Home / Etichette & Prodotti (pagina 30)

Etichette & Prodotti

categoria etichette e prodotti

Uova di Pasqua: il prezzo oscilla da 2,5 a 15 euro per 220-250g. Conta più la sorpresa o la qualità? Tutti i consigli per scegliere bene

Quest’anno la spesa per un uovo di Pasqua varia da 2,5 a 15 euro e con questa cifra si porta a casa un dolce alto 50 cm che pesa poco più di due tavolette di cioccolato (220-250 grammi). Capire perché ci sono differenze così vistose tra un prodotto e un altro è complesso e bisognerebbe considerare molteplici fattori collegati anche …

Continua »

Biscotti Mulino Bianco Fiori di latte: 40% in meno di grassi dice lo spot ma quasi lo stesso numero di calorie degli altri frollini, mentre il prezzo raddoppia

Gli spot tv dei frollini Barilla “Fiori di latte”  hanno un notevole impatto perché nella pubblicità si dice che contengono  il 40% in meno di grassi rispetto agli altri. Osservando però la confezione qualcosa non convince. A dispetto del nome, i Fiori di latte contengono solo il 5,2% di latte in polvere scremato!  Perché allora Barilla ha scelto questo nome per un prodotto …

Continua »

Allergeni: troppi errori sulle etichette dei prodotti a causa di ritardi ingiustificati, inerzia dei produttori e illeciti

Ci occupiamo di allergeni da quando abbiamo fondato Il Fatto Alimentare per diffondere il più possibile le regole e salvaguardare i consumatori più vulnerabili. Abbiamo denunciato i colpevoli ritardi del governo (1) nell’introdurre norme applicative e sanzionatorie, e così pure l’inerzia dei controllori rispetto a illeciti diffusi sui prodotti venduti sfusi (2). Ma la frustrazione aumenta, nell’osservare una miriade di …

Continua »

Il panino vegetariano di McDonald’s arriva anche in Italia dopo Germania e Svizzera. Confronto diretto con hamburger di manzo, pollo e pesce

McDonald’s Italia ha confermato che entro l’anno arriverà il panino vegetariano, anche se tutt’ora non ci sono informazioni precise sugli ingredienti. L’opzione senza carne della famosa catena di fast food, è già in vendita nei ristoranti di alcuni paesi europei, come la Germania, dove si chiama Veggie Burger, e la Svizzera, ribattezzato Vegi Mac.   Per avere un’idea sugli ingredienti e …

Continua »

Kebab Amadori e Aia: carne pronta ma con troppi ingredienti. Il prezzo è interessante anche se le porzioni indicate sono sottostimate

Il kebab rientra in una nuova categoria di prodotti di piatti di carne pronti da mangiare che possiamo comprare al supermercato. La nostra analisi ha interessato i prodotti di due marche leader: Aia e Amadori.  Premesso che nella tradizione culinaria per kebab si intende  un piatto di carne accompagnato da carboidrati, molto diffuso in Turchia, nel bacino mediterraneo e da …

Continua »

Etichette alimentari: la sede dello stabilimento necessaria per il Made in Italy. Il commissario UE ammette che i consumatori senza l’indicazione possono essere ingannati

La protezione del Made in Italy attraverso il ripristino obbligatorio sulle etichette alimentari della sede dello stabilimento di produzione raccoglie il sostegno ma anche reazioni avverse a Bruxelles. Un’interrogazione scritta alla Commissione europea è stata presentata il 2 febbraio dall’eurodeputata Elisabetta Gardini, per segnalare la crescente difficoltà dei consumatori europei nell’identificare l’origine, non solo geografica ma anche della sede produttiva – dei …

Continua »

Yogurt: troppo zucchero in quei vasetti! Danio arriva a 17 g ed Esselunga alla fragola a 16,3 g. La tabella con i confronti

Che merendine e snack siano ricchi di zuccheri lo sapevamo già. Ma molti zuccheri si nascondono anche in alimenti insospettabili come gli yogurt e in particolar modo, quelli arricchiti con frutta e cereali. Se vogliamo rispettare l’invito a contenere il consumo di zuccheri lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla comunità scientifica, come già ribadito in vari articoli, bisogna tenere conto di …

Continua »

Biscotti Plasmon: basta con l’olio di palma! Sosteniamo la petizione di una mamma che chiede di eliminare il grasso tropicale aggiunto dall’azienda al posto del burro

I biscotti Plasmon riempiono le dispense delle nostre case da generazioni. Bambine e bambini sono cresciuti mangiandoli felici fin dal sesto mese di vita. E i loro genitori hanno comprato questo prodotto per anni, sempre convinti che fosse la scelta migliore, la più sana e salutare. Ignoravano, però, la presenza di un ingrediente dannoso: l’olio di palma, una scorta per …

Continua »

Carrefour ed Esselunga decidono di lasciare sulle etichette l’indicazione dello stabilimento di produzione. Su Repubblica.it un articolo spiega l’importanza della scritta e il senso delle petizioni in corso

La petizione per mantenere l’obbligo di indicare in etichetta lo stabilimento di produzione sta coinvolgendo sempre più l’opinione pubblica, come mostrano i tanti articoli sui media e l‘interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle.  La questione ha coinvolto anche molte aziende che hanno deciso di mantenere sulle confezioni il nome dello stabilimento di origine. Anche le catene di supermercati più importanti  …

Continua »

Nestlé USA sarà il primo grande produttore di dolci a eliminare coloranti e aromatizzanti artificiali da cioccolato e dolciumi

Entro la fine dell’anno, Nestlé Usa eliminerà gli aromi e i coloranti artificiali, come il RED 40 e lo Yellow 5, da tutti i suoi prodotti al cioccolato e dai dolciumi, per venire incontro alle tendenze dei consumatori. Gli additivi artificiali saranno sostituiti con ingredienti naturali, senza alterare il gusto e senza aumenti di prezzo. Ad esempio, la vanillina artificiale …

Continua »

Cos’è il grano khorasan Kamut ® ? I segreti del successo del cereale e l’abile strategia di marketing che l’ha reso famoso

Non è adatto agli oltre 160mila celiaci italiani né agli allergici alle proteine del frumento (leggi articolo). I suoi prodotti possono costare anche quattro volte di più rispetto agli omologhi realizzati con farine tradizionali. Ma nonostante la contrazione dei consumi, per il grano khorasan Kamut® gli italiani sacrificano i propri risparmi. «Questi prodotti sono più costosi per due ragioni: i …

Continua »

Nell’olio extravergine di oliva la differenza di prezzo è data dall’origine della materia prima, come nel caso di Auchan e Farchioni, confezionati dalla stessa azienda

Negli oli di oliva extravergini la composizione acidica non varia in modo significativo e le tabelle nutrizionali sono simili a prescindere dall’origine delle miscele. Il riferimento per il consumatore è costituito soprattutto dalle caratteristiche organolettiche che, come il prezzo, possono variare in relazione alla provenienza e alle proprietà della materia prima (vedi tabella sotto). Dal 1 luglio 2009 è obbligatorio …

Continua »

In etichetta l’origine della carne utilizzata nei piatti pronti: è una richiesta approvata dal Parlamento europeo. Il 90% dei consumatori desidera ricevere questa informazione

Le carni utilizzate come ingredienti nei prodotti alimentari trasformati dovrebbero prevedere l’indicazione del paese di origine sulle etichette. Quel che avviene già per le carni bovine fresche dovrebbe valere anche per prodotti come piatti pronti e surgelati, dalle lasagne fino ad hamburger e crocchette di pollo. È quanto chiede una risoluzione approvata dal Parlamento europeo con 460 voti a favore, …

Continua »

Allergeni in etichetta: è obbligatorio segnalare tutte le spezie? Risponde Dario Dongo esperto di diritto alimentare

Volevo sapere se c’è l’obbligo sulle etichette di specificare il tipo di spezie presenti  negli insaccati. Avendo un bambino allergico alla noce moscata, per me è un problema! Trovo solo segnalato spezie Daniela   Risponde Dario Dongo, avvocato esperto di diritto alimentare   La lista di ingredienti che il regolamento UE 1169/11 (Allegato II) impone di indicare ed evidenziare nell’elenco degli ingredienti di …

Continua »

Nutella B-ready: il nuovo snack della Ferrero è arrivato nei supermercati. Troppe calorie, troppi grassi e prezzo elevato

Nutella B-ready ha superato gli esami e dopo due anni di test condotti in Italia e all’estero è approdata sugli scaffali dei supermercati Coop ed Esselunga. Si tratta dell’ennesima merendina che dovrebbe ingolosire grandi e piccini grazie alla farcitura a base di Nutella che costituisce il 76% del prodotto.   Lo snack è composto da una sottile cialda farcita di …

Continua »