Home / Pubblicità & Bufale (pagina 10)

Pubblicità & Bufale

acqua minerale Woman drinking water from transparent bottle on the beach

Acqua minerale: il decalogo dell’Inran per non farsi ingannare dalle false promesse della pubblicità

L’acqua minerale è un argomento molto dibattuto nel nostro Paese perché si tratta di un prodotto da sempre  posizionato in cima alla classifica dei consumi alimentari  e perché siamo i più affezionati bevitori in Europa. Per fortuna la frequenza di acquisto è diminuita negli ultimi anni, passando da quasi 190 litri annui pro capite nel 2008 a meno di 180 …

Continua »

Nutella contro Nuté+ la crema alla nocciola biologica francese. Chiesto il ritiro dal mercato per concorrenza sleale e contraffazione. Cosa diranno i giudici?

Ferrero, l’azienda italiana che ha inventato Nutella, ha chiesto al tribunale di Parigi che venga ritirata dai mercati francesi ed europei Nuté+, una crema di nocciole e anacardi biologici, senza olio di palma e senza latte, in commercio dal 2010. L’azienda vorrebbe un risarcimento di 75.000 euro dalla Noiseraie Production, che nel 2014 ha avuto un giro d’affari di 2,8 milioni di …

Continua »

“La carne è senza rischi”: falso! Ritirata la pubblicità ingannevole di Federcarni denunciata all’Agcm dai 5 Stelle e dal Partito animalista europeo

“Sì alla carne. Piacere senza rischi“, questa e altre frasi utilizzate nella campagna pubblicitaria 2015 promossa da Federcarni (la federazione nazionale dei macellai) e Confcommercio sono state rimosse, perché ritenute ingannevoli dell’Autorità Garante della concorrenza e del mercato (leggi articolo). Tra i tanti che hanno notato le frasi sui manifesti e sui sacchetti distribuiti nei punti vendita, il Partito animalista europeo e Mirko …

Continua »

Coca-Cola: lo spot più famoso dell’azienda, lanciato 44 anni fa, ora diventa una denuncia contro l’abuso delle bibite zuccherate, causa di obesità e diabete

Nel 1971 Coca-Cola conquista milioni di nuovi clienti con uno spot di successo grazie a un jingle destinato a diventare una hit. Per chi non se lo ricordasse, nel video compaiono giovani vestiti secondo le proprie tradizioni, che si riuniscono su una collina cantando “I’d like to buy the world a coke”, in un clima di unione. Dopo 44 anni, …

Continua »

McDonald’s, la catena di fast food diventata simbolo del made in Italy, sdoganata dai talk show e premiata da interviste sui quotidiani. Miracoli del marketing che trasforma il cibo spazzatura in modello alimentare nazionale

Solo in Italia McDonald’s può diventare guest star nei dibattiti televisivi in prima serata, oggetto di interviste a tutta pagina sui quotidiani nazionali, protagonista di Expo 2015, testimonial del made in Italy oltre che simbolo di un’impresa che dà lavoro (4.000 persone assunte negli ultimi tre anni) soprattutto a donne. È questa l’immagine che si costruisce, assemblando un brillante intervento …

Continua »

Modelle nude che fingono di vendemmiare: così l’azienda russa Simple pubblicizza il vino friulano

Come promuovere il vino friulano all’estero? La Simple, società leader nell’esportazione di vini italiani in Russia, ha scelto di farlo con un video che ha scatenato diverse polemiche: per tre minuti scorrono le immagini di quattro modelle nude incoronate di grappoli e pampini, che si accarezzano e fingono di vendemmiare sullo sfondo di una vigna e di una villa italiana. …

Continua »

Altroconsumo consente l’uso dei risultati dei test comparativi a scopo pubblicitario, ma solo dietro licenza.Ecco la nuova etichetta di riconoscimento

Altroconsumo ha deciso di scendere in campo e d’ora in poi i prodotti che hanno meritato nei test comparativi il giudizio di “Miglior acquisto o di “Migliore del test” potranno riportare sulle confezioni   dei prodotti e negli spot pubblicitari un’etichetta speciale. Ad esempio, Unes che da tre anni si posizione in cima alla classifica dei supermercati più convenienti con un …

Continua »
cioccolato

Dimagrire mangiando cioccolata? Una bufala studiata a tavolino. La storia di come è facile costruire e diffondere scienza spazzatura nel campo delle diete

Il giornalista tedesco John (alias Johannes) Bohannon ha svelato che lo studio sull’alimentazione da lui divulgato alla fine di marzo, secondo cui mangiare quotidianamente cioccolato, mentre si segue una dieta povera di carboidrati, aiuta a perdere peso, non era altro che una bufala scientifica, studiata a tavolino, per mettere in luce come funziona l’informazione mondiale nel campo delle diete e …

Continua »

Bambini e pubblicità: nessun miglioramento sulla salute. Negli USA le aziende fanno ancora troppo poco e non esiste una regolamentazione efficace

I progressi nelle pubblicità del cibo per bambini si sono dimostrati troppo esigui per avere effetti sulla salute pubblica. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sull’American Journal of Preventive Medicine. Comparando spot precedenti al 2007 con altri relativi al 2013, gli autori dello studio (Università di Arizona e Pennsylvania) hanno notato che i miglioramenti sono stati quasi trascurabili. «Di fronte alla …

Continua »

Mangiamo insieme? Dice lo spot di Coca-Cola, ma dimentica di precisare che ogni lattina contiene 7 bustine di zucchero. Una nuova pubblicità scorretta?

Famiglia, cena, condivisione: sono gli elementi  che da sempre Coca-Cola utilizza per i suoi messaggi pubblicitari per catturare nuovi consumatori. Lo scopo dichiarato dell’azienda che produce la bibita più famosa del mondo è  di radicarsi sulle tavole italiane, durante i pasti, proprio come avviene negli USA e non solo. Si tratta di un’abitudine che da noi sembra non attecchire, almeno …

Continua »

Tar conferma la multa per Alfonso Signorini direttore di “Chi” per pubblicità occulta a latte in polvere e biberon. Belen Rodriguez protagonista

Il Tar del Lazio ha confermato la condanna a pagare complessivamente una multa di 190 mila euro ne confronti del direttore di Chi  Alfonso Signorini  (editore Mondadori) per avere fatto pubblicità occulta a favore di Philips Avent (produttrice di biberon) e  di Unifarm  (produttrice di latte in polvere). Il fatto si riferisce ad un lungo articolo che aveva come protagonista …

Continua »

McDonald’s regala la frutta e usa atleti famosi per convincere: così si ripulisce “la coscienza” per la vendita quotidiana di cibo spazzatura

La frutta fa bene: non lo dicono solo i nutrizionisti, ma lo sostiene anche McDonald’s. L’ultima pubblicità firmata dalla famosa catena non parla infatti di hamburger e patatine, ma di mele. Sì avete capito bene: la multinazionale del fast food, che molti un po’  impropriamente definiscono “spazzatura”, porta avanti una campagna invitando i giovani a mangiare la frutta. Per essere più …

Continua »

YouTube Kids di Google è sotto accusa negli Usa per pubblicità occulta: si cerca di trarre vantaggio dalla vulnerabilità dei bambini

Diverse associazioni di consumatori e di tutela dei bambini statunitensi hanno presentato un esposto alla Federale Trade Commission, chiedendo l’apertura di un’inchiesta per pratiche sleali e ingannevoli nei confronti di Google, in relazione alla sua nuova applicazione telefonica YouTube Kids, lanciata lo scorso 23 febbraio. Le associazioni denunciano l’elevato utilizzo di pubblicità non dichiarata, attraverso l’inserimento di prodotti a fini …

Continua »

Ecco il divertente spot di Napoli in risposta alle campagne di McDonald’s, “Pizza a portafoglio n’euro, n’euro e cinquanta!”

Napoli ha risposto con ironia allo spot di McDonald’s che attribuiva al bambino la voglia di Happy Meal al posto di una pizza.  Il filmato di 42 secondi  si trova su Facebook ed è stato prodotto dal blogger di Le avventure culinarie di Puok e Med. Guardatelo.   Antonio Pratesi, medico nutrizionista che collabora con il nostro sito ha confrontato in …

Continua »

Fast food: tutti i segreti del marketing alimentare per incantare i bambini. McDonald’s punta sui più piccoli e in questo modo favorisce obesità e problemi di salute

Nel 2004 il 33enne Morgan Spurlock, con il progetto “Super size me“, sperimentò su di sé l’effetto di una dieta esclusiva in fast food. Dopo avere consumato per 30 giorni colazione, pranzo e cena nei locali della catena McDonald’s il suo peso aumentò di 11 kg con diversi disturbi fisici. Si tratta di un caso atipico che non fa testo dal …

Continua »