Home / Sicurezza Alimentare (pagina 4)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

farmaci veterinari

Troppi antibiotici negli allevamenti, l’appello dei ricercatori su Science. Proposte, limiti e misure per ridurre l’uso e fermare l’avanzata dei superbatteri

Negli Stati Uniti, circa l’80% degli antibiotici prodotti non viene usato nell’uomo ma negli animali da allevamento. Nel 2013 nelle stalle e nei capannoni di tutto il mondo sono state profuse 131 mila tonnellate di questi farmaci, un quantitativo triplo rispetto a quello utilizzato dagli umani, destinato a salire all’iperbolica cifra di 200 mila tonnellate entro il 2030, se non si …

Continua »
peperoni rischio allerta ogm

Sicurezza alimentare e comunicazione del rischio: il Ministero della salute vuole fare di meglio. Obiettivi e impegni destinati a rimanere sulla carta?

Capita di frequente che il rischio percepito dai consumatori nell’ambito alimentare non corrisponda al rischio sanitario reale. Questa percezione sbagliata genera sfiducia e porta anche a sottovalutare i rischi reali legati alla sicurezza alimentare. La maggioranza delle persone ad esempio si preoccupa dei contaminanti chimici presenti nel cibo come la diossina, ma tende a sottovalutare i rischi microbiologici causati da …

Continua »

OGM negli alimenti: i risultati dei controlli nel 2016. Rapporto del ministero della Salute, che dà una valutazione positiva

Il ministero della Salute ha pubblicato i risultati, relativi al 2016, del Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti. Le verifiche sono state effettuate da tutte le regioni e sono stati analizzati 682 campioni, rispetto al minimo stabilito di 628. Di questi 579 riguardano il circuito convenzionale e 103 quello biologico. Poi ci sono 123 …

Continua »
tonno pinna blu atlantico mercurio

La guerra al mercurio dell’Oms: via da tutti i prodotti. Ma il metallo è ovunque

Nella città giapponese di Minamata, tra il 1932 e il 1968, il rilascio costante di metilmercurio da parte dell’azienda chimica Chisso causa un’intossicazione acuta della popolazione, che ne assume quantità enormi attraverso la catena alimentare. Nel 2001 vengono riconosciute 2.165 vittime del mercurio (1.784 delle quali decedute)  e vengono accordati risarcimenti a oltre 10 mila abitanti della zona, mentre i …

Continua »

Amazon ha venduto per sei mesi del burro di soia richiamato. Quale attenzione dell’e-commerce verso la sicurezza alimentare?

Amazon.com ha continuato a vendere un prodotto alimentare ritirato dagli scaffali dei supermercati americani per sei mesi dopo la data del provvedimento. La notizia è riportata da Food Safety News. Al centro delle polemiche c’è il burro di soia, un sostituto del burro di arachidi, a marchio I.M. Healthy prodotto da Dixie Dew Products Inc. I Centers for Disease Control …

Continua »

Bambini: le caramelle dure di forma sferica possono causare soffocamento anche dopo i 5 anni. Attenzione alle dimensioni. Il documento del BfR tedesco

Le caramelle dure sferiche possono causare il soffocamento dei bambini dai 5 anni in su. È l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio ad affermarlo in un’opinione recentemente pubblicata. Una prima valutazione era stata effettuata nel 2010, in seguito ad alcuni casi di soffocamento che si erano verificati negli Stati Uniti. Sotto accusa erano finite proprio le caramelle dure di …

Continua »

Ristoranti: Maretto un centinaio di intossicati al pranzo di matrimonio, sconosciute le cause. La Regione Piemonte propone il “pasto-testimone”

Risale ad alcuni giorni fa la notizia di un’intossicazione alimentare verificatasi a seguito di un banchetto nuziale in un ristorante di Maretto, provincia di Asti. A oggi non si conoscono ancora le cause che hanno scatenato disturbi gastrointestinali più o meno gravi in circa un centinaio di invitati. La sola certezza è che si tratti di un focolaio epidemico di …

Continua »

La verità sul grano e sulle micotossine che pochi vogliono raccontare preferendo facili allarmismi

Le micotossine (da mico = fungo) sono prodotti del metabolismo secondario di alcuni funghi appartenenti ai generi Aspergillus, Penicillium e, soprattutto, Fusarium. Sono stati classificati circa 1.100 ceppi fungini capaci di produrre oltre duemila tossine molto diverse tra loro (CAST, 2003). La contaminazione da micotossine nella granella oltre certi limiti provoca effetti tossici particolarmente insidiosi (cancerogeni, mutageni e immunodepressivi) negli uomini …

Continua »

Malattie di origine alimentare: in Francia, ogni anno, sono tra 1,28 e 2,23 milioni. Fortemente diminuite le ispezioni nell’ultimo quinquennio

La rivista Emerging Infectious Diseases ha pubblicato uno studio sulle cause delle malattie di origine alimentare in Francia, prendendo in considerazione il periodo 2008-2013 ed esaminando i principali patogeni alimentari: dieci batteri, tre virus e due parassiti. La stima dei ricercatori è che, in Francia, questi patogeni causino tra 1,28 e 2,23 milioni di casi di malattia, tra 16.500 e …

Continua »

Scandalo glifosato, l’Efsa copia-incolla documenti della Monsanto. Rivelazioni della stampa sul rinnovo dell’autorizzazione Ue all’erbicida

Alcune parti importanti del parere scientifico del novembre 2015, con cui l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha stabilito che “è improbabile che il glifosato sia genotossico (cioè che danneggi il DNA) o che rappresenti una minaccia di cancro per l’uomo”, sono state copiate dai documenti delle industrie che avevano chiesto il rinnovo dell’autorizzazione all’erbicida,in scadenza a fine dicembre. …

Continua »

Troppe nanoparticelle presenti negli alimenti non vengono indicate in etichetta. Test della rivista 60 millions sul colorante E171. La Francia intensifica i controlli

Il governo francese ha sollecitato l’Agenzia per la sicurezza alimentare (Anses) affinché completi a breve termine il lavoro di raccolta di tutti i dati disponibili sul biossido di titanio negli alimenti, come si era impegnata a fare. In questo modo, il governo francese potrà portare a livello europeo un dossier che consenta una rivalutazione di questa sostanza da parte dell’Autorità …

Continua »
Veggie burger

L’hamburger senza carne che sembra vero: uguali il gusto e l’aspetto. Prodotto da Impossible Foods, ma la FDA ha dubbi sulla sicurezza

La statunitense Food an Drug Administration (FDA) ha dubbi sulla sicurezza dell’hamburger senza carne, ma con il  sapore e l’aspetto della carne,  prodotto da Impossible Foods. La FDA teme che una sostanza presente nel burger high-tech possa essere un potenziale allergene. Impossible Foods è stata fondata nel 2011 dall’ex professore di biochimica dell’Università di Stanford, Pat Brown, con l’obiettivo di …

Continua »
carne macellazione

La carne contaminata causa il 40% di tutte le malattie di origine batterica alimentare negli Usa. Le nuove strategie integrate del Pew Charitable Trusts

Negli Stati Uniti, la carne contaminata proveniente dagli allevamenti di bovini, suini e pollame, provoca ogni anno circa due milioni di ammalati, corrispondenti a circa il 40% di tutte le malattie di origine batterica alimentare. Il costo annuale delle malattie attribuibili a questi alimenti – in termini di costi medici diretti, produttività e perdita di reddito – è stato stimato …

Continua »

Batteriocine, una possibile alternativa agli antibiotici contro il Campylobacter negli allevamenti di polli da carne. La ricerca dell’IzsVe

Le batteriocine possono essere un’alternativa agli antibiotici negli allevamenti di pollame? È la domanda che si pongono i ricercatori dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie, che hanno condotto uno studio finalizzato a scoprire se queste sostanze possono essere un valido strumento nella lotta globale all’antibiotico-resistenza. La ricerca è finanziata del Ministero della salute ed è portata avanti in collaborazione con l’Univeristà di …

Continua »
torta glassa dolci

Francia, chiesto il divieto temporaneo delle nanoparticelle di biossido di titanio ingeribili. Lettera aperta al governo di otto associazioni

Otto associazioni francesi che partecipano al gruppo di lavoro sull’etichettatura e la restrizione dei nanomateriali, guidato dal Ministero dell’ambiente transalpino, hanno inviato una lettera aperta al governo, chiedendo l’interdizione temporanea delle nanoparticelle di biossido di titanio suscettibili di essere ingerite (additivo alimentare E171). Per le Ong si tratta di una misura precauzionale da adottare con urgenza, considerati i rischi per …

Continua »