Home / Lettere (pagina 26)

Lettere

Sicurezza alimentare: qual è il significato del bollino sulle etichette di latte e formaggi?

Vorrei chiedere se attraverso le sigle e i numeri  riportati  sul bollino ovale presente sulle confezioni di latte e formaggi come ad esempio : IT 05 087 CE,  si può risalire allo stabilimento di produzione? Esistono dei database pubblici? Andrea Furin Ecco la risposta dell’ avvocato Dario Dongo esperto di diritto alimentare Il  regolamento CE n. 853/2004, nell’ambito del ‘Pacchetto …

Continua »

Frutta e verdura, come si calcolano le porzioni? Le linee guida dell`Inran

Sento sempre parlare di “porzioni”, relativamente a frutta e verdura. Ma si può sapere quanto pesa questa benedetta “porzione”? Altrimenti come si fa ad essere sicuri di quanti grammi bisogna ingerirne? -Luca-    Gentile Luca, Secondo le linee guida dell’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran) ogni giorno dovremmo consumare 3 porzioni di frutta e 2 …

Continua »

Bufale metroplitane: la favola del silicone nel latte

Due domande, una specifica su un coadiuvante ed una generale: 1) mi è giunta voce, da addetti ai lavori, che nella produzione e confezionamento di latte e derivati viene usato un antischiuma siliconico a base Dimeticone. Sarebbe un coadiuvante tecnologico ammesso e pertanto non ne sarebbe obbligatoria la menzione in etichetta. Il Dimeticone però è un prodotto chimico che potrebbe …

Continua »

Due lettori ci chiedono qual è il nostro rapporto con gli inserzionisti pubblicitari

Mi chiedo… come fa un sito che dovrebbe fornire informazioni veritiere e corrette sul campo alimentare, ad essere sponsorizzato da una nota marca proprio del settore alimentare? E’ ridicolo che vi facciate sponsorizzara da chi dovreste controllare… Non cercherò notizie sul vostro sito, non vorrei imbattermi in articoli che millantano il gusto e la naturalezza degli ingredienti, e chi sa …

Continua »

Manifesto contro allevamenti del ministro Brambilla: un`altra opinione

La lettura dell’articolo “Il ministro Brambilla, con Veronesi e Hack presentano un manifesto contro gli allevamenti: ingenuità o disinformazione?”, a firma di Dario Dongo, mi suscita alcune immediate osservazioni.   1) Fa benissimo l’autore a ricordare la stringente normativa europea che traccia rigidi paletti per definire i confini del welfare animale. Che a ribadirne l’esistenza sia il direttore generale di …

Continua »

La doppia piramide alimentare-ambientale non mi convince

A proposito della “doppia piramide ambientale-alimentare”: sono veramente basita nel leggere questo articolo, possibile che possiate riportare pedissequamente il Verbo di Barilla senza nemmeno essere un poco critici? Ma come potete affermare che sia la carne all’origine dell’obesità infantile? allorquando è noto a tutti che sono proprio le merendine (di Barilla) insieme alle bevande zuccherate a provocare l’obesità (vedasi su …

Continua »

Guido Barilla: no al cibo di Frankenstein, sì alle biotecnologie non trasgeniche per ottenere nuove varietà di sementi

“Caro direttore”, inizia così la lettera di Guido Barilla pubblicata sul Corriere della sera il 17 luglio, scritta per sensibilizzare i lettori sul problema delle scelte agro-alimentari. Proponiamo integralmente  il testo perchè si tratta di un messaggio che merita attenzione. La posizione di Barila è no agli Ogm pensati per un modello di produzione intensivo e monoculturale, sì alle biotecnologie …

Continua »

Le proteine della pasta sono uguali per spaghetti e pasta fresca?

Buongiorno, nel video postato dal Vs sito e realizzato da Roberto La Pira si parla di pasta e contenuto di proteine per la cottura e la degustazione della stessa. Vorrei chiedere, perché nel video non viene specificato, se la soglia dai 13 ai 14,5 vale per tutti i tipi di pasta o soltanto per gli spaghetti o ancora soltanto per …

Continua »

Controlli alimentari veterinari e sicurezza : alcune precisazioni sul rapporto FVO

Spett.le redazione de “Ilfattoalimentare.it”, vi scrivo a proposito dell’articolo “I controlli alimentari in Italia sono efficaci. Lo confermano i rapporti della Commissione Europea”. Occupandomi di carni non mi ero perso i report dell’FVO e ho letto con piacere l’articolo pubblicato. Dal mio punto di vista, i fatti siano leggermente diversi. Per questo motivo riporto i punti salienti dei report relativi …

Continua »

Etichette alimentari: i dubbi su nome, ragione sociale e marchio registrato

Innanzitutto complimenti per il vostro sito, davvero perfetto! Ho un quesito da porvi, in merito alle etichette alimentari. In particolare, il confronto tra due norme contenute nella Direttiva 2000/13/CE e nel Decreto legislativo 181/2003. Nella prima, all’art. 3, riguardo le indicazioni obbligatorie delle etichette al punto 7 si legge che ci deve essere “il nome o la ragione sociale e …

Continua »

Il Fernet Branca ma non è più quello di una volta. L?abbassamento della gradazione alcolica ha distorto il gusto e il colore. Ed è più caro

Salve, mi chiamo Fabiano Dusi e abito in provincia di Brescia. Mi presento come consumatore in modesta quantità del Fernet Branca e come suo atipico collezionista e vi scrivo in merito al vostro articolo “Fernet Branca riduce di 6 gradi il contenuto di alcol in dieci anni, pochi se ne accorgono perchè la tendenza è generalizzata”. Possiedo bottiglie integre di …

Continua »
colomba dolci pasqua

Colomba pasquale artigianale: i dubbi di un lettore sul vero produttore. La ricetta è prevista dalla legge

Spett.le redazione de “Ilfattoalimentare”,sottopongo alla vostra cortese attenzione un quesito. Ho notato in pasticceria prodotti tipici delle festività pasquali come colombe, uova di cioccolato con etichette dove era indicata  la denominazione commerciale del luogo di vendita che mi lascia un pò perplesso. Per esempio la scritta: Pasticceria **, via **, nome del comune. 1, quando  il dolce è preparato in …

Continua »

Refezione scolastica: Milano Ristorazione non risponde alle domande scomode. E` un tema elettorale dice Predolin! Ne parliamo tra un mese.

Un mese fa ilfattoalimentare.it ha  inviato a Milano Ristorazione (la società del Comune che prepara ogni giorno 70 mila pasti per gli alunni delle scuole)  alcune domande sulla gestione del servizio, sul bilancio e su altre questioni.  Dopo tre sollecitazioni finalmente il presidente della società Roberto Predolin ci ha scritto  dicendo che sarà ben lieto di rispondere in modo esauriente, …

Continua »

Alimenti e pubblicità nei programmi Tv per bambini: la replica di Nestlé

Gentile Dottoressa Truncellito, Le scrivo sia in merito al Suo articolo pubblicato il 4 marzo 2010 sul portale di informazione ilfattoalimentare.it e intitolato “Kellogg’s e Nestlé reclamizzano i loro prodotti nei programmi TV per bambini: è corretto?”, sia alla Sua risposta del 31 marzo ad una lettrice sempre sul medesimo argomento. Ho letto attentamente le analisi riportate negli articoli e …

Continua »
bambini tv televisione pubblicità media

L’etichetta può aiutarci a capire se i cibi per bambini reclamizzati in Tv sono davvero imperdibili

Gentile dott.ssa Truncellito, ho letto e apprezzato il suo articolo sulle pubblicità alimentari durante i programmi Tv rivolti ai bambini. Vorrei segnalare la pubblicità dei cereali Nestlé Cheerios, che ci è capitato di vedere negli ultimi giorni durante i film per bambini trasmessi sui canali Tv a loro dedicati: – sabato 26 marzo, ore 6 pomeridiane su Italia 1, nel …

Continua »