande dolci proposta dalla British Medical Association, la stessa rivista, quasi a voler invitare gli esperti a trovare una strategia condivisa a livello globale, pubblica una delle più grandi meta analisi mai effettuate, che inchioda il consumo regolare di soda alle sue responsabilità, almeno …

Continua »

Antibiotici nel salmone cileno: il mercato alimentare americano cerca il pesce altrove. Il Cile affronta la crisi vendendo i suoi prodotti in Brasile

salmone

Dove le leggi nazionali stentano ad accogliere le richieste delle autorità sanitarie locali e mondiali, sempre più spesso ci arriva per primo il mercato. I produttori cileni di salmone allevato potrebbero andare incontro a una crisi senza precedenti, perché i rivenditori di uno dei loro primi mercati, quello statunitense, stanno bloccando in massa il salmone farcito di antibiotici, orientandosi verso quello norvegese, spesso del …

Continua »

I danni irreparabili delle coltivazioni dell’olio di palma all’ambiente: le piantagioni costruite su paludi bonificate emettono il doppio di CO2. La Russia limita le importazioni?

La quantità di CO2 emessa dalle piantagioni di palme da olio ricavate da terreni paludosi è in realtà quasi doppia rispetto al valore che si credeva. Per questo motivo, considerando l’estensione delle piantagioni, è importante riconsiderare l’entità del danno ambientale. Si tratta delle conclusioni emerse in uno studio pubblicato su Environmental Research Letters. Lo studio sulle paludi bonificate per la …

Continua »

Mucca pazza: il morbo è ormai sotto controllo: in Italia tornano in cucina il budello e l’intestino bovino

mucca bovini controlli

I veterinari, i produttori di carne e tutte le persone che, a vario titolo, sono state coinvolte, per un lungo periodo, nella vicenda della mucca pazza possono finalmente tirare un sospiro di sollievo.  Il Ministero della Salute ha deciso il 17 marzo  2015 (*) di modificare la lista dei  Materiali Specifici a Rischio o MSR, cioè dei materiali ricavati dalla macellazione …

Continua »

Glifosato cancerogeno? La Monsanto risponde allo IARC e chiama esperti indipendenti a valutare i dati forniti dall’azienda

La Monsanto, colosso della chimica e azienda produttrice del Roundup, il diserbante a base di glifosato, ha deciso di passare al contrattacco con l’artiglieria pesante, dopo che l’International Agency for the Research on Cancer (IARC) dell’OMS di Lione ha incluso l’agente nella lista dei probabili cancerogeni per l’uomo. Al momento del pronunciamento, la Monsanto aveva bollato sprezzantemente il rapporto come …

Continua »

Insetti a tavola, il futuro è servito. Insieme ad alghe e legumi, ecco i cibi da cui assumeremo le proteine in futuro

Come è noto da alcuni anni, le fonti di proteine per uso umano stanno cambiando in fretta e cambieranno sempre più nei prossimi anni. La produzione alimentare globale dovrà adattarsi alle esigenze di una popolazione che secondo le stime toccherà i nove miliardi di individui nel 2030. In Congo si sta per attivare la sperimentazione di un farming di insetti …

Continua »

Tassa sulle bibite contro obesità e sovrappeso. La cattiva alimentazione in UK causa 70.000 morti ogni anno e una spesa di 6 miliardi di sterline

bibita

I danni associati a una cattiva alimentazione in Gran Bretagna causano 70.000 morti l’anno, e costano non meno di 6 miliardi di sterline. Per questo è giunto il momento, secondo un rapporto appena pubblicato dalla British Medical Association (Cibo per la mente, il significativo titolo), di introdurre un corpus organico di misure antiobesità. Tra queste, la più discussa e varie volte …

Continua »

Api europee: la perdita di colonie è meno grave del previsto. Peste americana ed europea sono presenti in basse percentuali. Diffusa la varroa

Buone notizie per le api europee: la perdita delle colonie è meno grave del previsto. Lo ha stabilito il più grande studio mai realizzato in materia, l’indagine EPILOBEE, finanziata dall’Unione Europea con 3,3 milioni di euro, condotta su quasi 32.000 colonie di 17 paesi europei e relativa al periodo compreso tra la fine del 2012 e l’estate del 2013. In …

Continua »

Un pianeta che ingrassa: in 39 anni sono aumentati sia l’indice di massa corporea sia le calorie disponibili per abitante. Il junk food alla base del problema denuncia l’OMS

Gli abitanti del pianeta continuano a ingrassare quasi ovunque, e sono sempre più in sovrappeso od obesi. Questo il dato denunciato da molte indagini realizzate negli ultimi anni, non è mai emersa come fenomeno globale. La colpa è di una serie di cofattori (il cambiamento delle abitudini di vita e di lavoro, la sedentarietà, la dipendenza dai mezzi meccanici di locomozione) …

Continua »

Sicurezza alimentare: buoni i risultati in Europa, lo conferma il rapporto annuale del RASFF. Tra le criticità maggiori il virus dell’epatite nei frutti di bosco in Italia

Da 35 anni il sistema RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed) aiuta gli europei a migliorare la propria consapevolezza in materia di sicurezza alimentare. I  puntuali allarmi hanno contributo ad aumentare la sensibilità di un’opinione pubblica e hanno avuto  importanti ricadute a livello normativo. Il sistema funziona anche se non mancano problemi, lacune, meccanismi da ottimizzare, soprattutto per …

Continua »