Home / Pubblicità & Bufale (pagina 30)

Pubblicità & Bufale

New York dichiara guerra alle maxi porzioni. Manifesti shock per la campagna contro l`obesità.

New York si schiera contro le maxi-porzioni. Per arginare il dilagante problema dell’obesità, il Dipartimento della Salute di N.Y. lancia in questi giorni una nuova campagna pubblicitaria che invita i cittadini a stare attenti alle porzioni esagerate. La quantità di cibo e di bevande servite negli esercizi pubblici sono notevolmente aumentate negli ultimi anni, favorendo un apporto eccessivo di calorie. …

Continua »

L`Autorità antitrust sanziona l?integratore ?3 Giorni Detossinante Linea Express? con una multa di 60.000 euro

L’Autorità antitrust ha ritenuto scorretto il messaggio promozionale dell’integratore “3 Giorni Detossinante Linea Express” distribuito attraverso il canale delle farmacie e delle parafarmacie dalla società Docteur Nature Industrie. Ogni confezione del prodotto costa circa 15 euro e permette un trattamento completo che, secondo il programma, dovrebbe durare 3 giorni. In questo periodo occorre ingerire sei pastiglie al dì e bere …

Continua »
caramelle

Junk food: in Inghilterra la pubblicità corre su siti, app, social network. E i bambini ingrassano…

In Gran Bretagna, dove la pubblicità di cibo-spazzatura è vietata durante le trasmissioni televisive rivolte ai bambini, la Children’s Food Campaign (un programma per migliorare l’alimentazione dei più piccoli promosso dall’associazione no profit “Sustain” della British Heart Foundation) ha realizzato un rapporto  sui modi più o meno subdoli utilizzati dai produttori di junk food per reclamizzare i loro articoli ai …

Continua »

Cibo spazzatura: la tassa ipotizzata da Mario Monti non riduce il consumo ma serve solo a fare cassa

Riproponiamo questo intervento scritto nel gennaio 2012  sulla tassazione  del cibo spazzatura, dopo  le dichiarazioni del ministro Renato Balduzzi. Il governo di Mario Monti ha prospettato una nuova tassa sul junk food per fare cassa e coprire una parte delle spese sanitarie. Lo scopo  è condivisibile: fare pagare di più un gruppo di alimenti ritenuti responsabili della cattiva alimentazione degli …

Continua »

Tanti auguri, grazie a voi siamo a quota 100.000

Auguriamo buone feste a tutti i nostri lettori e agli inserzionisti che pubblicano il loro banner nel  sito, rispettando la nostra indipendenza. La buona notizia per tutti è che abbiamo superato i 100 mila visitatori al mese e le pagine viste sono oltre 230 mila. È un risultato interessante per una redazione composta da giornalisti, esperti e professionisti alle prese …

Continua »

McDonald’s in Brasile paga una multa di 1,3 miloni di euro per pubblicità ingannevole dell’Happy Meal

In Brasile McDonald’s deve pagare una multa di 1,3 milioni di euro per pubblicità ingannevole. La multinazionale del fast-food è stata accusata dalla fondazione di difesa del consumatore Procon di San Paolo di diffondere cattive abitudini alimentari ai bambini. La critica è rivolta agli Happy Meal, la formula di pasto studiata per i clienti più piccoli e composta da un …

Continua »

Plasmon contro Barilla, secondo il Giurì la pubblicità comparativa contro la pasta Piccolini è legittima e si può ripetere con qualche modifica

La pasta “Piccolini” Barilla non è un prodotto per la prima infanzia, ma è destinato ai bambini con più di tre anni”. È questo il senso della sentenza espressa dal Giurì che ha ritenuto legittima la pubblicità comparativa realizzata da Plasmon contro la pasta Piccolini Barilla. Bisogna però apportare alcune correzioni al testo per fare capire meglio ai consumatori quali …

Continua »

Ferrero Gran Soleil cambia lo spot dopo le accuse del ilfattoalimentare. Il dessert non favorisce la digestione

Lo spot di Gran Soleil cambia testo e immagini in occasione delle feste natalizie. La protagonista è sempre Antonella Clerici che invece di decantare le virtù del dessert con l’ormai celebre frase «delizia il palato favorisce la digestione», propone la versione Gran Soleil natalizia: togliere la confezione dal freezer, immergere per qualche secondo in acqua calda e servire sul piatto  …

Continua »

La Tv fa ingrassare i bambini: troppi spot influenzano le scelte a tavola in modo negativo

La stagione della vita in cui si hanno le idee più chiare è l’infanzia: i bambini sanno sempre cosa vogliono e cosa non vogliono. Anche a tavola. Così non basta comprare una merendina, deve essere “quella” merendina. Il perché si intuisce facilmente: è la preferita dal loro compagno di banco, ma più spesso  è quella che “regala” il gadget oppure …

Continua »

Barilla blocca la pubblicità comparativa della Plasmon ma ammette che la pasta i Piccolini non va bene per i più piccoli e cambia etichette e spot

Prosegue il confronto tra Plasmon e Barilla sulla pasta i Piccolini e sui biscotti del Mulino Bianco Le macine presentati secondo la Plasmon come prodotti adatti a bambini della prima infanzia, nonostante i livelli di pesticidi troppo elevati. La Barilla ha risposto alla pubblicità comparativa con un messaggio rassicurante verso le mamme e poi ha attivato i legali ottenendo dal …

Continua »

Perché la Dieta Tisanoreica di Gianluca Mech è sponsorizzata dalle farmacie comunali? Una strana casualità

Il 17 novembre a pagina 52 di La Repubblica c’era un’inserzione pubblicitaria dove si reclamizzava la collaborazione tra Assofarm – l’associazione delle farmacie comunali – e la Dieta Tisanoreica, con lo slogan “Insieme nella lotta all’obesità mediante la vendita qualificata dei prodotti Tisanoreica”. La Dieta Tisanoreica è un regime dimagrante molto criticato degli specialisti di alimentazione. Ilfattoalimentare.it se ne è …

Continua »

Pubblicità ingannevole: la pasta Piccolini Barilla non è per bambini con meno di 3 anni, cambiare subito l`etichetta

La pasta “Piccolini” Barilla non è un prodotto per la prima infanzia ma solo per bambini con più di tre anni. Lo ha denunciato nel maggio 2010 la rivista “il Salvagente” con un servizio di copertina, ma la notizia ha assunto rilievo solo il 30 novembre 2011, quando Plasmon ha proposto sulle principali testate una pubblicità comparativa, tra le sue …

Continua »

Pubblicità ingannevole, Fish Factor non rigenera le cartilagini: multa di 150 mila euro ad Avantgarde

Nel sito dell’azienda  Fish Factor® Articolazioni viene definito così: “Un aiuto naturale per i dolori articolari. Fish Factor Articolazioni è l’unico integratore che associa l’azione benefica sulle articolazioni di glucosamina, acido ialuronico e vitamina C alla capacità antinfiammatoria degli omega 3”. La campagna pubblicitaria dell’integratore alimentare è costata però una multa di 150 mila euro inflitta dall’Antiturst. Nella sentenza si …

Continua »
ntegratori vegetali

Bioscalin: l’Antitrust nel 2009 censura la pubblicità non è sicura la crescita dei capelli. Multa da 150 mila euro

L’Antitrust  ha censurato la pubblicità di Bioscalin il famoso trattamento per capelli e ha condannato la società Giuliani ad una multa di 150 mila euro. La sentenza è riportata sul bollettino del 28 settembre dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Gli spot  e i messaggi diffusi per oltre un anno fino alla primavera del 2009 su RAI, Mediaset, Sky …

Continua »

Bioscalin e Revidox: multa da 250 mila euro per gli integratori alimentari che non fanno ricrescere i capelli e non ringiovaniscono

Lo spot e la pubblicità dell’integratore alimentare Bioscalin CronoBiogenina che promettono di ridurre la caduta dei capelli o di favorirne la ricrescita sono ingannevoli. Lo ha stabilito l’Autorità Antitrust che ha intimato alla società Giuliani di pagare una  multa di 100 mila euro. La massiccia campagna è andata avanti per un anno, ha occupato centinaia di pagine sui giornali e …

Continua »