Home / Lettere (pagina 20)

Lettere

Il merluzzo d’Alaska da dove viene? Il dubbio di una lettrice sulla denominazione in etichetta. Risponde Eurofishmarket

Sono una dietista e consumatrice consapevole (spero), ho notato che leggendo attentamente le etichette delle preparazioni di filetto di merluzzo panati (tipo bastoncini, crocchette o croccole etc..) il pesce non è merluzzo come indicato nella confezione, ma merluzzo d’Alaska (Theragra chalcogramma) quindi, correggetemi se sbaglio, non si tratta di merluzzo. Il consumatore potrebbe pensare che la denominazione merluzzo d’Alaska indichi …

Continua »

Olio extra vergine di oliva: i tappi e le guarnizioni dei contenitori in acciaio sono sicuri? I dubbi di un lettore. Risponde Grimelli di Teatro Naturale

Conservare l’olio di oliva extra vergine in taniche di acciaio inox alimentare è un’operazione a norma che spesso i frantoi fanno; ma il rubinetto di estrazione dell’olio per essere a norma dovrebbe avere guarnizioni o in teflon (materiale che risulta inerte nei confronti dell’olio – acido grasso) o in perfluoroelastomero (approvato dalla FDA se proprio vogliamo fare le cose fatte …

Continua »

“Perchè Il Fatto Alimentare è contro Grom?” Chiede un lettore. Nessuna crociata, è una questione di pubblicità scorretta che inganna i consumatori

Un lettore ci scrive: Mi scusi…superata la sua lotta contro Grom che ormai ha annoiato perché ciclicamente riporta i medesimi concetti, vorrei farle alcune domande: – Quanti negozi Grom ha analizzato per arrivare ad asserire che il tempo medio delle file è dimuito? – Quali orari ha preso in considerazione dei medesimi? – Quante volte si è recato nello stesso …

Continua »

Biscotti Mulino Bianco al vapore: secondo una lettrice la pubblicità è ingannevole. Quello che conta è la ricetta non il tipo di cottura

Anche volendo sorvolare sul fatto che le ultime pubblicità del Mulino Bianco lasciano a desiderare e sono diseducative, non è possibile ignorare le indicazioni scorrette del messaggio. La pubblicità dei biscotti Gemme di Grano della linea Essere recita: “più leggeri perchè cotti al vapore“, lasciando intendere che la cottura tradizionale al forno implichi un qualche aumento delle calorie o della …

Continua »

Nelle patatine fritte Lidl è sparito il formaggio! Eppure la fotografia sulla confezione non lascia spazio a dubbi

Ho acquistato alla Lidl un pacchetto di patatine Custi Croc al gusto formaggio e cipolle. Lo snack rientra nella linea a marchio privato che usa Lidl per i propri prodotti. Quando sono arrivato a casa ho letto gli ingredienti e mi è sorto qualche dubbio. Sapevo che la percentuale degli ingredienti accessori utilizzati per insaporire le patate era ovviamente bassa, …

Continua »

Assobibe: “nessuna pubblicità diretta ai minori di 12 anni”. Ma la promozione delle bibite zuccherate può avere mille travestimenti

Dopo la pubblicazione su Il Fatto Alimentare dell’articolo “Bambini e pubblicità: se in tv ci sono meno spot diminuisce l’incidenza di obesità e sovrappeso” abbiamo ricevuto questa nota dell’Assobibe che pubblichiamo insieme alla riposta di Teresa Montesarchio, autrice del pezzo.   Abbiamo letto con attenzione l’articolo pubblicato, il 2 settembre 2013, dalla vostra testata dal titolo e riteniamo utile offrire …

Continua »

Perchè le vaschette di carne fresca in vendita al supermercato non devono avere la scadenza?

Vi scrivo per segnalare quanto accaduto a un mio conoscente presso una nota catena di supermercati della mia zona. La storia risale al 18 agosto scorso quando entra nel punto vendita e acquista una vaschetta di macinato fresco di vitello con un’etichetta sbagliata: la scritta recita “preincartato il 19.08.2013”, ovvero il giorno dopo! Sono, ovviamente, in possesso dello scontrino fiscale …

Continua »
patatine le contadine

Le patatine fritte “fatte a mano” sono un’illusione del marketing e della pubblicità. Bisogna cambiare etichetta

Il dubbio sulla regolarità delle etichette delle patatine fritte Le Contadine sedicenti “fatte a mano” non sussiste, sono ingannevoli e non serve aspettare il parere dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato.   Il Ministero delle attività produttive nella circolare del 10 novembre 2003, n. 168 (Etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari) scrive: “(…) L’uso di diciture quali …

Continua »

Gatorade arancia rossa non contiene succo di agrumi? Perchè non scriverlo chiaramente sull’etichetta

Ho acquistato alcune confezioni di Gatorade arancia rossa da 500 ml in un supermercato convinto che la definizione “arancia rossa” riportata in etichetta nel “campo visivo principale” (quello cioè più esposto al primo sguardo del consumatore al momento dell’ acquisto e che permette di identificare immediatamente il carattere e la natura del prodotto) facesse esplicito riferimento, accanto ai sali minerali …

Continua »

Ho trovato dei corpi estranei in una bevanda, ho avvertito i Nas e l’Asl ma non è successo niente o quasi

Ho comprato una bottiglia di una bevanda: dopo averne bevuto un sorso mi accorgo che ci sono delle cose che galleggiano: 4 o 5 cose nere e una bianca a forma di vermetto. Impossibile capire cosa fossero. Ho telefonato all’ASL per avere assistenza: mi hanno detto che se andavo da loro a denunciare la cosa loro avrebbero potuto analizzare altre …

Continua »

Mele biologiche Coop: alcune sono senza semi, una lettrice si domanda perchè. La risposta della catena di supermercati

Sto cercando una risposta al mio interrogativo: da anni consumo solo frutta e verdura biologica e da due mesi sto acquistando le mele della linea bio Viviverde Coop (varietà Golden in confezione da 4 unità). Ora il mio curioso dilemma è questo: com’è possibile che io non abbia mai trovato i semi che normalmente si trovano all’interno delle mele? Sono …

Continua »
chips

Patatine fritte “fatte a mano” e “cotte a mano”! Com’è possibile, scrive un lettore, forse si tratta di pubblicità ingannevole?

Un lettore ci scrive segnalando due confezioni di patatine a dir poco particolari: Le Contadine di Ica Foods e le Alfredo’s chips prodotte da Amica chips. Entrambe riportano sull’etichetta frasi e parole che richiamano ad una produzione artigianale. Più precisamente le prime vantano di essere state “fatte a mano”, le seconde di essere state “cotte a mano”. Il nostro attento …

Continua »

Barilla: le nuove fette biscottate sono più spesse ma la confezione ne contiene 2 di meno. I consumatori sono soddisfatti risponde la società

Ultimamente impazza in tv un nuovo spot con Banderas che decanta la geniale invenzione di aumentare lo spessore delle fette biscottate Mulino Bianco. Consumo abitualmente questo prodotto, e qualche giorno fa ho comprato la nuova confezione nel formato che contiene 4 pacchi. Mi stupisco perché mi sarei aspettata un pacco “più lungo”, invece è  identico a prima…soluzione del mistero: ogni …

Continua »
rio mare leggero 1

Tonno Rio Mare “Leggero”, ma sarà vero? La scatola contiene meno olio e meno calorie, ma per la legge non basta

Ho visto in questi giorni su diversi giornali la pubblicità del tonno Rio Mare “con un filo d’olio, leggero”, volevo sapere se é proprio così. Vi invio una foto che ho ripreso con il mio telefono cellulare. Lucia   Il Fatto alimentare ha già esaminato di recente un’etichetta del tonno Rio Mare che dava adito a non pochi dubbi di …

Continua »
pomodoro

Allarmismo o vere frodi? Un lettore si interroga sulla disinformazione e le bufale che mettono in crisi i consumatori

Facendo riferimento al suo articolo di tempo fa sui pomodori cinesi, in particolare, ricordavo questo passaggio “Le confezioni di pelati, le bottiglie di passata e di polpa vendute in Italia contengono il 100% di prodotto italiano, come scritto in etichetta.” Capirà allora lo sconcerto che ho provato nel leggere alcuni estratti del libro “Cibo criminale. Il nuovo business della mafia …

Continua »