Home / Controlli e Frodi / Perché un alimento contaminato non viene sempre ritirato dal mercato? Le risposte del Ministero della salute

Perché un alimento contaminato non viene sempre ritirato dal mercato? Le risposte del Ministero della salute

sicurezza alimentare allerta 156855043
In alcuni casi le autorità sanitarie non ritirano i prodotti contaminati dal mercato perché non c’è rischio per la salute

Molti lettori ci chiedono perché le autorità sanitarie non attivano il sistema di allerta alimentare quando in seguito ad analisi di laboratorio o dopo avere effettuato  ispezioni  nelle aziende o  nei punti vendita  riscontrano  un alimento contaminato.  L’automatismo tra irregolarità e ritiro del prodotto dal mercato non è scontata perché in molti casi non esiste un grave rischio per la salute pubblica.

 

Il Ministero della salute ha classificato quattro eventualità che dovrebbero sconsigliare azioni di ritiro del prodotto. Pur condividendo questa scelta, va ricordato che  il Ministero della salute raramente informa i cittadini quando  un prodotto viene ritirato dal mercato per motivi che il sistema europeo classifica come “allerta”. Quest’anno il Ministero ha lanciato un solo allerta  ufficiale mentre in altri paesi avviene l’avviso viene diffuso anche una volta alla settimana!

sicurezza alimentare allerta 126808909
Il Ministero della salute raramente informa i cittadini quando un prodotto viene ritirato dal mercato per motivi che il sistema europeo classifica come “allerta”

Ecco le linee guida del Ministero della salute.

1) Quando in un alimento viene riscontrata la presenza di additivi o di residui di sostanze autorizzate ma in quantitativi superiori a quanto consentito dalla normativa vigente, e il quantitativo di queste sostanze consenta di escludere ragionevolmente la pericolosità per la salute pubblica.

2) Quando viene riscontrata la presenza  di microrganismi potenzialmente patogeni in prodotti intermedi (per esempio carne di pollo cruda utilizzata per preparare cotolette impanate prefritte  n.d.r.)  destinate ad essere sottoposte  a uno o più trattamenti tali da garantire la distruzione dei microrganismi patogeni, prima della commercializzazione.

3) Quando viene riscontrata la presenza di germi abitualmente utilizzati come indicatori di igiene o indice contaminazione in numero superiore ai limiti consentiti o a valori guida, ma l’agente biologico potenzialmente pericoloso non risulta vitale.

4) Quando  viene riscontrata una frode commerciale come: adulterazioni, sofisticazioni, contraffazioni, che non rappresentano un pericolo attuale o potenziale per il consumatore (per esempio olio extra vergine di oliva miscelato con olio di semi o ottenuto da olio deodorato, vino etichettato come Dop quando non lo è, mozzarella di bufala preparata con latte di vacca… n.d.r.).

 Sara Rossi 

Foto : Thinkstock

Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Prosciutto crudo prosciuttopoli

Prosciuttopoli: il Consorzio di Parma ammette “gravi problemi da risolvere”. A rischio la Dop

Il presidente del Consorzio del prosciutto di Parma annuncia la grave crisi causata da Prosciuttopoli. …