Home / Sicurezza Alimentare (pagina 58)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Latte, yogurt e formaggi senza rischi anche se fa caldo. Il decalogo dell`Assolatte

Tra gli alimenti più deperibili, e quindi più a rischio con la canicola estiva, ci sono latte, yogurt e formaggi, che proprio in questa stagione vengono consumati con maggiore frequenza. Assolatte  ha messo a punto una serie di consigli per non comprometterne la freschezza, evitare di sprecarli e non rischiare intossicazioni. 1) Controllare l’ordine e la pulizia del punto vendita, …

Continua »

D`estate occorre più attenzione alla freschezza

L’estate richiede una maggiore attenzione e cautela nella conservazione degli alimenti. Perché, insieme con la temperatura. aumenta anche il rischio di intossicazioni alimentari. Dopo le raccomandazioni sull’insalata e gli ortaggi da consumare crudi della commissione Codex ecco i suggerimenti dell’Anses, l’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione, dell’ambiente e del lavoro. Le basse temperature, oltre a preservare le qualità organolettiche degli …

Continua »

La mozzarella blu prodotta in Trentino viene ritirata dal commercio. E` stata venduta in Francia e Germania

Il baricentro  nella vicenda della Mozzarelle blu si è  spostato dalla Germania all’Italia. Se nella prima fase della crisi le accuse erano rivolte ad un’azienda tedesca che ha invaso i supermercati di mezza Europa, adesso sotto i riflettori c’è il caseificio Fiavé Pinzolo di Rovereto in Trentino. Cinque giorni fa si è scoperto che il batterio Pseudomonas aeruginosa, responsabile della …

Continua »

Il Codex detta nuove norme su insalate e verdura fresca

Riflettori accesi su insalate e verdura fresca anche durante la 33 sessione della commissione Codex Alimentarius, l’organo creato nel 1963 dall’Oms e dalla Fao per dettare la normativa in materia alimentare. La Commissione si riunisce a Ginevra questa settimana, con 500 delegati da circa 130 paesi. Le verdure a foglia, ormai disponibili tutto l’anno ovunque, nel percorso dal campo alla …

Continua »

Insalate pronte… fino a un certo punto. Meglio lavarle comunque

L’igiene sommaria nel processo di lavorazione e l’umidità che si forma nel sacchetto di plastica sono la causa principale delle alte concentrazioni batteriche che si riscontrano nelle insalate e nei germogli pronti per l’uso che, da qualche anno, hanno conosciuto un boom nei consumi per la loro innegabile comodità d’uso. È questa la conclusione di uno studio condotto in Germania …

Continua »

Le pericolose promesse delle bibite anti-alcol

Estate è sinonimo di tormentoni. Tra quelli di quest’anno ci sono le bevande anti-sbornia. Pozioni più o meno «magiche» – almeno nelle promesse – che sarebbero in grado di far passare rapidamente i postumi di una sbronza, come nausea e cefalea, o, addirittura, di abbassare il tasso alcolico nel sangue. È il caso di Outox, Rebootizer, Security Feel Better. Anche …

Continua »

La borsa ecologica per la spesa al supermercato è un`ottima idea ma bisogna lavarla ogni tanto

Il blogger Albert Amgar, esperto di sicurezza alimentare francese e collaboratore di ProcesseAlimentaire.com richiama l’attenzione sulle borse per la spesa riutilizzabili: le sporte di plastica, di stoffa o di rete che dovrebbero rimpiazzare i sacchetti di plastica, non biodegradabili e dannosi per l’ambiente. Le borse ecologiche sono assolutamente raccomandabili, ma possono diventare ricettacolo di batteri e potenziali “camere” di contaminazione …

Continua »

Meglio biologico o convenzionale? Dipende anche dall`impronta

   La qualità complessiva degli alimenti (frutta,ortaggi, carne, latte e formaggi) dipende da un insieme di fattori come la qualità chimica, qualità microbiologica, qualità nutrizionale e organolettica. Sappiamo che le filiere produttive (biologiche, convenzionali) di derrate alimentari animali e vegetali hanno un ruolo importante sulla loro qualità come emerge da diversi studi scientifici. Per quanto riguarda gli aspetti nutrizionali, il …

Continua »

Tutte le domande sulla mozzarella blu e le risposte del ministero

Il ministero della Salute  il 25 giugno 2010  ha pubblicato sul sito  un decalogo  per riconoscere le mozzarelle blu. E’ forse la prima volta che il ministero propone ai consumatori un vademecum e che cita le marche dei prodotti ritirati dal mercato. Un buon segnale  per il futuro ?     1. Qual è il problema della mozzarella che diventa blu?Si precisa che …

Continua »

Il virus dell`influenza aviaria viaggia nelle piume delle anatre

 Un team di scienziati, coordinati dal virologo Mauro Delogu, ricercatore presso la facoltà di Medicina Veterinaria dell’Alma Mater-Università di Bologna insieme a ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità, dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia e del St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis hanno scoperto una nuova via di trasmissione e circolazione dei virus dell’influenza aviaria in natura. La ricerca è …

Continua »

L`eccesso di antibiotici è un problema per l`uomo e per gli animali di allevamento

  In Italia l’uso degli antibiotici è eccessivo rispetto ad altri paesi dell’Unione europea. Si assumono spesso per periodi di tempo troppo lunghi nonché per situazioni, come l’influenza o altre malattie respiratorie virali in cui non possono esercitare alcun effetto terapeutico. I consumi sono importanti non solo a livello umano, ma anche negli allevamenti intensivi di animali e, in particolare, …

Continua »

La Francia vieta la commercializzazione e la vendita di biberon con Bisfenolo A

Il Parlamento francese ha approvato definitivamente il 23 giugno 2010 un provvedimento che vieta la produzione e la commercializzazione di biberon che contengono Bisfenolo A. L’entrata in vigore della nuova norma potrebbe  scattare solo  dal 1 gennaio 2011, per dare la possibilità alle imprese di smaltire le scorte. L’altra novità è che il dibattito  sulla proposta di  vietare il Bisfenolo …

Continua »

La Germania rivela finalmente i marchi delle mozzarelle blu contaminate. Il prodotto distribuito in 13 Paesi dalla Russia alla Francia, dalla Svezia alla stessa Germania

La questione della mozzarella blu poteva essere risolta il 9 giugno 2010, dopo l’invio da parte del ministero della salute di un’allerta a Bruxelles, in cui si diceva che in seguito ad una segnalazione di un cittadino,  in Italia è stato ritirato dal commercio un lotto di mozzarelle tedesche che si colorava di blu, venduto in un supermercato Eurospin di …

Continua »

Altri particolari inediti sulla vicenda della mozzarella blu, ritirata 15 giorni fa anche in Francia, Slovenia, Bielorussia

Lo scandalo della mozzarella blu continua ad appassionare.  Gianna Ferretti editorialista del nostro sito,ricostruisce sul suo blog gli aspetti salienti della vicenda, sottolineandone anche risvolti curiosi.Dopo gli allerta del 9 e del 18 giugno  l’Italia ha inviato al sistema di allerta di Bruxelles (Rasff) altre due segnalazioni il 21 e 22 giugno,  stavolta  associate a  dati di laboratorio da cui …

Continua »

Doppio ritiro per la mozzarella blu prima a Verona e poi a Torino. La lista dei marchi e dei supermercati

Aggiornamento Il Ministero della salute  informa che sono in corso di svolgimento i sequestri su tutto il territorio nazionale delle mozzarelle a marchio prodotte in Germania dalla ditta MILCHWERK JAGER GMBH & Co. “LAND” (vendute da Eurospin), “LOVILIO” (vendute da LIDL) “MALGA PARADISO” (vendute da MD discount), La notizia della mozzarella blu è stata ripresa da tutti i giornali, ma …

Continua »